Dopo quasi 15 anni di esplorazione della superficie Marziana la missione Rover Opportunity della NASA, una delle più riuscite e durevoli imprese di esplorazione interplanetaria, è finita.

La NASA ha dichiarato che il suo rover su Marte Opportunity è “morto” ieri 13 febbraio 2019, più di otto mesi dopo che il rover a energia solare investito da una tempesta di polvere Marziana è rimasto in “silenzio”.

La fine di Oppy causata da una tempesta di polvere

l rover Opportunity ha smesso di comunicare con la Terra quando nel giugno 2018 una furiosa tempesta di polvere su Marte ha ricoperto la sua posizione. Dopo più di un migliaio di comandi per ripristinare il contatto, gli ingegneri nella struttura Spazio operazioni di volo presso il NASA Jet Propulsion Laboratory (JPL) hanno fatto il loro ultimo tentativo di riattivare Oppy martedì 12 febbraio 2019, senza purtroppo successo. L’ultima comunicazione da Oppy è stata ricevuta il 10 giugno 2018.

Ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Direzione della missione scientifica della NASA, durante un evento presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) dell’agenzia a Pasadena, in California: “Dichiaro che la missione Opportunity è completa e con essa la missione Mars Exploration Rover”.

Opportunity (Oppy)

Progettato per durare solo 90 giorni marziani e viaggiare per 1.000 metri, Opportunity ha ampiamente superato tutte le aspettative in termini di resistenza, valore scientifico e longevità. Oltre a superare la sua aspettativa di vita di 60 volte, il rover ha percorso più di 45 chilometri, il punto di riposo finale dove il rover ha smesso di funzionare si chiama Perseverance Valley.

Ha dichiarato Thomas Zurbuchen: “Per oltre un decennio, Opportunity è stata un’icona nel campo dell’esplorazione planetaria, insegnandoci sull’antico passato di Marte come un pianeta umido, potenzialmente abitabile, e rivelando paesaggi marziani inesplorati. Qualunque perdita sentiamo ora deve essere mitigata dalla consapevolezza che l’eredità di Opportunity continuerà – sia sulla superficie di Marte con il rover Curiosity e il lander InSight – sia nelle clean room del JPL, dove il prossimo rover Mars 2020 sta prendendo forma.”

La trasmissione finale

La trasmissione finale, inviata tramite l’antenna Mars Station di 70 metri presso il Goldstone Deep Space Complex della NASA in California, ha concluso una strategia di recupero durata otto mesi.

Ha spiegato John Callas, il manager del progetto Mars Exploration Rover (MER): “Abbiamo fatto ogni ragionevole sforzo ingegneristico per cercare di recuperare Opportunity e abbiamo stabilito che la probabilità di ricevere un segnale è troppo bassa per continuare gli sforzi di recupero”.

Tutto iniziò 15 anni fa

Opportunity è atterrato nella regione Meridiani Planum di Marte il 24 gennaio 2004, sette mesi dopo il suo lancio da Cape Canaveral Air Force Station in Florida. Il suo rover doppione, Spirit, è atterrato 20 giorni prima nel cratere Gusev, largo 166 chilometri di larghezza sull’altro lato di Marte. Spirit si spostò per quasi 8 chilometri prima che la sua missione si concludesse nel maggio 2011.

Sito di atterraggio del rover di Opportunity Mars della NASA nel 2004.

Dal giorno in cui è arrivata Opportunity, un team di ingegneri di missione, conducenti di rover e scienziati sulla Terra hanno collaborato per superare le sfide e portare il rover da un sito geologico su Marte a quello successivo. Hanno tracciato strade percorribili su terreni accidentati, in modo che l’esploratore marziano di 174 kg potesse manovrare intorno e, a volte, su rocce e massi, arrampicarsi su pendii cosparsi di ghiaia fino a 32 gradi, sondare i piani del cratere, le colline sommitali e attraversare i possibili letti dei fiumi asciutti. La sua impresa finale si è conclusa sul ramo occidentale della Perseverance Valley.

Ha detto Michael Watkins, direttore del JPL: “Non riesco a pensare a un posto più appropriato per Opportunity di fermarsi sulla superficie di Marte di quello che si chiama Perseverance Valley. I dischi, le scoperte e la pura tenacia di questo piccolo intrepido rover sono la testimonianza dell’ingegno, della dedizione e della perseveranza delle persone che l’hanno costruita e guidata”.

