Domani 11 Agosto  alle 9:00 è previsto il lancio della Parker Solar Probe, sonda della Nasa che andrà nell’orbita del Sole.

Ve ne avevamo parlato quattordici mesi fa della Parker Solar Probe, la prima visita dell’umanità a una stella (leggi qui) e domani 11 Agosto  alle 9:00 ne è previsto il lancio.

Le squadre che si stanno preparando per il lancio della sonda solare Parker della NASA stanno lavorando intensamente da una settimana per prepararne il decollo, previsto per sabato 11 agosto alle 3:33 am EDT (9:00 am ora Italiana), quando ci sarà l’apertura di una finestra di lancio di 65 minuti.

La sonda spaziale partirà a bordo di un razzo pesante United Launch Alliance Delta IV dallo Space Launch Complex 37 della Florida’s Cape Canaveral Air Force Station.

La Parker Solar Probe è stata progettata, costruita e gestita dalla Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory e costerà circa 1,5 miliardi di dollari.

Parker Solar Probe

La Parker Solar Probe è stata progettata, costruita e gestita dalla Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory e costerà circa 1,5 miliardi di dollari.

La navicella pesa 685 kg, e consiste di una struttura portante dove sono montati i strumenti e di un grande scudo termico in lega di carbonio.

Lo scudo termico di 11,5 cm di spessore, dovrà resistere a temperature al di fuori della navicella che raggiungeranno quasi i 1.400 gradi Celsius durante le sue immersioni coronali, mantenendo la struttura della navicella alla giusta temperatura. Gli strumenti montati nella struttura portante della navicella, avranno il compito di misurare i campi elettrici e magnetici della corona, le temperature degli elettroni e la densità del plasma.

La missione

Parker Solar Probe fornirà informazioni senza precedenti sul nostro Sole, dove le condizioni mutevoli possono diffondersi nel sistema solare per influenzare la Terra e altri mondi.

Per arrivare nell’orbita del sole, la sonda dovrà compiere sette flyby su Venere in quasi sette anni, per ricevere la giusta “spinta” gravitazionale che porterà la sua velocità a circa 300 chilometri al secondo.  Al massimo avvicinamento, passerà a soli 5,9 milioni di chilometri dalla superficie del sole, otto volte più vicino di qualsiasi altro veicolo spaziale (la sonda Helios 2 nel 1976, si era avvicinata a circa 43 milioni di chilometri).

Ventiquattro orbite sono in programma, opererà per 6 anni e 11 mesi e terminerà la sua missione nel 2025.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here