Cerchiamo di conoscere le meduse autoctone e alloctone presenti nel Mediterraneo

Il Mediterraneo, a partire dagli anni 1980, è stato interessato da eventi di proliferazione delle popolazioni di meduse, e secondo quanto affermato dall’Istituto di Scienze Marine del Cnr di Lesina negli ultimi dieci anni gli avvistamenti di meduse lungo le coste sono decuplicati, con un picco significativo nel 2013.

Possono rappresentare un pericolo per i bagnanti a causa dei tentacoli urticanti, soprattutto le meduse tropicali e sub tropicali che stanno invadendo i nostri mari.

Le meduse autoctone ( originarie del Mediterraneo) sono in prevalenza urticanti o innocue, le meduse alloctone (non originarie del Mediterraneo) possono essere “potenzialmente letali”.

Le meduse

La medusa è un animale plantonico, appartenente al phylum degli Cnidari (phylum che comprende anche i coralli).

Sono composte nel 98% d’acqua e la loro forma generica è formata da una zona superiore convessa, l’esombrella, e una regione inferiore concava, detta subombrella, al cui centro è posta la bocca che si collega alla cavità gastrovascolare mediante una struttura tubulare chiamata manubrium (manubrio). Dal margine subombrellare si propagano dei tentacoli urticanti a scopo di difesa e di predazione.

Come si muovono?

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Current Biology dimostrerebbe, al contrario di quello che si è pensato fino ad ora, che le meduse nuotino attivamente.

Nematocisti

Le nematocisti (o cnidocisti) sono gli organi urticanti racchiusi in alcune cellule ectodermiche che le meduse utilizzano per difesa e per paralizzare le prede. Le biotossine hanno effetto neurotossico, ipnotossico e talatossico.

Pericolose per l’uomo?

Alcune meduse possono essere mortali per l’uomo e una di queste è la Chironex fleckeri (Cubomedusa o Vespa di mare) uno degli animali più letali al mondo che fortunatamente non vive nel Mediterraneo ma vive nelle acque costiere dell’Australia settentrionale e in tutto il bacino Indo-Pacifico tra cui le coste di Filippine, Thailandia, Malesia, India, Papua Nuova Guinea e Hawaii.

Le nostre meduse autoctone fortunatamente non sono fatali e nella maggioranza delle specie sono innocue.

P.s

La Physalia (caravella portoghese) non è una medusa ma bensì una colonia appartenete all’ordine Siphonophora, classe Hydrozoa. Ciascuna colonia di polipi e meduse è integrata per agire come un signolo individuo. Migliaia di zooidi possono formare la colonia. Le colonie sono spesso spinte dal vento verso le piagge, dove possono essere pericolose per i bagnanti. Vive nell’Atlantico ma raramente è stata avvistata anche nel Mediterraneo (nel 2010 ha provocato la morte di una donna cagliaritana di 69 anni per shock anafilattico).

Le specie presenti nel Mediterraneo

La biologa marina Angela Santucci dell’Ismar-Cnr ha redatto una mappa delle varie meduse presenti nei nostri mari:

Le due potenzialmente letali

Rhopilema nomadica:

pericolosissima, può raggiungere anche mezzo metro di diametro. Molto simile al nostro innocuo Polmone di mare, ma con braccia filamentose e priva del caratteristico bordino blu-viola sull’ombrella, è stato avvistato nel Canale di Sicilia, Stretto di Messina e Sardegna.

Rhopilema nomadica

Physalia physalis:

la Caravella portoghese è velenosissima. Arrivata dal Canale di Suez, non è una vera e propria medusa ma una colonia di polipi e meduse, attaccati a una vescica bluastra che convivono galleggiando sul pelo dell’acqua, con tentacoli lunghi anche 20 metri che contengono tossine che possono causare fortissimi dolori e anche l’arresto cardiaco. E’ stata avvistata al largo di Sicilia, Sardegna e di Villa San Giovanni (RC).

Physalia physalis

Non letali

Pelagia noctiluca:

la medusa luminosa, tra le più note native nel Mediterraneo, abbondante in Tirreno e Adriatico settentrionale, ha diametro tra 10 e 15 centimetri, colore tra il marrone e il violetto, ha tentacoli lunghi anche qualche metro, è molto urticante ma non fatale per l’uomo.

Pelagia noctiluca:

Rhizostoma pulmo:

il polmone di mare nativo del Mediterraneo, quasi innocuo, si vede spesso in Adriatico e Ionio. Ha un’ombrella semisferica tendente al trasparente, bordi irregolari blu-viola, otto tentacoli sfrangiati e trasparenti. Può raggiungere fino a 50-60 cm di diametro e 10 kg di peso.

Rhizostoma pulmo

Cotylorhiza tubercolata:

la Cassiopea mediterranea, non pericolosa, presente nel sud Italia si sta diffondendo nel Tirreno. Fino i 35 cm di diametro, sembra un disco volante di colore bianco, con una gobba rotonda e giallastra al centro, bordo frastagliato di colore giallo o verdastro, e tentacoli corti che terminano con dischetti di colore blu-viola.

Cotylorhiza tubercolata

Aurelia aurita:

la medusa quadrifoglio è urticante, si incontra lungo le coste adriatiche ma ha invaso anche alcune lagune salmastre, come quella di Varano, lungo la costa nord del Promontorio del Gargano. Con ombrella circolare e trasparente, può raggiungere i 20 cm di diametro e il suo margine presenta una frangia con numerosi tentacoli sottili e corti semitrasparenti.

