Orbital Reflector la stella artificiale che da fine Ottobre 2018 brillerà nel firmamento

Design concept rendering per Trevor Paglen: Orbital Reflector, coprodotto e presentato dal Nevada Museum of Art, 2017

Guardando il cielo notturno verso la fine di ottobre si potrà scorgere una nuova ‘stella’ nel cosmo.

Questa nuova stella sarà la prima scultura spaziale del mondo, che in quest’autunno orbiterà attorno alla Terra per tre settimane.

Orbital Reflector

Orbital Reflector, cosi chiamata questa stella artificiale avrà la lunghezza di un campo da calcio e la forma di un diamante allungato. L’opera ” Orbital Reflector ” è frutto dell’ingegno dell’artista americano Trevor Paglen e sarà lanciata a bordo di uno dei missili SpaceX Falcon 9 di Elon Musk.

Orbitando intorno al pianeta una volta ogni 90 minuti, a 560 Km dalla superficie, il satellite sarà visibile circa quattro volte ogni notte mentre il sole si rifletterà sulla sua superficie lucida dopo il crepuscolo e prima dell’alba.

Mettere in evidenza la protezione dei dati e la sorveglianza di massa

Orbital Reflector è un satellite che non avrà scopi commerciali, militari o scientifici. Invece, sarà una scultura pubblica, ( visibile dalla terra senza  telescopio) un satellite che apparterrà a tutti.

Il lavoro di Mr Paglen si propone di mettere in evidenza la protezione dei dati e la sorveglianza di massa.

Un paio di anni fa, l’artista contemporaneo Trevor Paglen si avvicinò al Nevada Museum of Art con un’idea coraggiosa: lanciare il primo satellite nello spazio che sarebbe esistito puramente come gesto artistico. Il museo sapeva che la sua visione radicale –  Orbital Reflector – avrebbe potuto aiutare a cambiare il modo in cui vediamo il nostro posto nel mondo.

Orbital Reflector incoraggia tutti noi a guardare il cielo notturno con un rinnovato senso di meraviglia

Affermano sul sito ufficiale di Orbital Reflector: “ L’arte ci dà una ragione, ci dà il permesso, di guardare qualcosa in profondità. Un’opera d’arte che spinge i confini di ciò che tradizionalmente consideriamo “arte” sfida il modo in cui ci impegniamo con il mondo. Orbital Reflector incoraggia tutti noi a guardare il cielo notturno con un rinnovato senso di meraviglia, a considerare il nostro posto nell’universo e a re-immaginare come viviamo insieme su questo pianeta. Ci spinge a fare le grandi domande. Chi siamo noi? Da dove veniamo? Dove stiamo andando? Cosa stiamo facendo al mondo condiviso in cui viviamo? “

Come funzionerà?

Orbital Reflector  è racchiuso all’interno di un piccolo satellite (3U) chiamato CubeSat che verrà lanciato nello spazio a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9, previsto per Ottobre 2018. Una volta in orbita terrestre bassa, a circa 575 km dalla superficie terrestre, un pallone a forma di diamante lungo 30 metri si schiererà dal CubeSat. Il pallone rifletterà la luce del sole sulla Terra, rendendo il satellite visibile ad occhio nudo. Rimarrà nello spazio per circa due mesi.

Come posso trovarlo?

Stanno collaborando con l’applicazione di sorveglianza del cielo Star Walk 2 per fornire una notifica quando il Riflettore Orbitale passerà sopra la tua posizione ( orbiterà attorno al pianeta più volte al giorno). Si potranno anche vedere i dati di volo del satellite dal sito web, orbitalreflector.com.

Perché una forma a diamante?

Orbital Reflector è una scultura neo-minimalista, ispirata a una storia alternativa di volo spaziale che include i primi avanguardisti russi e gli esperimenti della NASA dimenticati. È un lavoro di ingegneria aerospaziale per l’ingegneria aerospaziale.

Il design è passato da una sfera a un diamante durante il corso dello sviluppo. Una volta che hanno iniziato a lavorare con gli ingegneri aerospaziali per costruire un veicolo spaziale che valesse il volo, la fisica ha svolto un ruolo fondamentale.

A proposito di Trevor Paglen

Trevor Paglen è un artista americano il cui lavoro sfuma deliberatamente le linee tra scienza, arte contemporanea, giornalismo, geografia e altre discipline per costruire modi non familiari ma meticolosamente ricercati per vedere e interpretare il mondo. Meglio conosciuto per la sua documentazione e critica della sorveglianza nel ventesimo secolo, il suo attuale lavoro con intelligenza artificiale e visione artificiale e la sua spinta nello spazio esterno, sta ridefinendo il futuro della pratica artistica.

Ha affermato il sig. Paglen : “Assomiglierà a una delle stelle nell’Orsa maggiore, ma lentamente si muoverà attraverso il cielo. Sarà in quella che viene chiamata un’orbita sincrona al sole, e lentamente cadrà sulla terra da lì, alla fine brucerà in modo innocuo mentre si avvicinerà alla terra. Questo è un progetto logisticamente intenso, non è sicuramente qualcosa che un artista può semplicemente fare nel proprio studio. Lo spazio è in realtà davvero molto grande ed è estremamente improbabile che possa scontrarsi con qualsiasi altra cosa. La cosa principale di cui preoccuparsi è l’implementazione con successo su altri satelliti. Abbiamo lavorato con il fornitore di servizi di lancio per elaborare un piano per mitigare eventuali incidenti.”

The Last Pictures 

Nel 2012, Paglen ha lanciato The Last Pictures, un disco ultra-archivistico della storia umana raccontato attraverso cento immagini curate dall’artista. Il disco è montato su un satellite di comunicazione che è in orbita geosincrona. Mentre lavorava a The Last Pictures con gli scienziati del MIT, Paglen immaginò di costruire il proprio satellite, uno senza altre funzioni o scopi oltre a essere l’oggetto artistico stesso.

Il lavoro di Trevor Paglen è incluso nelle collezioni del Metropolitan Museum of Art; il Museo di Arte Moderna di San Francisco; lo Smithsonian American Art Museum; il Whitney Museum of American Art; Berkeley Art Museum; il museo Solomon R. Guggenheim, New York; Victoria and Albert Museum, Londra; e il Nevada Museum of Art. 

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here