Dove il sole non tramonta da aprile ad agosto e l’inverno è fatto di 155 giorni di buio totale e temperature che raggiungono i -40 è presente una città abbandonata, baluardo sovietico in terra d’ Occidente. 

Nei luoghi più remoti del nostro pianeta vi sono un mucchietto di isole che a fatica si possono scorgere su una carta geografica: parliamo delle isole Svalbard situate nella parte settentrionale della Norvegia. Una zona  talmente fredda che circa il 60% della terra è ricoperta dal ghiaccio, non ci sono insetti ed alberi, e la loro peculiarità è che vi dimorano più orsi polari che persone: circa 3000 esemplari.

La presenza di questo affascinante animale ha negli anni alimentato false credenze sulla sua aggressività, ma non bisogna farsi ingannare dai numerosi cartelli posti lungo le strade che mettono in guardia sul pericolo di essere attaccati dal bianco plantigrado: l’ultima persona uccisa alle Svalbard è una ragazza nel 2012. In generale non più di cinque o sei morti in un ventennio. 

Pyramiden

Potrebbe capitare di incontrarne uno tra gli edifici abbandonati di Pyramiden, la città fantasma fondata nel 1910 da alcuni minatori svedesi, poi venduta all’ex URSS nel 1927.

Situata sull’isola Spitsbergen, appartenente all’arcipelago delle Svalbard, quasi in corrispondenza del 79° parallelo (per intenderci il Circolo polare artico corrisponde al 66° parallelo), Pyramiden è stata costruita in un luogo che per la maggior parte dell’anno è inospitale a causa del freddo, infatti, affacciandosi sulla baia di Adolfbukta, si può osservare lo splendido ghiacciaio perenne di Nordenskjøldbree anche in piena estate.

Dettaglio del fronte del ghiacciaio Nordenskjøldbree. Fonte: http://societageografica.net

Una montagna che ricorda una piramide

Il suo nome deriva dal fatto che sorge su una montagna la cui forma ricorda una piramide. Montagna ricca di carbone e per questo motivo i sovietici la trasformarono in una città mineraria. Fino a vent’anni fa vi vivevano un migliaio di persone in totale isolamento. Fu distrutta dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale, ma nel periodo sovietico gli edifici furono ricostruiti e la città fu dotata di diversi servizi: un ospedale, una piscina riscaldata con acqua di mare, un campo di basket e di calcio, un asilo e una scuola elementare, palestre, una biblioteca e un cinema/teatro da 300 posti. Inoltre era dotata di una stalla e di terra fertile fatta arrivare appositamente dall’Ucraina per poter coltivare frutta e verdura all’interno di una serra.

Fonte: Kristin Prestvold / The Governor of Svalbard

La giornalista Rachel Nuwer nel suo articolo del 19 maggio 2014 “A Soviet Ghost Town in the Arctic Circle, Pyramiden Stands Alone” scrisse: “Tra gli anni ‘60 e gli anni ‘80 l’insediamento superò i 1000 abitanti e venne anche creata una sede del KGB. Questa località così remota fu dotata di numerosi servizi anche perché era un luogo visitabile senza visto d’ingresso, al contrario del resto dell’URSS e successivamente della Russia, dai turisti e dai lavoratori stranieri che si trovavano sulle isole Svalbard. Era quindi un modo per mostrare la grandezza dell’Unione Sovietica.”. 

Definitivamente abbandonata

Con il tempo i giacimenti di carbone furono difficili da sfruttare e di conseguenza divennero improduttivi. Nel 1991, anno del crollo dell’Unione Sovietica, Pyramiden non ricevette più i finanziamenti provenienti da Mosca e da lì in poi ebbe inizio un periodo di declino destinato a non arrestarsi. Difatti il colpo definitivo per la città avvenne il 29 agosto 1996 quando un aereo proveniente dalla capitale russa che trasportava 130 persone (abitanti di Pyramiden) si schiantò sulla montagna di Operafjellet, nei pressi di Longyearbyen, portando quindi ad una diminuzione netta degli abitanti dell’insediamento. Quest’ultimo fu definitivamente abbandonato nel 1998.

Conclusioni

Oggi Pyramiden è in una fase di nuovo sviluppo grazie alla società mineraria Artikugol che accoglie turisti provenienti da tutto il mondo. Attualmente vi stazionano 30 persone che a turno si occupano della preservazione di questo affascinante luogo in cui l’orso polare sembra ancora dominare su tutti: quando l’uomo abbandona un territorio, la natura si riprende rapidamente ciò che prima occupava. 

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here