Questa sera l’atterraggio della sonda InSight Lander della NASA che avrà la missione di rivelare i segreti del sottosuolo di Marte. Live della Nasa nell’articolo.

Questa sera intorno alle 20:00 il lander InSight Mars della NASA è programmato per atterrare sul pianeta rosso. L’evento sarà trasmesso in diretta sulla televisione della NASA e potrete seguirlo in fondo all’articolo.

La nuova sonda della Nasa, il lander InSight Mars, atterrerà sulle pianure pianeggianti di Elysium Planitia per studiare il nucleo del Pianeta Rosso come mai prima d’ora. Armato di gru, sonda di calore e sismometro, InSight analizzerà il sottosuolo per comprendere i terremoti e altri segreti marziani.

Lander InSight Mars

Il lander InSight Mars della NASA è una sonda stazionaria progettata per studiare l’interno del pianeta rosso. Sarà una missione stazionaria, non come i famosi rover Opportunity, Spirit and Curiosity della NASA . Rimanere sul posto è necessario per i suoi principali obiettivi scientifici, che comprendono l’apprendimento di più sulla composizione marziana e su come Marte è tettonicamente attivo. La missione sarà anche degna di nota per i suoi CubeSats.

La NASA non è estranea all’atterraggio e all’orbita di Marte. Ecco uno sguardo alle missioni dell’agenzia spaziale statunitense sul pianeta rosso. Credito: Nicholas Forder / Future Plc

InSight è stato lanciato su Marte il 5 maggio 2018 dalla Base Aerea di Vandenberg in California, su un veicolo Atlas V della United Launch Alliance.

InSight invierà dati sull’interno del pianeta rosso per circa 1 anno di Marte, o 728 giorni terrestri (circa due anni terrestri).

Il nome InSight è l’abbreviazione di: Interior Exploration usando indagini sismiche, geodesia e trasporto di calore. Hanno dichiarato i funzionari della NASA che la missione ha un costo totale di $ 814 milioni.

Obiettivi

InSight ha due obiettivi scientifici importanti.

  • Il primo è esaminare l’interno di marte, e comprendere di cosa è fatto e quali processi si verificano. Il lander fornirà informazioni sulla dimensione e la composizione del nucleo, della crosta e del mantello marziano.
  • Il secondo obiettivo è quello di apprendere se Marte è tettonicamente attivo (includendo dove si trova l’attività sismica) e con quale frequenza i meteoriti sbattono sulla sua superficie.

Ha affermato la NASA: “Le precedenti missioni sul Pianeta Rosso hanno studiato la sua superficie studiando i suoi canyon, i vulcani, le rocce e il suolo, ma le firme della formazione del pianeta possono essere trovate solo rilevando e studiando i suoi segni vitali ben al di sotto della superficie.”

Strumenti scientifici

InSight ha tre strumenti che sono progettati per guardare l’interno profondo di Marte e conoscere l’attività geologica del pianeta, il calore e gli elementi della sua evoluzione.

  • Strumento sismico per la struttura interna (SEIS) rileverà le onde sismiche dagli impatti dei meteoriti, i movimenti dei magmi all’interno del pianeta o i terremoti.
  • La sonda di flusso termico e proprietà fisiche, o HP 3 , scava circa 5 metri nella superficie. Il suo compito principale è percepire il calore sotterraneo.
  • Lo strumento Rotation and Interior Structure, o RISE, mirerà a fornire maggiori informazioni sulla composizione del nucleo marziano.

InSight ha un braccio robotico lungo 2,4 m. Questo braccio posizionerà il sismometro e la sonda del flusso di calore sulla superficie per le loro misurazioni. Il braccio presenta anche una fotocamera che prenderà “immagine n 3d a colori del sito di atterraggio ” ha affermato la NASA,. Inoltre, InSight ha sensori che forniscono informazioni sul tempo e eventuali cambiamenti nel campo magnetico locale vicino al lander.

l lander InSight si troverà ad un’altezza tra 83 e 108 centimetri sopra la superficie marziana, e una volta che i pannelli solari di InSight saranno schierati, la sua estensione totale sarà di 6 metri. Complessivamente l’intero lander pesa 360 chilogrammi.

