Momento di tensione quando un ghepardo è salta accanto a un turista dentro una jeep durante un safari in Tanzania.

Britton Hayes di Seattle, Washington, era con un gruppo di turisti in Africa quando si sono soffermati ad osservare tre ghepardi intenti a cacciare nel Gol Kopjes del Parco Nazionale del Serengeti .

La vicenda

“Abbiamo iniziato a notare che i ghepardi stavano diventando curiosi del veicolo”, ha detto Hayes “Ma era troppo tardi per andare via in fretta o cose del genere perché non vuoi spaventare gli animali, perché è così che le cose di solito poi vanno male”.

Il gruppo concentrato su un ghepardo che si stava arrampicando sul cofano della jeep non si è accorto del secondo che stava per saltare all’interno del retro del veicolo.

“Mentre stavamo tutti guardando il ghepardo nella parte anteriore, uno dei fratelli si era aggirato nella parte posteriore della jeep ed era salito sul retro del veicolo per cercare di annusarci e assicurarsi che non fossimo una minaccia”, ha detto Hayes.

Rallentare il respiro

La guida del gruppo ci ha prontamente avvertiti di evitare il contatto visivo con l’animale e di mantenere la calma.

Il signor Hayes ha detto che ha cercato di rallentare il respiro in modo che l’animale non percepisse la sua paura.

“Onestamente, è stato probabilmente uno dei momenti più terrificanti della mia vita mentre accadeva. Mi sentivo come se dovessi ripulire la mente da ogni pensiero, perché da tutto ciò che ti viene detto sui predatori del genere, possono percepire la paura e qualsiasi tipo di disagio tu senta e reagiranno di conseguenza “, ha detto Hayes.

Nessuno è rimasto ferito

Alla fine il “gattone” curioso dopo aver annusato e morso i sedili se ne è andato e nessuno è rimasto ferito.

“Tutti in macchina ci siamo guardati l’un l’altro, ci siamo fermati per 10 secondi mentre i ghepardi si allontanavano e non potevamo credere di essere usciti dalla situazione, è che tale fosse stata reale”, ha detto Hayes.

Il video mozzafiato è stato ripreso da Peter Heistein mentre il gruppo si trovava al Grand Ruaha Safari.

Conclusioni

I ghepardi sono gli animali terrestri più veloci del pianeta (per brevi tratti) e possono accelerare da zero a 96,5 km / h in tre secondi, ma gli attacchi contro gli umani sono estremamente rari. Due dei più recenti attacchi hanno riguardato animali tenuti in cattività: nel 2017 un bambino è stato ucciso da un ghepardo in Sud Africa quando il recinto è stato lasciato aperto e nel 2007 un ospite è stato ucciso da un branco di ghepardi in uno zoo belga dopo essere entrata nel loro complesso senza permesso.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione
Articolo precedenteMarsica Meteo: previsioni festività pasquali
Prossimo articoloMarsica Meteo: Speciale previsioni meteo Ovindoli
Laureato in Scienze Ambientali e laureando nella magistrale di Biologia Ambientale è un vero appassionato della natura nella sua totalità. Fonda The marsican bear nel Marzo 2017 con l’utopico sogno di salvaguardare la Terra e far conoscere a più persone possibili le sue meraviglie, ma nel contempo mostrare la situazione critica che l’uomo ha creato su essa. Appassionato di fotografia, snorkeling, trekking e acquariofilia. Oltre ad essere fondatore e autore di The Marsican Bear, dal 2013 è collaboratore anche del più vasto e completo Magazine dedicato all’Acquario Marino italiano DaniReef.com, vantando un’esperienza ventennale nel mondo acquariofilo. La sua tesi in Scienze Ambientali era incentrata sui coralli con il titolo “Simbiosi tra Symbiodinium (Dinophyta) e Anthozoa (Cnidaria)”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here