Nelle ultime settimane si stanno riversando sulle coste olandesi circa 20.000 urie morte. Gli scienziati stanno cercando di capirne la causa.

SYTSKE DIJKSEN / FOTO FITIS

Gli scienziati si stanno sforzando di comprendere la morte improvvisa di circa 20.000 urie al largo delle coste olandesi, centinaia delle quali si stanno riversando lungo 300km di costa olandese.

Ha affermato Mardik Leopold, un biologo dell’Università di Wageningen: “L’ipotesi è che la causa sia da attribuire ad una combinazione di maltempo e qualcos’altro, stiamo cercando di trovare la pistola fumante. Abbiamo sezionato alcuni degli uccelli: sono puliti ma erano molto magri, con problemi intestinali, che sono indicativi di inedia, ma abbiamo bisogno di un campione più ampio e quindi abbiamo chiesto alle persone di raccogliere uccelli per noi”.

Aggiungendo che tali morti di massa non sono state viste dagli anni ’80 e ’90. Il riversamento degli uccelli marini si è verificato solo nei Paesi Bassi, dall’isola di Schiermonnikoog alla Zelanda, la provincia più occidentale del paese.

Alcuni dei sopravvissuti sono stati ricoverati in salute al centro di Fûgelhelling. DE FUGELHELLING

Gli uccelli che arrivano sulle spiagge olandesi ancora vivi sono malati, magri o gravemente indeboliti. Per le cure vengono portati in rifugi per animali.

Perché sono stati colpiti così tanti uccelli?

Leopold ha affermato che la cifra di 20.000 urie morte è basata su tendenze statistiche. Ha dichiarato: “Si basa sul tasso medio di tendenza di un’Uria per chilometro di spiaggia al giorno nei Paesi Bassi, con 300 km disponibili: si tratta di 10.000 uccelli”. E un numero simile di urie sarebbe ancora in mare.

dott. Leopold ha trovato questa uria su una spiaggia sull’isola di Texel questa settimana. MARDIK LEOPOLD

Portacontainer

Un colpevole suggerito dietro le morti di massa è l’ingestione di inquinamento marino e altri contaminanti. La notte del 2 gennaio scorso una tempesta ha causato a nord dell’isola di Ameland (un’isola a nord di Amsterdam), il riversamento in mare di 297 container da una grande nave portacontainer. È stata avviata un’operazione per recuperare i container, ma 50 di questi non sono stati ancora recuperati.

Ha affermato Leopold: “Non sappiamo esattamente cosa ci fosse nei contenitori, ma ci saranno inevitabilmente plastica e prodotti chimici “.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here