È stato appena scoperto il corpo celeste più distante mai osservato nel sistema solare: Farout il pianeta nano rosa.

Il concetto dell’artista dell’oggetto appena scoperto 2018 VG18, soprannominato Farout, che i ricercatori ritengono probabile sia un pianeta nano rosato. A 120 UA, l’oggetto è il corpo più lontano mai trovato nel sistema solare. Credit: Roberto Molar Candanosa / Carnegie Institution for Science

♦ Di Lorenza Tersone ♦

Nel nostro sistema solare c’è un nuovo pianeta nano ufficialmente chiamato 2018 Vg18: ribattezzato “Farout”, cioè “lontano”.  È un corpo celeste nano distante tre miliardi e mezzo di km da Plutone e diciotto dalla Terra. La distanza che separa il Sole da Farout nello spazio è pari a cento volte lo spazio che c’è tra noi e la nostra stella.

La scoperta

La straordinaria scoperta è stata annunciata il 17 dicembre dal Centro per i pianeti minori dell’Unione Astronomica Internazionale (Uai) e realizzata da un team di esperti della Scott Shepard del Carnegie Institition for Science.

Mentre stavano esplorando i confini del sistema solare alla ricerca del fantomatico Pianeta 9, gli scienziati si sono imbattuti in un nuovo inquilino individuato grazie al telescopio Subaru, situato sul vulcano Mauna Kea delle Hawaii.

Ha dichiarato David Tholen, ricercatore dell’Università delle Hawaii e parte del team di ricerca: “Tutto ciò che attualmente sappiamo del 2018 VG18 è la sua estrema distanza dal sole, il suo diametro approssimativo e il suo colore. Poiché il 2018 VG18 è così distante, orbita molto lentamente, probabilmente impiegando più di 1.000 anni per fare un viaggio intorno al Sole.”

2018 Vg18

L’orbita è notevolmente allungata, al pari di altri oggetti transnettuniani, impiega più di mille anni per compiere un’orbita attorno al sole.

Il suo diametro è di 500 km, il che significherebbe che è un pianeta sferico e un pianeta nano. Secondo le dichiarazioni il suo colore rosato suggerisce che è un corpo ricco di ghiaccio.

Farout si trova a 120 unità astronomiche (UA) dal Sole, una UA equivale alla distanza tra la Terra e il sole, che è di circa 150 milioni di chilometri.

La posizione del 2018 VG18 rispetto alle orbite di altri oggetti del sistema solare. Sopravvive al suo soprannome “Farout”! Credit: Roberto Molar Candanosa / Carnegie Institution for Science

Ha dichiarato Scott Sheppard, ricercatore presso il Carnegie Institution for Science di Washington, DC, e membro del team di scoperta: “Il 2018 VG18 è molto più distante e più lento di qualsiasi altro oggetto del sistema solare osservato, quindi ci vorranno alcuni anni per determinare completamente la sua orbita. Ma è stato trovato in una posizione simile agli altri noti oggetti del sistema solare estremo, suggerendo che potrebbe avere lo stesso tipo di orbita che la maggior parte di loro ha. Le somiglianze orbitali mostrate da molti oggetti presenti nel “sistema solare estremo” sono stati il ​​catalizzatore della nostra affermazione originale secondo cui esiste un pianeta lontano e massiccio a diverse centinaia di UA che attira questi oggetti più piccoli.”

Conclusioni

Ha affermato Chad Trujillo, ricercatore presso la Northern Arizona University e il terzo membro del team di scoperta: “Questa scoperta è davvero un risultato internazionale, nella ricerca sono sati utilizzati telescopi situati nelle Hawaii e in Cile, gestiti dal Giappone, nonché un consorzio di istituti di ricerca e università negli Stati Uniti. Con le nuove fotocamere digitali wide-field su alcuni dei più grandi telescopi del mondo, stiamo finalmente esplorando le frange del nostro sistema solare, ben oltre Plutone.”

Dunque tale scoperta conferma come l’area più esterna del nostro sistema solare rappresenti ancora un angolo sconosciuto e pieno di sorprese.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

💢 Basta anche 1€ per contribuire al cambiamento 👍

🎄Per Natale regala un albero al pianeta 🌲

Sostieni il nostro progetto 🐻🦹♂️

La tua donazione oltre ad aiutarci a portare avanti il nostro lavoro servirà anche a comprare e piantare degli alberi.

Perché un albero? 🌲

Tutti gli alberi fanno bene all’ambiente: assorbono CO2, emettono ossigeno, favoriscono la biodiversità e molto altro.

Ogni albero che riusciremo a piantare in giro per il mondo, crescerà e darà i suoi frutti ai contadini che lo accudiranno, assorbirà CO2, regalerà ossigeno e renderà il pianeta più verde. 🌍

Per ogni albero che pianteremo avremo la sua geolocalizzazione e foto.

Fai una donazione

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here