Un nuovo e severo rapporto dell’autorità scientifica mondiale avverte che i cambiamenti climatici avranno un impatto peggiore del previsto.

 

Il rapporto pubblicato lunedì 8 Ottobre 2018 dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite, afferma che il pianeta raggiungerà la soglia cruciale di 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali già nel 2030, esponendo centinaia di milioni di persone al rischio di estrema siccità , incendi, inondazioni e carenza di cibo.

Il rapporto è stato scritto e curato da 91 scienziati di 40 paesi che hanno analizzato oltre 6.000 studi scientifici.

La data, che rientra ampiamente nella vita di molte persone vive oggi, si basa sugli attuali livelli di emissioni di gas serra.

Ha affermato Bill Hare, autore di precedenti rapporti dell’IPCC e fisico di Climate Analytics, un’organizzazione senza scopo di lucro: “Il rapporto è piuttosto scioccante e piuttosto preoccupante. Solo pochi anni fa Non eravamo a conoscenza di questo “. Il rapporto è stato il primo ad essere commissionato dai leader mondiali nell’ambito dell’accordo di Parigi, l’accordo che nel 2015 è stato stipulato da 197 paesi per combattere il riscaldamento globale.

Il pianeta è già a due terzi del tragitto, che potrebbe portare ad una crisi ambientale, con le temperature medie globali che sono aumentate di circa 1 grado C . Evitare di andare ancora più in alto richiederà un’azione significativa nei prossimi anni.

Andrew King, docente di scienze del clima all’Università di Melbourne, ha dichiarato in una nota: “Questo è preoccupante perché sappiamo che ci sono molti rischi se superiamo il riscaldamento globale di 1,5 gradi C, comprese più ondate di calore ed estati calde, un innalzamento del livello del mare e, per molte parti del mondo, peggiori siccità e precipitazioni estreme.”

2 gradi Celsius una soglia sovrastimata

Gli autori hanno scoperto che se le emissioni di gas serra continuano al ritmo attuale, l’atmosfera si scalderà di ben oltre 1,5 gradi Celsius (sopra i livelli preindustriali) entro il 2040, provocando un innalzamento del mare con conseguente inondazione delle coste e intensificazione della siccità e della povertà. Il lavoro precedente si era concentrato sulla stima del danno se le temperature medie dovessero aumentare di un numero maggiore, 2 gradi Celsius, perché quella era la soglia che gli scienziati avevano precedentemente considerato per gli effetti più gravi dei cambiamenti climatici.

 L’andamento crescente che potrebbe avere la temperatura media globale: Secondo l’Ipcc, si raggiungeranno i +1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali già tra il 2030 e il 2052 © Ipc

Le emissioni globali nette di anidride carbonica

Le emissioni globali nette di anidride carbonica dovrebbero diminuire entro il 2030 del 45% rispetto ai livelli del 2010 e raggiungere o “zero netto” intorno al 2050 cosi da poter  mantenere il riscaldamento intorno a 1,5 gradi C.

Dal rapporto dell’Ipcc, le emissioni nette di CO2 dovranno essere azzerate entro il 2050 se si vorrà limitare ad 1,5 gradi la crescita della temperatura media globale rispetto ai livelli pre-industriali © Ipcc

Afferma il rapporto che abbassare le emissioni in questo modo, anche se tecnicamente possibile, richiederebbe cambiamenti diffusi in energia, industria, edifici, trasporti e città,

Ha aggiunto King: “La finestra sul mantenimento del riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi C si sta chiudendo rapidamente e gli attuali impegni in materia di emissioni rilasciati dai firmatari dell’Accordo di Parigi non contribuiscono a raggiungere questo obiettivo”.

Il cambiamento climatico è già in atto

Il rapporto chiarisce che il cambiamento climatico sta già accadendo e che quello che potrebbe accadere dopo potrebbe essere anche peggio, a meno che non venga intrapresa un’azione urgente di politica internazionale.

Ha affermato Panmao Zhai, co-presidente del gruppo di lavoro IPCC : “Uno dei messaggi chiave che emerge con forza da questo rapporto è che stiamo già vedendo le conseguenze di un grado C del riscaldamento globale attraverso condizioni meteorologiche più estreme, l’innalzamento del livello del mare e la diminuzione del ghiaccio marino artico, tra le altre conseguenze”.

Anche se il riscaldamento sarà mantenuto appena al di sotto di 1,5 gradi C, gli impatti saranno diffusi e significativi.

Le temperature durante le ondate calde dell’estate, come quelle appena sperimentate in tutta Europa questa estate, potrebbero aumentare di 3 gradi C, dice il rapporto.

