Secondo una nuova ricerca condotta dall’Università di Oxford, l’attività vulcanica probabilmente ha svolto un ruolo fondamentale nel far scattare l’ estinzione di massa Triassica (201,5 milioni di anni fa), che ha generato l’alba dei dinosauri.

La nuova ricerca  “Mercury evidence for pulsed volcanism during the end-Triassic mass extinction” pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences dai ricercatori del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Oxford in collaborazione con le Università di Exeter e Southampton, e coordinati da Lawrence Percival,  lega il vulcanismo all’estinzione di massa di fine triassico, causata dalle ripetute emissioni di anidride carbonica che hanno avuto un impatto profondo sul clima globale.

L’estinzione di massa del Triassico

La fine del periodo triassico ha visto una delle più grandi estinzioni di massa, della vita animale, conosciuta nella storia della Terra.

L’elenco comprende grandi rettili coccodrilli e diversi invertebrati marini. L’evento ha anche causato cambiamenti nella vegetazione terrestre e, pur rimanendo un mistero il perché e il come, ha permesso ai dinosauri sopravvissuti, di riempire le nicchie ecologiche lasciate vacanti dalle  specie della fauna selvatica estinte, accanto ai primi mammiferi e agli anfibi.

L’autore principale Lawrence Percival, del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Oxford, ha dichiarato: “I dinosauri sono stati in grado di sfruttare quelle nicchie ecologiche lasciate libere dall’estinzione”.

Questa estinzione di massa è stata a lungo collegata a un grande e brusco rilascio di anidride carbonica nell’atmosfera, ma la fonte esatta di questa emissione era sconosciuta.

Ricerche precedenti

A seguito della scoperta di rocce vulcaniche della stessa età dell’estinzione, le emissioni di anidride carbonica vulcanica sono state precedentemente suggerite come un importante contributore di questo evento di estinzione.

Studi precedenti hanno anche dimostrato che questo vulcanismo potrebbe essere avvenuto in vari momenti distaccati, ma l’estensione globale e l’impatto potenziale di questi episodi vulcanici sono rimasti sconosciuti.

Queste rocce vulcaniche hanno coperto un’area enorme, in quattro continenti, che rappresentano la Provincia Magmatica dell’Atlantico Centrale (CAMP).

La ricerca

Il ricercatore dell’Università di Oxford, Lawrence Percival e colleghi, hanno cercato di tracciare l’impatto globale delle principali emissioni di gas vulcaniche e il loro legame con la fine del periodo triassico.

I risultati legano il vulcanismo alle precedenti ripetute emissioni di anidride carbonica che hanno avuto un impatto profondo sul clima globale, causando l’estinzione di massa alla fine del periodo triassico, nonché rallentando il recupero della vita animale in seguito.

Indagando sul contenuto di mercurio delle rocce sedimentarie depositate durante l’estinzione, la squadra ha rivelato chiari collegamenti nella tempistica del vulcanismo CAMP e l’estinzione di fine Triassico.

Il vulcanismo

I vulcani emanano emissioni di gas di mercurio, che si diffondono globalmente attraverso l’atmosfera, prima di essere depositati nei sedimenti.

Qualsiasi sedimentazione lasciata durante un grande evento vulcanico dovrebbe pertanto avere un contenuto di mercurio insolitamente elevato.

Depositi di sedimenti

Gli scienziati hanno ottenuto sei depositi di sedimenti provenienti dal Regno Unito, dall’Austria, dall’Argentina, dalla Groenlandia, dal Canada e dal Marocco, ei loro livelli di mercurio sono stati analizzati.

Il vulcano del Monte Bromo sull’isola Java dell’Indonesia. Credito immagine: Jan-Pieter Nap / CC BY-SA 3.0.

Incremento di mercurio

Cinque dei sei registri hanno mostrato un notevole aumento del contenuto di mercurio che inizia “dall’orizzonte” dell’estinzione di fine Triassico, con altri picchi osservati tra l’orizzonte di estinzione e il confine Triassico-Giurassico, avvenuto circa 200.000 anni dopo.

Le emissioni di mercurio elevate coincidono anche con gli incrementi precedentemente stabiliti nelle concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica, indicando il rilascio di questo gas dal degasaggio vulcanico.

“Questi risultati sostengono fortemente ripetuti episodi di attività vulcanica alla fine del Triassico, con l’inizio del vulcanismo durante l’estinzione Triassica finale”, ha detto Percival.

“Questa ricerca rafforza notevolmente il legame tra l’estinzione di massa triassica e le emissioni vulcaniche di anidride carbonica”.

“Questa ulteriore evidenza di emissioni episodiche di anidride carbonica vulcanica come probabile conducente dell’estinzione aumenta la nostra comprensione di questo evento e potenzialmente di altri episodi di cambiamento climatico nella storia della Terra”.

Nuovo strumento

I ricercatori ora vogliono utilizzare il mercurio per esaminare altri periodi di antica attività vulcanica.

Il prof. Mather ha detto: “Penso che sia davvero emozionante che stiamo parlando di un episodio di vulcanismo accaduto 200 milioni di anni fa, e questi record di mercurio nei sedimenti ci permettono di dire cose nuove sul vulcanismo che è accaduto lontano indietro nel profondo Tempo della Terra.

“Questo è uno strumento nuovo e potente che ci permetterà di comprendere meglio l’evoluzione del nostro pianeta”.◊

YouTube: Presentazione canale The Marsican Bear

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here