Secondo il National Data and Snow Data Center(NSIDC), l’estensione del ghiaccio marino artico ha raggiunto il suo minimo per il 2018, registrando la sesta estensione minima in quaranta anni.

Questa foto mostra il ghiaccio del mare artico al tramonto, scattata dallo scienziato del NSIDC Alia Khan durante una spedizione di ricerca nell’agosto 2018. Credit: Alia Khan, NSIDC.

Secondo quanto riferito dalla NASA e dal National Snow and Ice Data Center (NSIDC) sostenuto dalla NASA all’Università del Colorado Boulder, il 19 e il 23 settembre 2018, l’estensione del ghiaccio marino artico ha probabilmente raggiunto il limite più basso nel 2018. Successivamente, l’estensione del ghiaccio ha iniziato a salire, segnalando la fine della stagione estiva di scioglimento.

L’analisi dei dati satellitari di NSIDC e NASA ha dimostrato un estensione di 4,59 milioni di chilometri quadrati, il 2018 segna, insieme al 2008 e al 2010,  la sesta minima estensione estiva nel record del satellite.

I dodici più bassi minimi estivi nel record del satellite si sono verificati tutti negli ultimi dodici anni.

L’ annuncio, dato dal National Snow and Ice Data Center ( NSIDC ) negli Stati Uniti, è provvisorio poiché “il cambiamento del vento o lo scioglimento di fine stagione potrebbe ancora ridurre l’estensione del ghiaccio artico”.

Questa immagine della NASA mostra ghiaccio marino artico il 23 settembre 2018, quando il ghiaccio marino raggiunse la sua misura minima per l’anno. La portata di ghiaccio marino per il 23 settembre, così come il 19 settembre, è stata in media di 4,59 milioni di chilometri quadrati, il sesto più basso nel record del satellite, legato al 2008 e al 2010.

Il ghiaccio marino artico

Il ghiaccio marino artico, il cappello di acqua di mare ghiacciata che ricopre la maggior parte dell’Oceano Artico e i mari limitrofi in inverno, segue modelli stagionali di crescita e decadenza. Si addensa e si diffonde durante l’autunno e l’inverno e si assottiglia e si restringe durante la primavera e l’estate. Ma nei decenni passati, l’aumento delle temperature ha portato a notevoli diminuzioni nelle estensioni del ghiaccio dell’Artico, con diminuzioni particolarmente rapide nell’estensione minima estiva. La contrazione della copertura di ghiaccio marino artico può in definitiva influenzare gli schemi meteorologici del pianeta e la circolazione degli oceani.

Il minimo estivo

Mentre l’estate dell’emisfero boreale termina, la ritirata annuale del ghiaccio artico rallenta prima che il ghiaccio ricominci ad accumularsi. Questo punto è contrassegnato ogni anno come minimo estivo e utilizzato come indicatore per la salute del ghiaccio marino artico.

Il minimo estivo del 2018 è il sesto più piccolo mai registrato, battuto solo dal 2015 quinto, 2011 quarto,  2007 e 2016 secondi, e dal 2012 primo con un minimo storico di 3,39 kmq. La cifra del 2018 è di 1,63 milioni di km quadrati al di sotto del minimo medio estivo per il periodo 1981-2010.

Ha dichiarato Claire Parkinson, scienziata senior del cambiamento climatico al Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland: “Il minimo di quest’anno è relativamente alto rispetto al livello record che abbiamo visto nel 2012, ma è ancora basso rispetto a quello che era negli anni ’70, ’80 e anche negli anni ’90”.

Estensione del ghiaccio marino artico fino al 23 settembre 2018, insieme ai dati giornalieri sull’estensione dei ghiacci per i quattro anni precedenti e il minimo storico dell’anno (2012). La mediana 1981-2010 è in grigio scuro, e le aree grigie attorno alla linea mediana mostrano gli intervalli interquartile e interdecile. Credito: NSIDC

Il grafico sopra mostra come 2018 (linea blu) si confronta con i quattro anni precedenti, l’estate record del 2012 (linea tratteggiata marrone) e la media a lungo termine (linea grigia).

Ritardo del minimo estivo

I dati satellitari mostrano che il ghiaccio del mare artico ha raggiunto il suo minimo in due date quest’anno, il 19 e il 23 settembre. Quest’ultima è una delle ultime date per il minimo estivo nel record del satellite e circa 5-9 giorni dopo la media del 1981-2010.

Limite del ghiaccio marino artico il 23 settembre 2018. La linea arancione mostra la misura media del 1981-2010 per quel giorno. Credito: NSIDC

Il NSIDC afferma che il ritardo è stato “almeno parzialmente causato dai venti meridionali dal Mare della Siberia orientale, che ha portato aria calda nella regione e impedito al ghiaccio di andare alla deriva o di crescere verso sud”.

La stagione estiva di scioglimento

La stagione estiva di scioglimento è iniziata alla fine di marzo, dopo aver raggiunto il punto di estensione massima invernale, che è risultato essere il secondo minimo registrato. L’estensione del ghiaccio marino è rimasta bassa fino alla primavera, con una media di aprile, legata al 2016, come la più bassa mai registrata e la media di maggio che è la seconda più bassa mai registrata.

La primavera ha visto temperature insolitamente calde in alcune parti dell’Artico ( le temperature per il mese di maggio a Svalbard, per esempio, erano 6°C più alte della media).

Tuttavia, le condizioni più fresche e più ventose da giugno in poi hanno visto rallentare il ritmo di scioglimento del ghiaccio marino, nonostante brevi periodi di rapido declino. Ciò si riflette nelle estensioni medie di giugno, luglio e agosto, che hanno raggiunto rispettivamente il quarto , il nono e il settimo posto nel record di registrazione.

Spiega Zack Labe, university of California, studentessa di Irvine che studia il ghiaccio marino: “Il clima sull’Artico durante l’estate è stato dominato da una bassa pressione, ciò significava una tendenza verso un clima più fresco e nuvoloso” durante i mesi estivi.

Le condizioni meteorologiche nell’Artico sono state un miscuglio

Quest’estate, le condizioni meteorologiche nell’Artico sono state un miscuglio, con alcune zone con temperature più calde della media e una rapida fusione e altre regioni che sono rimaste più fredde del normale, il che ha portato a chiazze persistenti di ghiaccio marino. Tuttavia, l’estensione di ghiaccio marino del 2018 è di 1,63 milioni di chilometri quadrati al di sotto della media del 1981-2010 delle estensioni minime annuali.

Una delle caratteristiche più insolite della stagione di scioglimento di quest’anno è stata la riapertura di un buco polinesiano nel ghiaccio a nord della Groenlandia, dove risiede in genere il ghiaccio marino più antico e più spesso dell’Artico.

Ha detto Melinda Webster, una ricercatrice di ghiaccio marino con Goddard: “Questa estate, la combinazione di ghiaccio sottile e venti meridionali caldi hanno contribuito a spezzare e sciogliere il ghiaccio marino nella regione, riaprendo la buca. Questa apertura è importante per diverse ragioni; per i principianti, l’acqua appena esposta assorbe la luce solare e riscalda l’oceano, il che influisce sulla velocità con cui il ghiaccio marino crescerà nell’autunno successivo. Colpisce anche l’ecosistema locale; ad esempio, colpisce le popolazioni di foche e orsi polari che si affidano a ghiacci più spessi e innevati per la caccia.” 

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here