Sulle Alpi il permafrost che si trova all’interno delle crepe fra le rocce che le cementa insieme si sta ora sciogliendo.

Mont Blanc nelle Alpi francesi come visto dalla montagna Brevent. Fotografia: Philippe Desmazes / AFP / Getty Images

Per i turisti che affollano le strade e le caffetterie di Courmayeur, la vista del Monte Bianco, la montagna più alta delle Alpi, è più abbagliante che mai. Ma gli alpinisti che si arrampicano tra le sue cime innevate sanno che la situazione è meno “abbagliante” del solito, a causa del clima caldo, il paesaggio tanto familiare sta cambiando rapidamente.

Una delle conseguenze dei cambiamenti climatici è il continuo ritiro dei ghiacciai

Afferma Vincent Neirinck di Mountain Wilderness , un gruppo  che lavora per preservare gli ambienti montani in tutto il mondo: “Il cambiamento climatico globale ha conseguenze gravi e direttamente osservabili in alta montagna”.

Afferma Jacques Mourey, uno scalatore e scienziato che sta studiando l’impatto del cambiamento climatico nelle Alpi: “Nelle Alpi, le superfici dei ghiacciai si sono ridotte della metà tra il 1900 e il 2012 con una forte accelerazione dei processi di fusione dal 1980”.

Mer de Glace

La più drammatica dimostrazione di ritiro glaciale è rappresentata dalla Mer de Glace, il più grande ghiacciaio in Francia.

Situato sul lato nord (francese) del massiccio del Monte Bianco (Alpi Graie), è formato dal confluire di tre ghiacciai più piccoli: ghiacciaio del Tacul, ghiacciaio di Leschaux e il ghiacciaio di Talèfre.

È il secondo più importante ghiacciaio delle Alpi, dopo quello di Aletsch. Misura 12 km di lunghezza ed il suo spessore è di circa 400 m con una superficie di circa 40 km².

Afferma il glaciologo Luc Moreau: “La Mer de Glace si sta ora sciogliendo al ritmo di circa 40 metri all’anno e ha perso 80 metri di profondità solo negli ultimi 20 anni”.

Una netta conseguenza della fusione di Mer de Glace è che 100 m di scale sono state imbullonate sulle pareti rocciose verticali, appena esposte, per gli alpinisti che si arrampicano sul ghiacciaio.

Il ghiacciaio Mer de Glace ha perso 80 metri di profondità negli ultimi 20 anni. Ora i visitatori devono usare le scale per arrampicarsi su di esso. Fotografia: Courtesy Compagnie des Guides

Aumento del numero di cadute

Un altro impatto chiave del cambiamento climatico nelle montagne è che sta portando ad un aumento del numero di cadute; più di 550 incidenti si sono verificati nel solo massiccio del Monte Bianco tra il 2007 e il 2015.

Il motivo, spiega Mourey, è che il permafrost che si trova all’interno delle crepe fra le rocce che le cementa insieme si sta ora sciogliendo.

“Mentre il permafrost si scioglie, intere sezioni di roccia diventano destabilizzate e più inclini al collasso.”

Questo è ciò che ha causato la distruzione dell’iconico pilastro di Bonatti, una massiccia colonna di roccia e popolare luogo di arrampicata che è crollato nella rovente estate del 2005. Significativamente, il cambiamento climatico sta accadendo quasi due volte più velocemente in alta montagna rispetto al resto del pianeta.

Afferma Mourey: “Anche se ci sono molte teorie sul motivo perché questo stia accadendo, non comprendiamo appieno cosa stia succedendo”.

Molte vie di arrampicata sono state drasticamente modificate

Ciò che non è contestato, però, è che molte vie di arrampicata sono state drasticamente modificate dal cambiamento climatico.

Dice Mourey : “Un sentiero alpinistico degli anni ’70 sui 100 migliori itinerari attorno al Monte Bianco non è più utilizzabile poiché la maggior parte del sentiero è cambiato e non può essere più utilizzato”.

Anche i sentieri per le baite di alta montagna attorno al Monte Bianco, utilizzati dagli scalatori, diventano sempre più pericolosi, costringendo le autorità ad adattarsi e ad agire.

Nel 2012 il sentiero per il rifugio Conscrits (2841 m)  è stato giudicato troppo pericoloso a seguito di un numero crescente di cadute, quindi è stato costruito un ponte sospeso di 60 metri in stile Himalayano per rendere più sicuro l’accesso al rifugio .

Facebook Twitter Pinterest Il ponte in stile Himalayan costruito di recente alla capanna Conscrits – costruito perché il sentiero è stato giudicato troppo pericoloso. Fotografia: S Lozachmeur / Courtesy of Fondation Petzl

Una pista completamente nuova, compresa l’installazione di scale fisse, è stata recentemente costruita per la capanna di Charpoua in seguito allo scioglimento dei ghiacciai che rendeva il percorso precedente troppo difficile e pericoloso.

L’alpinismo e i suoi valori non sono morti

Le autorità stanno ora compiendo uno sforzo determinato per adattarsi a queste mutevoli condizioni per garantire che l’arrampicata possa continuare.

Afferma Claude Jacot, consigliere di Chamonix e responsabile della sicurezza in montagna per la regione: “Vogliamo sostenere l’idea che l’alpinismo ei suoi valori non sono morti e dobbiamo continuare a salire in sicurezza”.

Ma per alcuni, l’area sta già diventando troppo pericolosa.

Afferma Ed Chard dell’operatore di trekking Jagged Globe: “Quest’anno abbiamo deliberatamente ridotto i nostri programmi sul Monte Bianco a causa delle maggiori cadute causate dalle temperature più elevate degli ultimi anni”.

Quindi cosa succederà all’arrampicata nei dintorni del Monte Bianco nei prossimi anni? Mourey è ottimista sul fatto che lo sport abbia ancora un futuro nelle Alpi, ma i futuri alpinisti dovranno adattarsi.

Se qualcuno non crede che il cambiamento climatico esista, dovrebbero venire sul Monte Bianco per vederlo da solo.” 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here