Trovato nel Nord Dakota un sito fossile che contiene animali e piante uccise e sepolte entro un’ora dall’impatto meteorico che causo l’estinzione dei dinosauri.

Credit: Photo of Robert DePalma

Nella ricerca “A seismically induced onshore surge deposit at the KPg boundary, North Dakota” pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) viene descritto il più ricco sito di confine K-T (passaggio, nelle successioni stratigrafiche, tra Cretacico e Cenozoico) mai trovato.

Nel sito soprannominato Tanis, appartenente alla formazione Hell Creek del Nord Dakota, i paleontologi hanno portato alla luce un assemblaggio di organismi fossili ben conservatipesci impilati uno sopra l’altro e mescolati con tronchi d’albero bruciati, rami di conifere, mammiferi, ossa di mosasauro, insetti, la carcassa parziale di un triceratopo, microrganismi marini chiamati dinoflagellati e cefalopodi marini simili a chiocciole chiamati ammoniti. Tutti uccisi improvvisamente dagli eventi naturali innescati dall’asteroide di circa nove chilometri che creo l’enorme cratere chiamato Chicxulub, e che causo l’estinzione, avvenuta 66 milioni di anni fa, di circa il 75% degli animali e delle piante della Terra.

L’autore principale dello studio, Robert DePalma, conduce ricerche sul campo nel sito di Tanis.

Ha detto DePalma, curatore di paleontologia presso il Museo di storia naturale di Palm Beach in Florida e autore principale dello studio: “Questo è il primo assemblaggio fossile di grandi organismi associato al confine K-T mai trovato. In nessun’altra sezione del confine K-T puoi trovare una collezione di questo tipo, composta da un gran numero di specie che rappresentano diverse età e diversi stadi della vita, tutti morti nello stesso momento, nello stesso giorno”.

Ha dichiarato Mark Richards, professore universitario di Berkeley, emerito di scienza terrestre e planetaria, che ha partecipato allo studio: “È come un museo della fine del Cretaceo presente in uno strato di un metro e mezzo di spessore”.

Iridio

Nel 1979, Walter Alvarez, un professore universitario alla Berkeley della Graduate School, e suo padre, Luis Alvarez della UC Berkeley, furono i primi a riconoscere il significato dell’iridio che si trova negli strati rocciosi di tutto il mondo databili a 66 milioni di anni fa. Hanno proposto che una cometa o un impatto con un asteroide fosse responsabile sia dell’iridio al confine K-T sia dell’estinzione di massa.

L’impatto avrebbe sciolto il substrato roccioso sotto il fondo marino e polverizzato l’asteroide, inviando polvere e roccia fusa nella stratosfera, dove i venti li avrebbero trasportati intorno al pianeta , oscurando il sole per mesi, se non per anni. I detriti sarebbero piovuti dal cielo: non solo sotto forma di tectiti, ma anche detriti di roccia dalla crosta continentale, tra cui il quarzo, la cui struttura cristallina era deformata dall’impatto.

La polvere ricca di iridio della meteora polverizzata sarebbe stata l’ultima a cadere.

Ha dichiarato Alvarez: “L’ipotesi dell’impatto per spiegare la grande estinzione, era basata sulla ricerca di un’anomala concentrazione di iridio – l’impronta digitale di un asteroide o di una cometa. Da allora, le prove si sono via via accumulate, ma non mi è mai venuto in mente che avremmo trovato un letto di morte come questo.”

La conferma chiave dell’ipotesi meteorica è stata la scoperta di un cratere da impatto sepolto, il Chicxulub, nei Caraibi e al largo della costa dello Yucatan, in Messico, datato esattamente all’età dell’estinzione. Ora con la scoperta del sito Tanis sono stati trovati per la prima volta i detriti prodotti nell’impatto insieme agli animali uccisi nelle immediate vicinanze temporali dall’impatto.

Ha detto Alvarez: “E ora abbiamo questo magnifico e completamente inaspettato sito che Robert DePalma sta scavando nel North Dakota, che è così ricco di informazioni dettagliate su quello che è successo a seguito dell’impatto. Per me è molto eccitante e gratificante!”.

Cosa ci racconta il sito Tanis

L’inizio della fine iniziò con violente scosse che sollevarono onde gigantesche nelle acque di un mare interno, in quello che ora è il Nord Dakota.

Poi, minuscoli frammenti di vetro incandescenti (tectiti) cominciarono a cadere come uccelli dal cielo. La pioggia di vetro era così fitta e incandescente da aver incendiato gran parte della vegetazione sulla Terra.

Nell’acqua, il pesce faticava a respirare mentre le tectiti ostruivano le loro branchie.

Il mare ansante si trasformò in un muro d’acqua di 9 metri che si abbatté violentemente su un estuario, invertendo temporaneamente anche il corso del fiume, e che lascio sul fondo dell’estuario privo d’acqua centinaia, se non migliaia, di pesci d’acqua dolce.

I pesci incagliati nella sabbia, vennero bersagliati dalle tectiti (piccoli frammenti vetrificati con diametro massimo di 5 millimetri formati dall’esplosione del meteorite) per circa 10-20 minuti prima che una seconda grande onda inondasse nuovamente l’estuario e coprisse il pesce con ghiaia, sabbia e sedimenti fini, sigillandoli dal mondo per 66 milioni di anni.

L’impatto del Chicxulub 66 milioni di anni fa generò un’onda tsunami in un mare interno che uccise e seppellì pesci, mammiferi, insetti e un triceratopo , le prime vittime di un cataclisma che portò all’ultima estinzione di massa della Terra. Immagine di credito: Robert DePalma.

Conclusioni

Il numero e la qualità della conservazione dei fossili nel sito sono tali che la squadra lo definisce “Una Lagerstätte del limite K-T ” – un deposito sedimentario di riferimento con esemplari eccezionalmente intatti.

Ha dichiarato il professor David Burnham dell’Università del Kansas: “Ciò è particolarmente vero in quanto i pesci sono cartilaginei, non ossei e meno inclini alla fossilizzazione. La sedimentazione è avvenuta così rapidamente che tutto è conservato in 3D – non sono schiacciati. È come una valanga che crolla quasi come un liquido, poi si presenta come concreta. Sono stati uccisi improvvisamente a causa della violenza di quell’acqua. Abbiamo un pesce che ha colpito un albero e si è rotto a metà “.

Ha dichiarato DePalma: “Molti sembrano essere nuove specie, e gli altri sono i migliori esempi conosciuti nel loro genere. Da tempo sappiamo cosa sia accaduto subito dopo l’impatto, ma nessuno ha mai trovato questo tipo di prova. Si è sempre detto – Abbiamo capito che questa esplosione ha ucciso i dinosauri, ma perché non abbiamo corpi morti dappertutto? – Bene, ora abbiamo corpi. Non sono dinosauri, ma penso che alla fine anche questi verranno trovati. ”

Journal Reference:

A seismically induced onshore surge deposit at the KPg boundary, North Dakota. Robert A. DePalmaJan SmitDavid A. BurnhamKlaudia KuiperPhillip L. ManningAnton OleinikPeter LarsonFlorentin J. MaurrasseJohan VellekoopMark A. RichardsLoren Gurche, and Walter Alvarez. 

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here