Galagadon nordquistae una nuova specie di squalo d’acqua dolce che visse circa 67 milioni di anni fa (periodo Cretaceo) è stata identificata da denti fossili trovati nel Sud Dakota.

Un’illustrazione che mostra come sarebbe stata la vita di Galagadon nordquistae , nuotando lungo il fiume. Immagine di credito: Velizar Simeonovski, Field Museum.

Nella nuova ricerca “New sharks and other chondrichthyans from the latest Maastrichtian (Late Cretaceous) of North America” pubblicata il 21 gennaio 2019 da un team di ricercatori coordinati dal dott. Terry Gates, docente presso la North Carolina State University e affiliato di ricerca presso il North Carolina Museum of Natural Sciences, viene descritta la scoperta di una nuova specie di squalo d’acqua dolce, Galagadon nordquistae, che visse circa 67 milioni di anni fa (periodo Cretaceo), identificata da denti fossili trovati nella formazione di Hell Creek nel Sud Dakota.

La scoperta

I ricercatori della North Carolina State University e del Field Museum of Natural History hanno scoperto la nuova specie esaminando circa due tonnellate dello stesso sedimento Maastrichtiano nel Sud Dakota (l’ultimo dei sei piani in cui è suddiviso il Cretacico superiore) da dove è stato scoperto Sue.

“Sue” è il più grande e completo fossile di Tyrannosaurus rex mai trovato.

Mentre setacciavano i sedimenti, il team ha trovato oltre una dozzina di denti di squalo microscopici, che misuravano solo un millimetro di larghezza.

Ha affermato il dott. Peter Makovicky, co-autore e curatore di dinosauri al Field Museum: “La maggior parte del suo corpo non è stata preservata, perché gli scheletri di squali sono fatti di cartilagine, ma siamo stati in grado di trovare i suoi piccoli denti fossilizzati”.

Ha detto in una dichiarazione l’autore principale Terry Gates: “Mi stupisce che possiamo trovare microscopici denti di squalo seduti proprio accanto alle ossa dei più grandi predatori di tutti i tempi. Questi denti hanno le dimensioni di un granello di sabbia. Senza un microscopio, li butterebbero via. ”

Galagadon nordquistae

Chiamato Galagadon nordquistae, le specie di squalo appena scoperta una volta nuotava nei fiumi del Cretaceo di quello che ora è il Sud Dakota.

Era un piccolo squalo d’acqua dolce, da denti i ricercatori hanno stimato una lunghezza che variava dai 30,5 – 45,7 cm. Probabilmente aveva una pelle “mimetica”, proprio come i suoi discendenti di oggi, compresi gli squali tappeto (gli Orectolobidae) e gli squali bambù (gli Hemiscylliidae).

Galagadon visse circa 67 milioni di anni fa durante il periodo tardo Cretaceo, in quelli che sarebbero stati i fiumi di acqua dolce. Lo squalo non avrebbe predato i dinosauri. Invece, probabilmente passava molto del suo tempo a sondare il letto del fiume e a mangiare invertebrati e piccoli pesci.

Ha affermato Terry Gates: “Può sembrare strano oggi, ma circa 67 milioni di anni fa, quello che ora è il Sud Dakota era coperto da foreste, paludi e fiumi tortuosi”.

Durante il periodo Cretaceo, l’America del Nord è stata divisa in due masse continentali dalla Western Interior Seaway. A ovest c’era Laramidia e ad est c’era Appalachia.

Ha affermato il dott. Peter Makovicky: “Questo squalo viveva nello stesso periodo di Sue il T. rex , faceva parte dello stesso mondo.”

Ha aggiunto il dott. Gates: “Galagadon nordquistae non predava il T. rex , il triceratopo o qualsiasi altro dinosauro che fosse accaduto nei suoi ruscelli. Questo squalo aveva denti che erano buoni per catturare piccoli pesci o schiacciare lumache e gamberetti”.

Uno dei denti di squalo recuperato

La formazione di Hell Creek

La formazione di Hell Creek è ora un sito fossile vasto e intensamente studiato. Risale a circa 65-70 milioni di anni fa, verso la fine dell’era dei dinosauri. “Più scopriamo del periodo Cretaceo poco prima che i dinosauri non-uccelli si estinguessero, più fantastico diventa quel mondo”, ha detto Gates. “Ogni specie in un ecosistema svolge un ruolo di supporto, mantenendo l’intera rete insieme. Non c’è modo per noi di capire cosa è cambiato nell’ecosistema durante l’estinzione di massa alla fine del Cretaceo senza conoscere tutte le meravigliose specie che esistevano prima “.

Gates ha dichiarato che non è chiaro come Sue il T. rex e lo squalo siano finiti l’uno accanto all’altro: “Non siamo nemmeno sicuri se i denti provengono da un singolo squalo o da molti di loro. Ci sono molti scenari su cui possiamo speculare, ma i fatti sono che Sue il T. rex, è entrato in un fiume che era occupato dagli squali Galagadon.”

Conclusioni

Scoprendo lo squalo nello stesso spazio di T. Rex si aggiunge alla nostra comprensione del paesaggio che sarebbe esistito nella regione in quel momento. “Oggi, gli squali tappeto, che comprendono squali bambù e wobbegong, vivono per lo più nelle acque del sud-est asiatico e in Australia, quindi è sorprendente trovare i loro fossili nella località di Sue”, ha detto in un comunicato il co-autore dello studio Eric Gorscak.

“Nel tardo Cretaceo i continenti continuarono ad allontanarsi, isolando ulteriormente i dinosauri e altri animali terrestri, e nello stesso tempo crearono gli oceani Atlantico e Indiano. Con occasionali vie di mare che collegavano questi giovani oceani, abbiamo trovato fossili di vita marina in tutto il mondo, incluso Galagadon e i suoi parenti. ”

Tom Fletcher, un insegnante di paleobiologia all’Università di Leicester nel Regno Unito, che non è stato coinvolto nello studio, ha detto che la gente spesso dimentica che i dinosauri erano solo parte di un ecosistema molto più ampio che esisteva milioni di anni fa. “Accanto a loro c’erano una miriade di altri animali e piante, e ogni nuova specie scoperta migliora la nostra comprensione dell’intero quadro. La scoperta degli squali qui è affascinante perché la formazione di Hell Creek è stata depositata sulla terra, quindi entrambi questi denti venivano trasportati da un altro habitat o potevano aver nuotato fiumi d’acqua dolce, proprio come fanno oggi gli squali toro. Questi non sono gli unici squali scoperti in questa località, ma aiutano a dimostrare quanto sia varia la fauna degli squali in questo posto molto speciale nello spazio e nel tempo. ”

Journal reference:

Terry A. Gates et al. New sharks and other chondrichthyans from the latest Maastrichtian (Late Cretaceous) of North America. Journal of Paleontology, published online January 21, 2019; doi: 10.1017/jpa.2018.92

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here