Giove il gigante gassoso ora ha 79 lune confermate, tra cui una nuova molto “strana”.

Vari raggruppamenti di lune gioviane con quelli appena scoperti mostrati in grassetto. La “strana”, chiamato Valetudo ha un’orbita prograda che attraversa le orbite retrograde. Fonte: Carnegie Institution for Science.

Una team internazionale di astronomi guidati da Scott S. Sheppard del Carnegie Institution for Science di Washington, negli Stati Uniti ha individuato 12 nuovi satelliti naturali in orbita attorno a Giove, portando il numero totale di lune conosciute di Giove a un enorme 79.

Planet X (ma questa è un’altra storia)

Le lune sono state osservate nella primavera del 2017 mentre i ricercatori cercavano oggetti del Sistema solare molto lontani come parte della ricerca di un possibile enorme pianeta ben oltre Plutone.

Nel 2014, questo stesso team ha trovato l’oggetto con l’orbita conosciuta più distante nel nostro Sistema Solare ed è stato il primo a rendersi conto che un pianeta massiccio sconosciuto ai margini del nostro Sistema Solare, ben oltre Plutone, potrebbe spiegare la somiglianza delle orbite di diversi piccoli oggetti estremamente distanti. Questo pianeta putativo ora è talvolta chiamato popolarmente Planet X o Planet Nine. Anche Dave Tholen dell’Università delle Hawaii e Chad Trujillo della Northern Arizona University fanno parte del team di ricerca del pianeta.

Dodici nuove lune

Ha affermato Scott S. Sheppard. : “Giove si trovava nella porzione di cielo vicino alla zona in cui cercavamo oggetti del Sistema solare estremamente distanti, quindi siamo stati abilmente in grado di cercare nuove lune attorno a Giove e allo stesso tempo cercare pianeti ai margini del nostro Sistema Solare”.

Questo è stato fattibile perché sia ​​le lune lontane che i pianeti distanti si mostrano come deboli punti di luce, che il telescopio può tracciare. Alla fine, la squadra di Sheppard è stata in grado di trovare una dozzina di lune. Due sono state annunciate nel 2017, mentre le altre 10 sono state annunciate formalmente ora.

Le lune di Giove appena scoperte, con diametri da uno a tre chilometri, richiedevano più osservazioni per accertarne la prsenza.

Nove delle lune fanno parte di uno “sciame” esterno che orbita nella direzione opposta, o retrograda, rispetto alla rotazione di Giove, impiegando circa due anni per completare un viaggio intorno al pianeta. Le lune orbitano in tre diversi raggruppamenti e si pensa che siano i resti di tre corpi che sono stati  distrutti in precedenti collisioni.

Due altre nuove lune sono state trovate come parte di un gruppo più vicino che orbita nella stessa direzione (prograda) della rotazione di Giove. Si pensa anche che siano il risultato di una collisione precedente e richiedono circa un anno per completare un’orbita.

La dodicesima luna “strana”

La dodicesima luna denominata Valetudo ( dea romana della salute e dell’igiene, pronipote del dio Giove) è un po’ strana, ha affermato Sheppard: “con un’orbita diversa da tutte le altre 78 lune luna gioviane conosciute. È anche probabilmente la luna più piccola di Giove, con meno di un chilometro di diametro. ”

La luna orbita nella stessa direzione di rotazione di Giove, ma a una distanza e inclinazione maggiore rispetto alle altre lune prograde e con un periodo orbitale di circa un anno e mezzo. Come tale, l’orbita attraversa quella delle più lontane lune retrograde, aumentando la possibilità di una possibile collisione frontale in un determinato momento.

Ha detto Sheppard: “Questa è una situazione instabile. Le collisioni frontali riducono gli oggetti in polvere. Probabilmente non durerà più i un miliardo di anni.”

Lune retrograde

La scoperta di Valetudo e delle nuove lune retrograde è interessante anche perché potrebbe aiutare a far capire perché le lune retrograde esistono. Per dirla semplicemente, le lune non si formano all’indietro, ha spiegato Imke de Pater, un astronomo dell’Università della California, Berkeley che non è stato coinvolto nella nuova scoperta.

Ha affermato de Pater:  “Ci si aspetterebbe se queste lune si fossero formate da una specie di protodisco attorno a Giove – nello stesso modo in cui pensiamo che i pianeti del nostro sistema solare si siano formati in un disco protoplanetario attorno al sole – che tutte loro orbitassero nello stesso modo, in modo progrado. Sarebbe davvero difficile spiegare come qualcosa potrebbe improvvisamente andare nella direzione opposta.”

Invece, si pensa che potrebbero essere state comete, asteroidi o planetoidi catturati dalla gravità del gigante gassoso dopo la formazione del sistema solare. Le collisioni con gas, polvere o altre lune potrebbero aver contribuito a farle rallentare verso orbite stabili.

Tutti i giganti gassosi del nostro sistema solare hanno lune retrograde e trovando queste nuove lune, insieme a Valetudo, il team di Sheppard ha dato agli scienziati maggiori punti su cui lavorare.

Ha affermato Rory Barnes, teorico del Virtual Planet Laboratory presso l’Università di Washington , che non è stato coinvolto nella ricerca: “Questo potrebbe indurci a capire come si è formato il sistema solare, potenzialmente, o almeno come si è evoluto negli ultimi quattro miliardi e mezzo di anni. Sono curioso di vedere come tutto questo si evolverà.”

Conclusioni

La scoperta iniziale della maggior parte delle nuove lune è stata fatta attraverso il telescopio Blanco da 4 metri al Cerro Tololo Inter-American in Cile e gestito dall’Osservatorio Astronomico Nazionale degli Stati Uniti.

Il telescopio è stato recentemente aggiornato con la Dark Energy Camera, rendendolo un potente strumento per il rilevamento di oggetti deboli nel cielo notturno.

Diversi telescopi sono stati utilizzati per confermare le lune, tra cui il telescopio Magellan di 6,5 metri nell’Osservatorio Las Campanas di Carnegie in Cile; il Discovery Channel Telescope di 4 metri al Lowell Observatory Arizona (grazie a Audrey Thirouin, Nick Moskovitz e Maxime Devogele); il Subaru Telescope di 8 metri e il telescopio Univserity of Hawaii da 2,2 metri (grazie a Dave Tholen e Dora Fohring dell’Università delle Hawaii); e il telescopio Gemini di 8 metri alle Hawaii (grazie a Director ‘ s Discretionary Tempo per recuperare Valetudo). 

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here