Il 24 febbraio 1904 si registrò un terremoto di M stimata 5.7 che colpì l’area di Rosciolo, Magliano dei Marsi e Scurcola.

Riportiamo questo post pubblicato sulla pagina di Marsica Meteo:

Tutti noi “ricordiamo” il tragico terremoto del 13 gennaio 1915, quando Avezzano e la Marsica furono rase al suolo da un violento sisma di M 7.0, con danni anche sul resto della regione Abruzzo e del centro Italia.

Tuttavia, un altro forte terremoto interessò qualche anno prima il nostro territorio. Stiamo parlando del 1904, precisamente il 24 febbraio, quando un terremoto di M stimata 5.7 colpì l’area di Rosciolo, Magliano dei Marsi e Scurcola, con gravi danni nella zona epicentrale (VIII/IX° MERCALLI). Miracolosamente non furono registrare vittime.

Caratteristiche diverse da quello del 1915

Questo terremoto presenta caratteristiche diverse da quello del 1915. Infatti, il terremoto del 1904 causò solo lievi danni al di fuori di questa zona, con Avezzano che raggiunse solo il V° MERCALLI (deboli lesioni a vecchie strutture). Tutto questo a causa delle caratteristiche della zona, con gli eventi sismici che avvengono spesso tra i 5 e i 10 km di profondità, più frequentemente tra i 7 e i 9 km.

Questo terremoto fu dimenticato proprio a causa del terremoto del 1915 che stravolse la storia della Marsica e dell’Italia intera.

La zona di Magliano/Scurcola negli ultimi anni

Tornando al presente, la zona di Magliano/Scurcola negli ultimi anni è stata interessata con una certa regolarità da eventi improvvisi tra il 3 e il 3.8 Richter: nel 2005, nel 2011 e l’ultima volta il 10 settembre del 2017, con l’evento di Mw 3.7 .

Questa è un’area che necessita di un continuo monitoraggio, dato che, anche se i terremoti non possono essere previsti, sappiamo che qui gli eventi sismici che vengono registrati sono caratterizzati da una profondità medio-bassa. Di conseguenza anche un evento di moderata intensità può causare qualche lieve danno in un piccolo raggio d’azione, proprio come ci insegna il terremoto del 1904.

Conclusione

In conclusione, dobbiamo imparare a non mettere mai la testa sotto la sabbia. I terremoti dell’Aquila e di Amatrice ci hanno insegnato tanto a caro prezzo e dobbiamo fare tesoro di questa lezione. Cerchiamo di non allarmarci in caso di scosse e poi dimenticare tutto dopo pochi giorni facendo finta di nulla e denigrando chi prova a ragionare sull’argomento “terremoto”.

Non possiamo ristrutturare le nostre abitazioni? Adottiamo allora quella che noi chiamiamo “prevenzione a basso costo”: avere una torcia sul comodino, non posizionare gli oggetti pesanti sugli scaffali, avere idea del posto più sicuro della casa, avere in macchina o in un posto fuori dall’abitazione una borsa con tutto l’occorrente al suo interno, come maglie, felpe, medicinali, acqua, cibo a lunga conservazione. Sono tutti piccoli segreti che, pur non facendo miracoli, possono aiutare in una grande emergenza.

“L’importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio, è incoscienza.” ~ Giovanni Falcone

(Fonte immagini: Meteoweb, CPTII15 INGV)

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

 

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here