Altri risultati di opportunità

  • Registra il record di guida su Marte il 20 marzo 2005, quando percorre 220 metri.
  • Sono state restituite più di 217.000 immagini, tra cui 15 panoramiche a colori a 360 gradi.
  • Esposto le superfici di 52 rocce per rivelare superfici minerali fresche per l’analisi e liberato 72 bersagli aggiuntivi con un pennello per prepararli all’ispezione con spettrometri e un microscopico imager.
  • Trovato ematite, un minerale che si forma nell’acqua, al suo sito di atterraggio.
  • Scoperte forti indicazioni sul cratere Endeavour dell’azione dell’acqua antica simile all’acqua potabile di uno stagno o di un lago sulla Terra.

Tutte le analisi scientifiche erano al servizio dell’obiettivo primario di Mars Exploration Rovers: cercare prove storiche del clima e dell’acqua del Pianeta Rosso nei siti in cui le condizioni potevano essere state favorevoli per la vita. Poiché l’acqua liquida è necessaria per la vita, così come la conosciamo, le scoperte di Opportunity hanno implicato che le condizioni di Meridiani Planum potessero essere abitabili per un certo periodo di tempo nella storia di Marte.

Ha dichiarato Steve Squyres, ricercatore principale del carico di dati scientifici dei rover alla Cornell University: “Fin dall’inizio, Opportunity ha consegnato alla ricerca prove relative aduna presenza passata d’acqua. E quando combini le scoperte di Opportunity e Spirit, Marte si palesa come un posto che era molto diverso dal Marte di oggi, che è un mondo freddo, arido e desolato. Ma se guardi al suo antico passato, trovi prove convincenti per l’acqua liquida sotto la superficie e l’acqua liquida sulla superficie. ”

Problemi durante la missione

Tutti questi risultati non sono stati esenti da occasionali impedimenti extraterrestri. Solo nel 2005, Opportunity perse la direzione di una delle sue ruote anteriori, un riscaldatore bloccato minacciò di limitare severamente la potenza disponibile del rover, e un’increspatura di sabbia marziana quasi la intrappolò per sempre. Due anni dopo, una tempesta di sabbia di due mesi ha messo in pericolo il rover prima di riaccendersi. Nel 2015, Opportunity ha perso l’uso della sua memoria flash da 256 megabyte e, nel 2017, ha perso lo sterzo sull’altra ruota anteriore.

Ogni volta che il rover ha affrontato un ostacolo, la squadra di Opportunity sulla Terra ha trovato e implementato una soluzione che ha consentito al rover di riprendersi. Tuttavia, la massiccia tempesta di sabbia che si è formata nell’estate del 2018 si è rivelata troppo per l’esploratore di Marte più anziano della storia.

Ha detto Callas: “Quando penso a Opportunity, ricorderò quel posto su Marte dove il nostro intrepido rover ha superato di gran lunga le aspettative di tutti. Ma quello che suppongo apprezzerò di più è l’impatto che Opportunity  ha avuto su di noi qui sulla Terra . L’esplorazione compiuta e le scoperte fenomenali. È la generazione di giovani scienziati e ingegneri che sono diventati esploratori dello spazio con questa missione insieme ad ogni nostro passo. Ed è l’eredità tecnica del Mars Exploration Rovers, che ha portato a bordo di Curiosity e dell’imminente missione Mars 2020. Addio Opportunity, e ben fatto. ”

Conclusioni

L’esplorazione di Marte continua senza sosta. Il lander InSight della NASA, che ha toccato la superficie Marziana il 26 novembre (leggi qui), sta appena iniziando le sue indagini scientifiche. Il rover Curiosity ha esplorato il Gale Crater per più di sei anni. Inoltre, il rover Mars 2020 della NASA e il rover ExoMars dell’Agenzia spaziale europea saranno entrambi lanciati a luglio 2020, diventando le prime missioni di rover progettate per cercare segni della vita microbica del passato sul Pianeta rosso.

Ha affermato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine: “È grazie a missioni pionieristiche come Opportunity che arriverà un giorno in cui i nostri coraggiosi astronauti cammineranno sulla superficie di Marte. E quando quel giorno arriverà, una parte di quella prima impronta sarà di proprietà degli uomini e delle donne di Opportunity, e di un piccolo rover che sfidò le probabilità e fece così tanto nel nome dell’esplorazione.”

Addio Opportunity, e ben fatto

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here