L’Unione Europea ha ufficialmente dichiarato guerra alla plastica compiendo un grande passo in avanti verso la cura e la preservazione dell’ambiente.

Risale allo scorso 19 dicembre l’accordo raggiunto dal Parlamento e Consiglio dell’Unione Europea sulla proposta della Commissione Europea di bandire entro il 2021 la produzione di alcuni prodotti monouso di plastica. Ora la proposta di legge è stata definitivamente approvata dal Parlamento Europeo riunito a Strasburgo con 560 voti a favore, 35 contrari e 28 astenuti.

In particolare ad essere banditi saranno:

  • cotton fioc
  • piatti e posate
  • cannucce
  • aste per palloncini
  • sacchetti di plastica molto leggeri
  • contenitori per fast food in polistirolo espanso
  • mescolatori per bevande
  • contenitori per bevande monouso

Occorre specificare che non saranno vietati quei prodotti di plastica monouso per i quali non esistono alternative.

Obiettivi fondamentali

Il testo, che dovrà essere trasferito nei diritti nazionali, prevede alcuni obiettivi fondamentali: entro il 2029 il 90% delle bottiglie di plastica dovrà essere raccolto separatamente. Entro il 2025 il 25% delle bottiglie di plastica dovrà contenere materiale riciclato ed entro il 2030 la quota dovrà salire al 30%.

La legge prevede altresì il principio che chi inquina paga e che saranno i produttori di rete da pesca i responsabili nel recupero delle reti abbandonate in mare.

Questo pacchetto di misure è stato voluto dal vice presidente della Commissione Europea Frans Timmermans, che dopo l’accordo di dicembre ha dichiarato: “Accolgo con grande favore l’ambizioso accordo raggiunto oggi sulla nostra proposta di ridurre la plastica monouso, un accordo che aiuta veramente a proteggere la nostra gente e il nostro pianeta. Altrettanto importante è che, con le soluzioni concordate oggi, stiamo anche guidando un nuovo modello di business circolare e mostrando la via da percorrere per mettere la nostra economia su un percorso più sostenibile”.

Conclusioni

Il continente europeo produce circa 26 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica all’anno, di cui solo il 30% attualmente è riciclabile. Di questi finiscono nel mare tra le 150 mila e le 500 mila tonnellate. Sulle spiagge europee l’80-85% dei rifiuti è plastica e per la maggior parte sono prodotti usa e getta. La plastica ha la particolarità di resistere al tempo, tanto che alcuni residui sono stati ritrovati nei molluschi, nei pesci e nei cetacei. Di fronte a questo preoccupante quanto allarmante scenario, L’Unione Europea ha ufficialmente dichiarato guerra all’inquinamento compiendo un grande passo in avanti verso la cura e la preservazione dell’ambiente, imponendo l’uso di materiali diversi o il riutilizzo dei materiali di plastica.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

YouTube: Presentazione canale The Marsican Bear

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here