NASA JPL/Caltech

L’atterraggio

Ma prima che questi strumenti possano funzionare, il lander InSight deve sopravvivere alla discesa e alla sequenza di atterraggio. In circa 6 minuti questa sera, il lander deve passare dal viaggiare a 22.692 km / h attraverso l’atmosfera di Marte, fino ad arrestarsi sulla superficie. L’atmosfera di Marte è 100 volte più sottile di quello terrestre, e questo rende più difficile rallentare il veicolo spaziale. Per riuscire, uno scudo termico provocherà tanto attrito con la minore quantità di atmosfera possibile. Il veicolo spaziale schiererà quindi il suo paracadute, scaricherà lo scudo termico ed estenderà le sue gambe. Dopo aver portato il lander ad una velocità decrescente ragionevole, il paracadute viene liberato e 12 booster sul fondo del lander inizieranno a fornire una spinta contraria. Questo fornirà il cuscino finale prima che atterri su Elysium Planitia.

Cubosat

A viaggiare insieme a InSight ci sono i primi mini satelliti cubosat a volare oltre la Terra . I satelliti Mars Cube One (o MarCO) sono cubettini da 6U, il che significa che ciascuno di essi è costituito da sei moduli cubi standard che misurano 10 centimetri su un lato e pesano poco più di 1 chilogrammo ciascuno.

I piccoli cubi Marco-B della NASA hanno scattato questa foto di Marte da una distanza di 310.000 miglia il 24 novembre 2018 . Questa vista mostra alcune parti del veicolo spaziale. Credito: NASA / JPL-Caltech

La NASA ha chiamato i cubetti “Wall-E” e “Eva” perché usano il gas compresso R236FA, che viene comunemente utilizzato negli estintori, come propellente, proprio come il robot animato nel film “Wall-E” della Disney.

Ha dichiarato il Joel Krajewski, direttore del programma MarCO presso JPL “Le notizie sullo stato di atterraggio di InSight potrebbero arrivare ore prima con MarCO”.

I Cubesat in genere non hanno sistemi di propulsione e quindi sono poco considerati in missioni su altri pianeti. Se MarCO funziona, ha detto Krajewski, ci vorrà molto per dimostrare che tali veicoli spaziali valgono la massa che occupano su un veicolo di lancio.

Se MarCO può arrivare su Marte, rimanere in posizione per osservare la discesa di InSight durante i sette minuti di terrore del lander e ritrasmettere i dati sulla Terra, “dimostrerà che queste sono tecnologie valide per missioni interplanetarie e fattibili su una piccola sonda spaziale. ”

In caso di successo, una volta che InSight inizierà il suo ingresso nell’atmosfera marziana, i cubi invieranno le informazioni sulla Terra a proposito degli ultimi minuti di volo della navetta verso la superficie del Pianeta Rosso.

Diretta qui sotto

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear per vedere i nostri scatti.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione
Articolo precedenteMarsica Meteo: previsioni meteo per lunedì 26 novembre 2018 ⚫
Prossimo articoloDiretta atterraggio InSight
Laureato in Scienze Ambientali e laureando nella magistrale di Biologia Ambientale è un vero appassionato della natura nella sua totalità. Fonda The marsican bear nel Marzo 2017 con l’utopico sogno di salvaguardare la Terra e far conoscere a più persone possibili le sue meraviglie, ma nel contempo mostrare la situazione critica che l’uomo ha creato su essa. Appassionato di fotografia, snorkeling, trekking e acquariofilia. Oltre ad essere fondatore e autore di The Marsican Bear, dal 2013 è collaboratore anche del più vasto e completo Magazine dedicato all’Acquario Marino italiano DaniReef.com, vantando un’esperienza ventennale nel mondo acquariofilo. La sua tesi in Scienze Ambientali era incentrata sui coralli con il titolo “Simbiosi tra Symbiodinium (Dinophyta) e Anthozoa (Cnidaria)”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here