“Il cambiamento climatico prodotto dall’uomo rischia di farci perdere tutto quello che abbiamo guadagnato in salute pubblica negli ultimi 50 anni!” la nostra sopravvivenza sarà una questione di resilienza!

Riportiamo il post pubblicato sulla pagina facebook dei nostri amici di h-farmer :

Gli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute umana potrebbero essere pesanti e generalizzati. La crescita delle temperature medie globali, l’innalzamento del livello dei mari derivante dallo scioglimento dei ghiacci artici e l’incremento dei fenomeni meteorologici estremi costringeranno l’umanità ad adattarsi ad un mondo decisamente diverso rispetto a quello attuale. Da un punto di vista ambientale, sociale ma anche sanitario.

Ma il cambiamento climatico è soltanto una minaccia o può essere visto anche come un’opportunità?

Nella rivista PLOS Medicine possiamo leggere uno speciale intitolato “Dalla teoria alla pratica” che spiega quale sia il rapporto tra la nostra salute e i cambiamenti climatici.

Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC)

Trent’anni fa nasceva l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), il gruppo di lavoro che doveva fornire al mondo politico le conoscenze scientifiche su quello che già in quel 1988 si stava profilando come una gatta da pelare per gli anni a venire: il cambiamento climatico. In ogni rapporto realizzato dall’IPCC (sono cinque in totale), tranne nel primo, è presente un capitolo dedicato alla salute, già considerata come una parte cruciale del problema.

Mettiamo fine a “25 anni di inerzia”

Più progrediamo, più gli studi sulle conseguenze del cambiamento climatico sulla salute dell’uomo vengono approfonditi, e le prospettive, purtroppo, sono tutt’altro che rosee…basta parole, è ora di passare ai fatti! Finora è stato fatto poco e niente: un lungo articolo uscito a febbraio scorso su un’importante rivista medica, The Lancet, suggeriva la necessità di mettere fine a “25 anni di inerzia”. Nel suo resoconto finale, The Lancet arrivava a due conclusioni, apparentemente contraddittorie:

– il cambiamento climatico prodotto dall’uomo minaccia di farci perdere tutto quello che abbiamo guadagnato in salute pubblica negli ultimi 50 anni;

– la risposta a questo problema può essere vista come una grande opportunità che questo secolo ci serve su un piatto d’argento per migliorare la salute in tutto il mondo.

Credit: Kevin Frayer Getty Images

La nostra salute è fortemente a rischio a causa del cambiamento del clima

Gli ultimi studi dimostrano che la nostra salute è fortemente a rischio a causa del cambiamento del clima. Il pericolo si manifesta in particolare con una maggiore frequenza delle ondate di caldo, con un aumento delle condizioni meteo estreme, con l’aumento dell’inquinamento atmosferico, con una crescita dei casi di alcune malattie infettive e un cambiamento dei loro bacini di diffusione, con l’aggravarsi della malnutrizione, con le migrazioni forzate e i conflitti che sono conseguenza delle peggiorate condizioni di vita di alcuni popoli.

Si è visto, ad esempio, che i rischi maggiori li corrono donne e bambini, che le ondate di caldo producono picchi più alti di inquinamento da ozono ed hanno un effetto negativo sulle capacità cognitive delle persone, che le piogge estreme contribuiscono alla contaminazione dei sistemi fognari nelle città. Mentre l’aumento di anidride carbonica induce la crescita di piante che presentano un deficit nutrizionale in zinco e ferro. Un deficit che, secondo le ultime stime, causerà nel mondo la perdita di oltre un milione di anni di vita in buona salute, dovuta a disabilità o morte prematura entro il 2050.

Strategie per abbattere le emissioni di gas serra

Contemporaneamente, però, sappiamo che le azioni che devono essere intraprese per affrontare il problema del riscaldamento globale sono anche la più grande opportunità che ci si presenta in questo secolo per migliorare la salute degli abitanti di questo pianeta.

L’energia pulita può avere un effetto sul clima e contemporaneamente salvare quelle vite minacciate dall’inquinamento atmosferico. Inoltre, l’incidenza di obesità, diabete, malattie cardiovascolari e cancro, che sono almeno in parte correlate all’inattività, potrebbe essere ridotta dal passaggio all’utilizzo di trasporti a basse emissioni di carbonio, favorendo mezzi pubblici, la bicicletta e lo spostarsi a piedi!

Così ridurremmo notevolmente la nostra impronta ecologica e riacquisteremo buon parte di quegli anni di vita che fino ad ora sono da considerare perduti.

Tuttavia, anche mettendo in atto queste strategie per abbattere le emissioni di gas serra, resterà il fatto che l’inerzia del sistema clima sulla Terra farà sì che le conseguenze ci saranno comunque.

Conclusioni

Quindi, come prepararsi all’inevitabile cambiamento? adattarsi, per noi e tutti gli altri esseri viventi, diventerà una necessità! Ma non sarà per tutti uguale, ad esempio, gli abitanti delle piccole isole non avranno gli stessi problemi di quelli dell’entroterra continentale, per dire. Ma anche sull’adattamento ci sono molti studi e PLOS medicine ne riporta alcuni recenti. Ad esempio si è visto che in Spagna, a fronte di un aumento del numero di ondate di caldo, la mortalità diminuisce. Un risultato frutto di comportamenti più “adattivi” della popolazione? È probabile, ma tra i comportamenti adattivi ce ne potrebbero essere alcuni che hanno un risvolto negativo. Inoltre, bisognerà vigilare perché un’economia a bassa emissione di carbonio potrebbe essere svantaggiosa per alcune popolazioni molto più che per altre.

Insomma, la questione si fa complessa, ma sicuramente la resilienza sarà una caratteristica che dovremo tutti sviluppare, e anche in fretta! 

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here