Un team internazionale di ricercatori ha identificato una nuova specie di orangutan che vive sull’isola indonesiana di Sumatra.

L’orangutan Tapanuli ( Pongo tapanuliensis ). Credo di immagine: Tim Laman.

Nell’articolo “Morphometric, Behavioral, and Genomic Evidence for a New Orangutan Species”, pubblicato sulla rivista Current Biology, da un team di ricercatori coordinati da Alexander Nater, dell’Università di Zurigo, viene descritta una nuova specie di orango denominata Pongo tapanuliensis (Nurcahyo, Meijaard, Nowak, Fredriksson & Groves, 2017) che vive sull’isola indonesiana di Sumatra.

Classificazione scientifica

  • Dominio: Eukaryota
  • Regno: Animalia
  • Phylum: Chordata
  • Classe: Mammalia
  • Superordine: Euarchontoglires
  • (clade): Euarchonta
  • Ordine: Primates
  • Sottordine: Haplorrhini
  • Infraordine: Simiiformes
  • Parvordine: Catarrhini
  • Superfamiglia: Hominoidea
    • Famiglia: Hominidae
      • Sottofamiglia: Ponginae
        • Genere: Pongo
          • Specie: tapanuliensis

Tre specie di Oranghi

Si conoscevano solo due specie di oranghi (il termine orango è utilizzato comunemente per indicare le specie appartenenti al genere Pongo):

  • Pongo pygmaeus (orango del Borneo )
  • Pongo abelii ( orango di Sumatra)

Tuttavia, dei nuovi dati fisici e genetici mostrano che una popolazione isolata di orangutan che vive a Batang Toru, una regione all’interno dei tre distretti di Tapanuli nella provincia del Nord di Sumatra, rappresenta una specie distinta.

 

Partendo da sinisra: Pongo pygmaeus, Pongo abelii, Pongo tapanuliensis.

“Le prime indicazioni dell’unicità della popolazione Tapanuli provenivano dal materiale scheletrico di un orangutan maschio adulto ucciso nel 2013, rispetto ad altri crani è stato scoperto che alcune caratteristiche dei denti e del cranio degli orangutan Tapanuli erano uniche”, ha dichiarato un membro del team Matt Nowak del Sumatran Orangutan Conservation Program.

La scoperta

Le prime notizie della presenza di oranghi nella regione Batang Toru  sono risalenti agli anni 30, ma solo nel 1997 durante una ricerca sul campo da parte del ricercatore Erik Meijaard la popolazione è stata trovata.

Nel 2006 è stata istituita nella zona una stazione di ricerca, tuttavia, solo nel 2013 con l’opportunità di esaminare i resti di un maschio adulto di orangutan Tapanuli, ucciso dagli abitanti di un villaggio nel novembre 2013, è stato possibile dimostrare che questa popolazione era di una specie distinta.

Questa è una foto di un cranio di Pongo tapanuliensis. Foto: Nater et al.

I ricercatori hanno confrontato il cranio e la mascella dell’orango con quello di altri 33 oranghi maschi adulti, presenti nelle collezioni di 10 istituzioni in tutto il mondo, rivelando delle numerose differenze, tra le quali il cranio del maschio Tapanuli è più piccolo di quello degli individui delle altre due specie.

Gli autori hanno inoltre, esaminato le caratteristiche degli individui viventi ( osservando delle differenze nella comunicazione, alimentazione ed aspetto), ed effettuato un’analisi dei genomi di 37 orangutan provenienti dal Borneo e Sumatra, consentendo loro di delineare l’albero genealogico evolutivo del genere Pongo.

Questa è una fotografia di Pongo tapanuliensis. Foto: Andrew Walmsley

“Sono rimasto sorpreso della misura in cui gli orangutan Tapanuli differivano geneticamente, morfologicamente e comportamentalmente dagli orangutan di Sumatra e Borneo”, ha dichiarato il dottor Marina Davila-Ross, coautore dello studio, dall’Università di Portsmouth.

Linea ancestrale degli oranghi viventi

I risultati suggeriscono che gli orangutan a nord del lago Toba si sono diversificati circa 3,4 milioni di anni fa dalla popolazione meridionale di orangutan ancestrali che ha dato origine alla prima popolazione di oranghi sull’isola di Sumatra. Un’ulteriore divisione dalla popolazione a sud del Lago Toba si è verificata circa 674.000 anni fa, dando origine agli orangutan del Borneo e alla specie appena scoperta che, come i suoi antenati, vive a sud del lago Toba.

Questa mappa mostra la distribuzione degli orangutan Tapanuli e di altre specie orangutan. Credito immagine: Università di Zurigo.

“La nuova specie rappresenta la linea ancestrale degli orangutan viventi“, ha affermato Serge Wich, professore di biologia dei primati presso l’Università di Liverpool John Moores e co-autore della ricerca.

“La più antica linea evolutiva del genere Pongo è effettivamente presente negli orangutan Tapanuli, che sembrano essere discendenti diretti della prima popolazione di orangutan di Sumatra “, ha affermato il dottor Alexander Nater dell’Università di Zurigo.

Specie a rischio estinzione

Si ritiene che esistano meno di 800 individui su un’area di 1.000 km 2 , numero cosi esiguo da renderla la specie di orangutan con il minor numero di esemplari.

Il numero di individui cosi esiguo è causato dai cambiamenti climatici, dall’attività venatoria, e dalla presenza di attività antropica che riduce e frammenta il suo areale (miniera d’oro e un porssimo impianto idroelettrico).

Matthew Nowak, uno degli autori della ricerca, ha affermato che “gli orangutan Tapanuli vivono in tre zone di foresta separate da aree non protette. Ricollegare queste tre aree è fondamentale per il futuro di questa specie”.

Inoltre, gli autori sperano che i piani di sviluppo della regione, tra cui una centrale idroelettrica, siano fermati dal governo.

Questa è una fotografia di Pongo tapanuliensis. Foto: Maxime Aliaga

L’anno scorso, gli orangutan del Borneo sono stati classificati secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn) come “in pericolo critico” di estinzione, a causa di una precipitosa diminuzione della popolazione causata dalla distruzione del loro habitat forestale per l’olio di palma e per le piantagioni di pasta di legno.

Gli oranghi di Sumatra sono stati classificati nel 2008 come critici in via di estinzione. ◊

Journal Reference:

Alexander Nater et al. Morphometric, behavioral, and genomic evidence for a new orangutan species. Current Biology, published online November 2, 2017; doi: 10.1016/j.cub.2017.09.047

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here