Aurelia aurita

Velella velella:

la barchetta di San Pietro si può incontrare nel Tirreno e in primavera si osservano spiaggiamenti anche massicci che dipingono la battigia di celeste, per via di pigmenti che la proteggono dai raggi solari. Si trova entro i primi 10 cm di acqua, vive in colonia, il diametro è di 7-8 cm.

Velella velella

Phyllorhiza punctata:

dall’anno scorso la proliferazione di questa medusa indo-pacifica innocua per l’uomo, sono stati segnalati anche dal Golfo di Olbia. Ha corpo semisferico, diametro di circa 30-60 cm, di colore marrone-bluastro con punti bianchi e otto braccia orali ramificate e trasparenti che terminano con un gruppo di cellule urticanti.

Phyllorhiza punctata

Quelle ‘gelatine’ innocue

Afferma la biologa Santucci: “Non vanno infine trascurate quelle ‘gelatine’ innocue, solitamente scambiate per meduse che in estate possono dar luogo a massicce fioriture costiere, come lo ctenoforo Mnemiopsis leydi (Noce di mare), specie aliena proveniente dall’Oceano col corpo trasparente a forma ovale, di piccole dimensioni (fino a 12 cm) e sei lobi, di cui due orali più grandi che sono un’estensione del corpo e quattro più piccoli situati sotto di essi. Una particolarità è la presenza di due fila di pettini ciliati per ogni lobo grande che quando stimolati da luce o contatto i cigli brillano di una luce blu-verde”.

Mnemiopsis leydi

Prosegue la ricercatrice: “Questa specie presenta un’elevata tolleranza a variazioni di salinità e temperatura, adattandosi così facilmente in ogni tipo di ambiente, pertanto risulta essere una specie da sorvegliare. Questo ctenoforo ha causato gravi danni agli stock ittici nel Mar Nero e in Italia, dopo le prime segnalazioni dalle coste orientali ligure e dal nord Adriatico, ha invaso anche le coste dell’Emilia-Romagna, della Toscana, la Laguna di Orbetello sul Tirreno e lo scorso anno anche le lagune adriatiche di Lesina e Varano”.

Salpe

Aggiunge Santucci: Un’altra “gelatina” innocua ma “i cui bloom possono causare danni agli ecosistemi, è rappresentata dalle salpe, come Salpa maxima, che nella fase sessuata si presenta aggregata in lunghe catene che possono raggiungere diversi metri di lunghezza, mentre gli organismi asessuati vivono singolarmente. Il colore del loro corpo è completamente trasparente in cui spicca un primitivo apparato tubolare digerente. Generalmente, questi organismi si trovano al largo; solo quantità relativamente basse vengono spinte dalle correnti nelle acque costiere (la maggior parte di loro, terminato il ciclo vitale, precipita sul fondo del mare). Fioriture di questa specie sono state segnalate nel 2013 lungo le coste adriatiche pugliesi e nel Canale di Otranto, mentre presenze sporadiche sono state viste in Sicilia e Campania. Negli ultimi due mesi è stata avvistata a Lipari (Messina) e in Costiera amalfitana (Salerno)”.

Campagna occhio alla medusa

Riportiamo quanto scritto sul sito www.marevivo.it :

Per tenere il fenomeno della proliferazione delle meduse sotto controllo e sapere quel che avviene a livello di bacino del Mediterraneo, La Commissione Internazionale per l’Esplorazione Scientifica del Mar Mediterraneo (CIESM) anche in collaborazione con Marevivo, ha predisposto una rete di osservatori sulle meduse, coinvolgendo sia la comunità scientifica sia gli osservatori “casuali” che, da una spiaggia o da un traghetto, possono diventare preziose vedette… di meduse.

Abbiamo visto che le meduse possono arrivare all’improvviso e altrettanto all’improvviso scomparire. Quasi mai queste apparizioni sono registrate scientificamente. La distribuzione e l’operatività dei biologi marini non è tale da poter apprezzare questi fenomeni in modo fedele.Soprattutto quelle più grandi, sono ben visibili e le poche specie di importanza diretta per l’uomo sono facilmente identificabili. Tutti possono segnalarle. Magari corredando la segnalazione con una foto digitale, presa anche con un telefonino. Scarica il un poster che contiene le illustrazioni delle specie più importanti e si chiederà di spedire le informazioni ai coordinatori della “Operazione Meduse”.

Tutte le informazioni saranno raccolte in un database che permetterà di sapere dove sono più abbondanti. Ogni avvistamento dovrebbe contenere informazioni sulla specie (alcune le vedete raffigurate in questo articolo) e sulla sua abbondanza. Una foto digitale sarà di grande aiuto.

Fateci sapere se vedete:

  1. individui isolati (questo è importante perché le proliferazioni di meduse iniziano all’improvviso, con pochi esemplari isolati che poi, a volte, possono diventare tantissimi)

  2. molti individui distanziati tra loro, in mare aperto

  3. molti individui raggruppati in strisce (ci sono particolari correnti, dette di Langmuir, che radunano il plancton, e anche la spazzatura, in tipiche strisce)

  4. moltissimi individui a formare uno sciame diffuso

  5. molti individui spinti dal vento lungo la costa, o in un porto (questi eventi avvengono alla fine del ciclo biologico, quando le meduse liberano i gameti e si formano le larve e poi i polipi)

  6. meduse spiaggiate

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here