Il Marocco è vicino al completamento nel deserto Sahara del Noor Solar Project, la  più grande centrale termo-solare del mondo.

È stato annunciato da Mustapha Bakkoury ( amministratore delegato dell’Agenzia marocchina per l’energia sostenibile,Masen ) che, il complesso solare Noor Solar Project da 580 MW in Marocco sarà pienamente operativo a ottobre.

Noor Solar Project

La prima delle tre fasi del progetto Noor è stata costruita a Ouarzazate, ed è stata ufficialmente avviata nel 2016 da Sua Maestà Mohammed VI del Marocco.

La compagnia saudita ACWA Power si sta occupando della costruzione del complesso.

Moez Cherif, World Bank Lead Energy Economist  per la regione MENA (Medio Oriente e Nord Africa) ha affermato : “la prima fase è operativo dal 2016. Le ultime due sono in costruzione e sono nella fase finale e dovrebbero essere pienamente operativi entro la fine di quest’anno”.

La prima fase di questo impianto ha generato, da quando è stata avviata nel 2016, abbastanza elettricità da soddisfare il fabbisogno di 650.000 persone.

Energia solare a concentrazione

L’impianto solare, chiamato complesso Noor, utilizza l’energia solare a concentrazione (CSP) che è più costosa da installare rispetto ai pannelli fotovoltaici ampiamente utilizzati, ma a differenza di questi, consente lo stoccaggio di energia per le notti e le giornate nuvolose.

Image: REUTERS/Youssef Boudlal

Gli specchi coprono un’area di circa 1,4 milioni di metri quadrati.

Gli specchi focalizzano la luce del sole e scaldano un liquido che, mescolato con acqua, raggiunge circa 400 gradi Celsius. Il vapore prodotto da questo processo aziona una turbina e genera energia elettrica.

I pannelli solari si muovono per seguire il sole, che nel deserto illumina fino a 3.600 ore all’anno, dando al Marocco uno dei più alti livelli di potenziale solare del mondo.

Dicono i progettisti che Noor  1, la prima fase costruita a Ouarzazate, fornisce 160 MW e ha già ridotto le emissioni di carbonio, del Marocco, di centinaia di migliaia di tonnellate all’anno.

 

Il Marocco prevede di generare il 42% della sua energia da fonti rinnovabili entro il 2020, salendo al 52% entro il 2030, con solare, eolico e idroelettrico che forniscono ciascuno un terzo del totale.

Secondo il governo del Marocco , il Paese è sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo.

Conservare l’energia

Come già detto in precedenza il sito Noor ha utilizzato metodi innovativi per generare e immagazzinare i raggi del sole.

Vi consigliamo di leggere anche “STEM®: l’impianto termodinamico che produce energia elettrica dalla sabbia

Gli specchi concentrano i raggi del sole su un olio sintetico che scorre attraverso i tubi e li riscalda a 350° C, creando vapore acqueo che aziona un generatore a turbina.

Questa procedura è simile al modo in cui vengono usati i combustibili fossili per generare elettricità, ma sostituisce come fonte di energia i carburanti che producono biossido di carbonio con la luce solare.

Ma Noor 3, terza e ultima fase del progetto, consisterà in un’unica grande torre circondata da circa settemila specchi piani che rifletteranno i raggi del sole verso un ricevitore al suo apice.

I sali fusi all’interno della torre catturano e immagazzinano il calore, quindi non ci sarà bisogno dell’olio sintetico. Gli esperti dicono che questo è un modo più efficiente per immagazzinare l’energia del sole e ha bisogno di molto meno spazio rispetto agli attuali array di specchi.

La domanda massima viene raggiunta dopo che il sole è tramontato e le fasi 1 e 2 immagazzinano parte dell’energia nelle sabbie fuse. Questi possono continuare a produrre energia per un massimo di tre ore.

Tuttavia, la capacità di stoccaggio nelle fase  3 dovrebbe aumentare tra le sette e le otto ore dopo il tramonto.

Il Marocco leader nella regione MENA per quanto riguarda le fonti rinnovabili

Ha affermato Cherif :  “Il Marocco è considerato un leader nella regione MENA almeno per quanto riguarda le fonti rinnovabili”.

I combustibili fossili importati forniscono attualmente il 97% del fabbisogno energetico del Marocco, afferma la  Banca Mondiale . Di conseguenza, il paese è ansioso di diversificare e iniziare a utilizzare le energie rinnovabili.

Image: Solar Business Hub

Nel 2016 quando il progetto è stato attivato per la prima volta ha dichiarato Sameh Mobarek, Senior Counsel e World Bank manager: “L’Africa, in generale, e il Nord Africa in particolare, hanno un enorme potenziale per la generazione di energia solare, che rimane ampiamente inutilizzata”.

Impatto sulla popolazione

Si spera che il progetto abbia un impatto positivo sull’area circostante. Circa 583.000 persone vivono nella città di Ouarzazate a 10 km dal sito.

Nel 2016, il tasso di povertà era del 23%, ma la speranza è che l’energia più pulita e l’offerta migliore ridurranno il verificarsi di lampadine tremolanti e apparecchiature ospedaliere malfunzionanti.

Entro il 2020, o anche prima, la centrale solare da 9 miliardi di dollari produrrà 580 megawatt (MW), energia sufficiente per alimentare oltre un milione di case.

Conclusioni

Simbolicamente il nome Noor proviene da una pianta, che in arabo significa “luce” e il successo del complesso Noor potrebbe segnare l’alba di una nuova industria per un paese che fino a poco tempo fa importava il 97% del suo fabbisogno energetico.

Mafalda Duarte, manager di Climate Investment Funds (CIF), ha dichiarato nel 2016: “Il Marocco sta dimostrando una vera leadership e riduce i costi della tecnologia nel processo”.

Altri investitori del complesso solare di Ouarzazate includono la banca d’investimento tedesca KfW, la Banca africana di sviluppo, la Banca mondiale e la Banca europea per gli investimenti (BEI). 

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here