Oggi vi presentiamo lo STEM®, il primo impianto solare termodinamico al mondo che utilizza la sabbia.

Lo STEM® è un impianto solare termodinamico prodotto e brevettato dal Gruppo Magaldi, inaugurato il 30 giugno 2016 nel Polo Energetico Integrato a San Filippo del Mele in provincia di Messina.

Impianto solare termodinamico

Il sistema alla base di un impianto solare termodinamico è quello di utilizzare specchi in grado di indirizzare il fascio di luce verso un punto preciso, occupato da un serbatoio (tubo o caldaia) pieno di un fluido vettore, in genere un olio minerale diatermico o un sale fuso, per generare poi vapore surriscaldato da inviare in una turbina elettrica.

Esistono due tipi di impianti solari termodinamici:

  • Uno che usa chilometri di specchi parabolici che concentrano la luce su dei tubi pieni di fluido vettore.
  • E un altro che impiega centinaia di eliostati (specchi che seguono il sole), per indirizzare la luce su una caldaia centrale.

Il principale vantaggio del solare termodinamico è assicurato dai serbatoi termicamente isolati, che mantengono per molto tempo i fluidi ad alte temperature, assicurando una scorta di calore capace di produrre energia elettrica anche in assenza di sole, rendendo questo sistema più efficiente del fotovoltaico.

Il principale svantaggio di questi sistemi proviene dal tipo di fluido vettore che viene utilizzato:

  • l’olio diatermico, è infiammabile e fortemente inquinante, oltre al fatto di non essere molto efficiente, in quanto ha il difetto di non poter superare i 300° C, temperatura non sufficiente per ottenere un vapore di “qualità”.
  • I sali minerali fusi, se si raffreddano sotto i 300°C, tornano solidi e ostruiscono i tubi e per scongiurare questa evenienza, nei periodi di scarsa insolazione il fluido deve essere scaldato con del metano.

L’innovazione dello STEM®

Lo STEM® è un impianto solare termodinamico unico al mondo, al quale è stato risolto il problema connesso ai fluidi vettori, il Gruppo Magaldi ha avuto l’idea di utilizzare al loro posto della sabbia, realizzando con la consulenza dell’Università Federico II di Napoli, un “letto fluido” costituito da sabbia di fiume silicea, con granelli di 0,2 millimetri o meno.

FONTE: http://www.magaldi.com

I vantaggi dell’utilizzo di un letto fluido di sabbia sono numerosi:

  • Materiale economico, disponibile in natura in grosse quantità.
  • ecosostenibile, in grado di essere riutilizzato e smaltito senza problemi per l’ambiente.
  • capacità termica superiore rispetto a un liquido, può accumulare calore fino 1600 gradi C ( temperatura di fusione della sabbia silicea).
  • accumulo termicofino a 10/15 ore.

Stem®, brevetto tutto italiano

La tecnologia prodotta dal Gruppo Magaldi è un brevetto tutto Italiano, per la progettazione di questa tecnologia ha collaborato: il Dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali e della produzione industriale dell’Università di Napoli Federico II, l’Istituto di ricerche sulla combustione (Irc) del Cnr e l’ingegner Gennaro De Michele, direttore scientifico del progetto.

Come funziona lo STEM®

Il prototipo dello STEM® presente in Sicilia  si estende su una superficie totale di 2,25 ettari, è costituito da un singolo modulo da 2 MW, in grado di produrre 500 KWh o una produzione  giornaliera di vapore surriscaldato a 520°C pari a 20,5 tonnellate.

Il sistema essendo modulare, può essere ampliato collegando in serie altre unità.

786 eliostati (superficie complessiva di 5.500 metri quadri) , che seguono il Sole, convogliano i raggi solari su un grande  specchio quadrato superiore che a sua volta li convoglia verso un cilindro, riempito con 250 tonnellate di sabbia, destinato ad accumulare il calore durante le ore ad elevata insolazione.

