Theunis Botha, uno dei più rinomati cacciatori  del parco di Hwange, è stato schiacciato da una femmina di elefante.

L’episodio è avvenuto lo scorso 19 maggio nei pressi del Hwange National Park nello Zimbabwe, mentre la vittima Theunis Botha stava conducendo un gruppo per una battuta regolarmente autorizzata alla Good Luck Farm.

Theunis Botha

Cinquantuno anni, specialista nella caccia dei leopardi con i suoi grandi cani da caccia, non disdegnava cacciare anche le antilopi e i leoni per poi farsi immortalare sorridente accanto ai suoi “trofei”.

Era famoso per i suoi safari nel parco di Hwange e  come collezionista di teste e zanne d’avorio.

E’ paradossale leggere sul sui sito “Theunis Botha Big Game Safari”: Theunis Botha Big Game Safari è operativa dal 1983. Un’azienda di famiglia che nasce da un amore reciproco per l’Africa e le sue bellezze naturali.

La società di Botha ha anche un canale YouTube con numerosi video che ritraggono la caccia ai bufali, coccodrilli, leoni ed elefanti.

L’episodio

Mentre stava conducendo un gruppo di cacciatori per una battuta regolarmente autorizzata alla Good Luck Farm, ha incontrato accidentalmente un branco di elefanti femmina con i loro piccoli. Impauriti tre pachidermi, hanno caricato frontalmente i cacciatori, mentre un quarto è arrivato di lato sorprendendoli. Secondo le testimonianze il pachiderma ha alzato Theunis Botha con la proboscide per poi scaraventarlo a terra e calpestarlo, un altro cacciatore ha aperto il fuoco colpendo mortalmente l’animale, che tragicamente è collassato schiacciando Botha.

Scott van Zyl

Botha era molto amico di Scott van Zyl, 44 anni anch’esso rinomato cacciatore, che è stato ucciso  lo scorso 7 Aprile dai coccodrilli durante la caccia al campo Chikwaraka  in Zimbabwe.

E sempre ai confini dello stesso parco, nel 2015, fu ucciso dal dentista americano appassionato di caccia, Walter Palmer il leone Cécil.

Di fronte a un lutto non ci permettiamo di commentare in nessun modo, ma vogliamo ricordare che: ogni anno i bracconieri in cerca di avorio uccidono fino a 33mila pachidermi e secondo l’ultimo censimento del Great Elephant Census sono scomparsi oltre 140 mila esemplari tra il 2007 e il 2014, una diminuzione di esemplari del 30% di media in tutta l’Africa. In Tanzania vi è il 60% in meno, mentre in Mozambico il 53%.

Sono stati stimati in Africa 352.271 esemplari e al ritmo attuale si potrebbe arrivare, in soli 9 anni, alla loro estinzione.◊

Li abbattono con i kalashnikov, ne segano le zanne, lasciano la carcassa a marcire nella savana, tutto per ottenere bacchette da riso o insulse statuine prendi-polvere da tenere in salotto. Evidentemente gli elefanti, fra le creature più grandi della Terra, sul nostro pianeta da cinque milioni di anni, non suscitano abbastanza rispetto da parte dei «piccoli» uomini.
(Carlo Grande)

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here