Tesla e l’azienda Deepwater Wind stanno collaborando per creare il più grande progetto al mondo che combini un parco eolico offshore e un sistema di accumulo su grande scala.

Il Block Island Wind Farm, il primo parco eolico offshore americano, è stato costruito da Deepwater Wind e ha iniziato a funzionare nel 2016. Credit: NREL / flickr

Il progetto, chiamato Revolution Wind Farm, genererebbe energia elettrica a circa 22 Km dalla riva dell’isola Martha’s Vineyard, nel Massachusetts (Stati Uniti d’America). Il progetto avrebbe la capacità di generare 144 megawatt di energia eolica, o abbastanza elettricità per alimentare 80.000 case, e sarà accumulata in grandi batterie costruite da Tesla.

La società Deepwater Wind è la principale azienda americana nell’ambito dell’eolico offshore, essendo anche l’unica ad avere un’efficace parco eolico offshore il Block Island Wind Farm da 30 megawatt (MW) situato nei pressi di Block Island, Rhode Island.

 

Se approvato dallo Stato, l’impianto eolico inizierebbe a funzionare nel 2023. E’ prevista la costruzione accanto ad un altro parco eolico sempre proposto da Deepwater Wind chiamato Fork Wind Farm che fornirebbe elettricità a Long Island, New York.

Il Massachusetts punta alle rinnovabili

Le società hanno proposto il Revolution Wind  come risposta alla richiesta del Massachusetts di puntare alle nuove fonti di energia rinnovabile in tutto lo Stato. Lo Stato del  Massachusetts spera di generare energia pulita cosi da soddisfare i suoi obiettivi climatici, tagliando le emissioni di gas a effetto serra.

Le centrali elettriche che operano sul carbone e sul gas naturale sono state storicamente la più grande fonte di inquinamento da carbonio dell’America.

Il Revolution Wind Farm riunisce due nuove industrie negli Stati Uniti: parco eolico offshore e il sistema di accumulo elettrico della Tesla.

Un parco eolico complessivo da 2 GW

Deepwater Wind ha rivelato che il suo parco da 144MW, sarà equipaggiato con un sistema di accumulo di batterie da 40 MWh (megawattora) fornito da Tesla. La proposta di Deepwater Wind per la costruzione del Revolution Wind è disponibile anche con versioni alternative, una versione da 288 MW e una versione da 96 MW. La posizione del Revolution Wind sarebbe nel sito di locazione federale di Deepwater Wind, al largo della costa del Massachusetts, a circa 30 miglia dalla terraferma e a 12 miglia a sud dell’isola Martha’s Vineyard(Massachusetts). Sarà costruito adiacente alla Fork Wind Farm sempre di Wind Power un parco eolico off-shore standard che produrrà 90 MW, un parco destinato a servire Long Island.

Se completamente costruito, il sito di locazione federale di Deepwater Wind potrebbe ospitare fino a 2 GW di energia eolica offshore.

“Il Revolution Wind Farm sarà il più grande progetto al mondo che comprenda parco eolico offshore e sistema di accumulo elettrico”, ha dichiarato Jeffrey Grybowski, amministratore delegato di Deepwater Wind . “La gente può essere sorpresa da quanto abbordabile e affidabile sia questa combinazione di energia pulita”.

“Il Revolution Wind è flessibile e modulabile. Questo è un importante vantaggio dell’eolico offshore, possiamo costruire a seconda delle necessità”, ha aggiunto Grybowski. “Possiamo costruire un progetto più grande se altri Stati del New England vogliono partecipare adesso o possiamo iniziare con dimensioni più piccole per adattarci alle lacune energetiche a breve termine della regione. E il nostro prezzo a qualsiasi dimensione sarà molto competitivo con le alternative “.

Dipende da come si accumula l’energia

L’espansione e l’aumento dell’uso delle rinnovabili dipendono in parte dai nuovi modi per accumulare il vento e l’energia solare, che oggi può essere utilizzata solo quando il vento soffia e il sole splende. Le batterie grandi sono considerate come una soluzione a questo problema perché consentono l’utilizzo di energia rinnovabile ogniqualvolta sia necessario.

Le batterie di Tesla

Finora, le batterie sono maggiormente utilizzate per accumulare l’energia solare. Tesla ha collaborato con le società elettriche della California per costruire batterie che permettano di utilizzare al meglio l’energia proveniente dagli impianti solari, ma ancora non sono state usate per accumulare l’energia eolica offshore.

Tesla non ha detto che tipo di batterie abbia intenzione di utilizzare per il Revolution Wind Farm, ma le grandi batterie attualmente in produzione, tra cui le Tesla PowerPack, sono composte da 16 unità modulari (POD) di batterie distinte che insieme pesano più di 3 tonnellate per un altezza complessiva di 7metri.

I parchi eolici offshore al posto delle centrali elettriche diesel

Se approvato, la Revolution Wind Farm sarà costruita dalla Deepwater Wind, che lo scorso hanno ha realizzato il primo parco eolico offshore americano in Rhode Island(Stati Uniti, nella regione del New England). Quel parco eolico ha portato alla chiusura di una centrale elettrica diesel a Block Island.

In una dichiarazione, Deepwater Wind ha dichiarato che l’accoppiamento delle batterie con i parchi eolici off-shore, fornirà energia pulita durante i periodi di massima domanda di elettricità. Il progetto impedirà cosi la necessità di nuove centrali elettriche che operano solo quando la domanda di potenza è al suo picco giornaliero.

L’inizio della costruzione del progetto è prevista per il 2022, e la società ritiene di poter completare la costruzione del progetto da 144 MW in una sola stagione di costruzione.◊

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

2 Commenti

  1. Interessante progetto, sarà interessante poi capire come, dove è quando l’energia accumulata verrà distribuita…

    Cusruoso, però, perché non si punti sull’energia generata dal moto ondoso. Credo che questo sia più costante dell’energia solare e/o eolica……

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here