FONTE: http://www.magaldi.com

Nel cilindro è ospitata una camera la cui forma è stata studiata dall’Istituto di Ottica del Cnr, dove volano le tonnellate di granelli di sabbia, che raggiunti i 650 °C, cedono calore a una serpentina di tubi pieni di acqua, il vapore che si produce nella serpentina viene convogliato in una turbina per la produzione di energia elettrica.

Il prototipo dello STEM® per ora non ha una sua turbina, ma sfrutta le turbine della vicina centrale ad olio combustibile di A2A.

FONTE: http://www.magaldi.com

Il calore accumulato nel cilindro termicamente isolato, assicura produzione di energia per sei ore di fila a massima potenza, anche in assenza di sole.

FONTE: http://www.magaldi.com

L’Istituto di ricerche sulla combustione (Irc) del Cnr, vorrebbe portare anche un ulteriore innovazione straordinaria nello STEM: utilizzare gli eliostati non solo per convogliare la luce del sole verso il cilindro, ma dividere lo spettro riflesso da essi in due parti, quello utile per riscaldare la sabbia e il rimanente utilizzarlo da parte di pannelli fotovoltaici installati direttamente sugli specchi degli eliostati.

Lo STEM® cattura gli scienziati statunitensi

Il 27 Aprile 2017 Il professore Clifford Ho dei Sandia National Laboratories, con sede nel New Mexico e in California, ha visitato il Polo energetico e ha dichiarato: “ il lavoro di Magaldi con il ricevitore a letto fluidizzato, è ben allineato con gli sforzi di Sandia per sviluppare tecnologie CSP a particelle con lo scopo di ottenere temperature più elevate e maggiore efficienza rispetto agli attuali CSP, cosi da poter avanzare lo stato attuale della tecnica. La tecnologia delle particelle fluidizzate di Magaldi è unica, in quanto permette il riscaldamento e deposito di particelle di sabbia generando vapore ad alta temperatura – in una singola unità, con base a terra. Il vapore ad alta temperatura può essere utilizzato per generare elettricità, anche quando il sole non splende .”

FONTE: http://www.magaldi.com

I Sandia Laboratories hanno il compito di svolgere attività di ricerca e sviluppo nei settori della sicurezza globale, della difesa, nel settore nucleare e nelle tecnologie nel settore dell’energia con sedi ad Albuquerque, New Mexico e Livermore, California.

Il protoripo dello STEM®, servirà a dimostrare ai compratori, probabilmente stranieri come il Sandia National Laboratories, l’efficacia e l’economicità del sistema.

Un impianto perfetto per le aree geografiche con alto irraggiamento solare, capace di produrre energia elettrica e calore sia per grandi complessi industriali che per piccole realtà, garantendo un funzionamento 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno e un capacity factor che può arrivare fino all’85%, di gran lunga superiore alle altre fonti rinnovabili.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione
Articolo precedenteOoho! l’acqua contenuta in una bolla commestibile
Prossimo articoloLe più antiche forme di vita terrestri
Laureato in Scienze Ambientali e laureando nella magistrale di Biologia Ambientale è un vero appassionato della natura nella sua totalità. Fonda The marsican bear nel Marzo 2017 con l’utopico sogno di salvaguardare la Terra e far conoscere a più persone possibili le sue meraviglie, ma nel contempo mostrare la situazione critica che l’uomo ha creato su essa. Appassionato di fotografia, snorkeling, trekking e acquariofilia. Oltre ad essere fondatore e autore di The Marsican Bear, dal 2013 è collaboratore anche del più vasto e completo Magazine dedicato all’Acquario Marino italiano DaniReef.com, vantando un’esperienza ventennale nel mondo acquariofilo. La sua tesi in Scienze Ambientali era incentrata sui coralli con il titolo “Simbiosi tra Symbiodinium (Dinophyta) e Anthozoa (Cnidaria)”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here