Secondo il rapporto i paesi dell’emisfero australe saranno quelli più colpiti: “si prevede di sperimentare maggiori impatti sulla crescita economica a causa dei cambiamenti climatici in caso di aumento del riscaldamento globale”.

Superare anche di poco 1,5 gradi C o più, aumenta il rischio associato a cambiamenti duraturi o irreversibili

Il rapporto sottolinea come anche il più piccolo aumento dell’obiettivo di base peggiorerebbe l’impatto delle recenti catastrofi naturali.

Ha dichiarato Hans-Otto Pörtner, copresidente dell’IPCC Working Gruppo II: “Ogni ulteriore aspetto del riscaldamento è importante, soprattutto dal momento che il riscaldamento di 1,5 gradi C o più aumenta il rischio associato a cambiamenti duraturi o irreversibili, come la perdita di alcuni ecosistemi”,.

Il rapporto cita esempi specifici di come l’impatto del riscaldamento globale sarebbe diminuito con l’aumento di 1,5 gradi C, rispetto all’aumento di 2 gradi C:

  • I livelli globali del mare aumenterebbero di 10 cm in meno entro il 2100.
  • La probabilità di un Oceano Artico libero dal ghiaccio marino in estate sarebbe una volta al secolo, invece che almeno una volta ogni dieci anni.
  • Le barriere coralline diminuirebbero dal 70% al 90% invece di essere quasi completamente spazzate via.

Tutti devono fare il loro

La relazione di lunedì arriva dopo tre anni di lavoro ed è un risultato diretto dell’accordo di Parigi sul clima del 2015 . Nell’accordo di Parigi, 197 paesi hanno concordato l’obiettivo di mantenere le temperature globali “ben al di sotto” di 2 gradi C rispetto ai livelli preindustriali e di proseguire gli sforzi per limitarlo a 1,5 gradi C.

Inizialmente, gli Stati Uniti erano nell’accordo, ma il presidente Donald Trump ritirò il paese, sostenendo che era ingiusto nei confronti del paese.

Limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi C è “possibile all’interno delle leggi della chimica e della fisica”, ha affermato Jim Skea, co-presidente del Gruppo di lavoro IPCC III. “Ma così facendo richiederebbe cambiamenti senza precedenti.”

Ha dichiarato Sarah Perkins-Kirkpatrick, membro del Climate Change Research Center presso l’Università del New South Wales: “La cooperazione internazionale è assolutamente fondamentale per limitare le emissioni e quindi il riscaldamento globale e il suo impatto, oltre a coordinare un adattamento e una mitigazione efficace e diffusa. I prossimi anni saranno fondamentali nell’evoluzione di questi sforzi”.

Emissioni negative

Una questione chiave saranno le emissioni negative, le tecnologie di “rimozione” della CO2 su larga scala che ne possono ridurre la quantità nell’atmosfera e agire per contrastare l’inquinamento continuo.

Secondo il rapporto, ci sono due modi principali per rimuovere il carbonio dall’atmosfera: aumentare i processi naturali che già lo fanno e le tecnologie sperimentali di stoccaggio o rimozione del carbonio.

Ha avvertito il rapporto che tuttavia, tutti i metodi “sono in fasi differenti di sviluppo e alcuni sono più concettuali di altri, in quanto non sono stati testati su larga scala”.

Richiederanno anche un notevole impegno politico a livello globale, così come ridurre la quantità di carbonio emessa. Nonostante i terribili avvertimenti del rapporto, non vi è alcuna indicazione che tale cooperazione sarà fattibile, in particolare considerando la posizione dell’amministrazione Trump su questo tema.

Conclusioni

Stiamo andando incontro ad eventi sempre più estremi e irreversibili ed invece di pensare a come arrestare  o almeno rallentare le cause che ci stanno portando verso una crisi ambientale stiamo già pensando a come limitare le sue conseguenze come se ormai ci fossimo tutti arresi a questo inevitabile futuro.

Come afferma Deborah Lawrence, esperta forestale all’Università della Virginia. “Le foreste forniscono un servizio super-importante per l’umanità, eliminando attualmente circa il 25 percento della nostra CO2”. Il rimboschimento insieme al miglioramento della gestione delle foreste potrebbero rimuovere la CO2 dall’atmosfera, pari al 18% delle riduzioni necessarie entro il 2030.

Hanno affermato gli scienziati: “Il clima futuro del nostro pianeta è inestricabilmente legato al futuro delle sue foreste”.

Mi trovò spesso però a dire e pensare su come possiamo pensare a mitigare e risolvere questo grave problema dei cambiamenti climatici se ancora ci sono persone rilevanti e non che negano questo cambiamento. 

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

YouTube: Presentazione canale The Marsican Bear

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here