La Ocean Cleanup è partita e tenterà di ripulire la più grande massa di plastica oceanica del pianeta.

Fonte: Pierre Augier / The Ocean Cleanup)

Abbiamo avuto modo di parlarvi della Ocean Cleanup tempo fa (leggi qui) e sabato 8 Settembre 2018 questo “macchina” è partita da Alameda (San Francisco), in California, verso un sito di test finale e poi, se tutto andrà bene, si dirigerà verso il Great Pacific Garbage Patch, dove l’equipaggio di Cleanup spera che questo primo sistema sarà in grado di raccogliere nel suo primo anno 50 tonnellate di plastica.

Ocean Cleanup e il System 001

Da cinque anni, The Ocean Cleanup , l’organizzazione fondata dal 24enne innovatore olandese Boyan Slat, ha cercato di creare un sistema in grado di ripulire gli oceani del mondo dalla plastica. E sabato scorso, l’organizzazione di Slat ha iniziato il viaggio verso il Great Pacific Garbage Patch  (come detto si dirigeranno prima verso un sito per un ultimo test) con il loro primo sistema ufficiale, il System 001.

Come funzionerà il System 001

Il sistema di raccolta è passivo, non ci sono motori, niente motori. Andrà alla deriva, agendo come una costa artificiale, raccogliendo delicatamente qualsiasi pezzo di plastica sul suo cammino.

Come un serpente gigante, costituito da sezioni di tubo, è lungo 600 metri e galleggia in una gigantesca forma a “U”. Sotto di esso uno schermo penderà per 3m sotto la superficie.

Il pesce dovrebbe essere in grado di nuotare al di sotto e, dal momento che il dispositivo ha superfici lisce, la speranza è che nessuna fauna selvatica possa impigliarsi.

Il macchinario è dotato di luci ad energia solare, sistemi anticollisione e antenne satellitari per evitare le navi e aiutare gli scienziati del progetto a tenere traccia della posizione del sistema.

Le telecamere di bordo continueranno a monitorare, e ogni sei settimane circa una nave si sposterà per raccogliere il groviglio concentrato di plastica e riportarla sulla terraferma per essere riciclata.

Il piano è quello di utilizzare il materiale recuperato per fare una serie di prodotti da commercializzare deliberatamente come “realizzati in plastica oceanica” e venduti.

Great Pacific Garbage Patch

C’è una quantità incredibile di plastica negli oceani , e quella quantità cresce ogni giorno. Almeno 8 milioni di tonnellate di plastica si riversano nel mare ogni anno, un numero che è considerato una stima bassa, dal momento che non include detriti comunemente trovati come le reti da pesca.

Poiché questa spazzatura si rompe in frammenti più piccoli, gran parte di essa viene infine trasportata in una delle cinque grandi regioni oceaniche, dove la plastica si è così concentrata che l’area ha preso il nome di Great Pacific Garbage Patch, un “vortice” di spazzatura tra California e Hawaii, che comprende circa 1,8 trilioni di detriti sparsi, tra cui almeno 87.000 tonnellate di plastica.

Stimano gli scienziati che la maggior parte di questi pezzi ha dimensioni inferiori a mezzo centimetro, ma in termini di massa, oltre il 90% è costituito da pezzi di 5 centimetri o più grandi. Sono quei pezzi più grandi che il sistema System 001 recupererà.

Conclusioni

Il “System 001” fungerà da beta test per il primo sistema di raccolta di plastica che vedrà una flotta pianificata di circa 60 di tali sistemi.

Ci vorranno tre settimane perché il sistema venga rimorchiato verso il Great Garbage Patch situato a circa 2.000 km al largo della costa della California. I risultati su cosa può effettivamente fare dovrebbero essere chiari entro la fine di quest’anno. 

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here