Mostrata per la prima volta nella storia dell’umanità la prima foto di un buco nero.

Gli scienziati hanno ottenuto la prima immagine di un buco nero, usando le osservazioni dell’Horizon Telescope del centro della galassia M87. L’immagine mostra un anello luminoso formato come curve di luce nell’intensa gravità attorno a un buco nero che è 6,5 miliardi di volte più massiccio del Sole. Questa immagine tanto ricercata fornisce le prove più forti fino ad oggi per l’esistenza di buchi neri supermassicci e apre una nuova finestra sullo studio dei buchi neri, dei loro orizzonti di eventi e della gravità. Credit: Event Horizon Telescope Collaboration

Oggi 10/04/2019 sarà ricordato come il giorno in cui l’umanità ha visto per la prima volta la foto di un buco nero.

In realtà nella foto è evidente la regione intorno al buco nero per questione ovvie, un buco nero non può essere osservato direttamente, perché non emette o riflette alcuna luce.

L’ombra di un buco nero è la zona più vicina che possiamo raggiungere da un’immagine del buco nero stesso, un oggetto completamente oscuro da cui la luce non può sfuggire.

La luce che compone l’immagine non proviene quindi dal buco nero. Invece, l’immagine mostra la sagoma del buco nero su uno sfondo di materia incandescente che viene inesorabilmente attratta dalla sua potente gravità.

Ha dichiarato il direttore del progetto EHT Sheperd S. Doeleman del Center for Astrophysics | Harvard e Smithsonian:”Abbiamo catturato la prima immagine di un buco nero. Questa è una straordinaria impresa scientifica portata avanti da un team di oltre 200 ricercatori”.

I buchi neri sono straordinari oggetti cosmici con enormi masse ma dimensioni estremamente compatte. La presenza di questi oggetti influenza il loro ambiente in modi estremi, deformando lo spazio-tempo e surriscaldando qualsiasi materiale circostante.

è come ci aspettavamo

100 anni fa, due spedizioni partirono per l’isola di Príncipe al largo delle coste dell’Africa e di Sobra in Brasile per osservare l’eclissi solare del 1919, con l’obiettivo di testare la relatività generale vedendo se la luce stellare si sarebbe piegata attorno al il sole, come previsto da Einstein. In un’eco di queste osservazioni, l’EHT ha inviato i membri del team ad alcune delle strutture radio più alte e isolate del mondo per testare nuovamente la nostra comprensione della gravità.

L’anello di luce attorno al buco nero sembra asimmetrico, come previsto. Questo deriva da una predizione della teoria della relatività generale di Albert Einstein : la potente attrazione gravitazionale di un buco nero in effetti piegherà la luce attorno ad essa, facendo apparire più luminosa la luce che ruota verso di noi, rispetto al luce che ruota in direzione opposta.

“Se immersi in una regione luminosa, come un disco di gas incandescente, ci aspettiamo che un buco nero crei una regione oscura simile a un’ombra – qualcosa di previsto dalla relatività generale di Einstein che non abbiamo mai visto prima, ha spiegato il presidente di EHT Science Consiglio Heino Falcke della Radboud University, Paesi Bassi. “Quest’ombra, causata dalla flessione gravitazionale e dalla cattura della luce dall’orizzonte degli eventi, rivela molto sulla natura di questi oggetti affascinanti e ci ha permesso di misurare l’enorme massa del buco nero di M87 “.

Galassia M 87

Nel 2017, gli otto telescopi della collaborazione EHT hanno osservato due buchi neri supermassicci: quello al centro della nostra galassia, che si chiama Sagittario A *, e il più grande behemoth al centro di un’altra galassia chiamata M87.

Il buco nero in questione si trova nella Galassia ellittica M 87 conosciuta anche come Galassia Virgo A nella costellazione della Vergine.

Si trova a 55 milioni di anni luce dalla Terra e ha una massa di 6,5 miliardi di volte quella del Sole.

M87 è più facile da osservare perché, mentre è molto più lontano di Sagittario A *, è anche molto più grande e ha meno materiale che vortica attorno ad esso.

Il confine del buco nero – l’orizzonte degli eventi da cui prende il nome l’EHT – è circa 2,5 volte più piccolo dell’ombra che proietta e misura poco meno di 40 miliardi di km.

“Abbiamo realizzato qualcosa che si presume essere impossibile solo una generazione fa”, ha concluso Doeleman. “Le innovazioni tecnologiche, le connessioni tra i migliori osservatori radio del mondo e gli algoritmi innovativi si sono uniti per aprire una finestra completamente nuova sui buchi neri e sull’orizzonte degli eventi”.

Questa prima immagine sta ampliando i limiti della nostra conoscenza. “Abbiamo studiato i buchi neri per così tanto tempo che a volte è facile dimenticare che nessuno di noi ne ha mai visto uno”, ha detto France Córdova, direttore della National Science Foundation

Cioè, nessuno di noi ne aveva mai visto uno fino ad ora.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here