Due nuove ricerche mettono in luce “l’incredibile sfida” che si sta presentando per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi, evitare l’aumento di temperatura media globale di 2 gradi Celsius.

Nel 2015, i leader mondiali si sono riuniti a Parigi e hanno concordato la riduzione delle emissioni di gas serra con l’obiettivo di evitare un aumento di 2 gradi Celsius della temperatura media globale superiore ai livelli preindustriali. Idealmente, l’obiettivo del trattato è limitare l’aumento a 1,5 gradi Celsius.

Per ottenere questo risultato, i leader hanno proposto di abbattere rapidamente le emissioni di anidride carbonica (il principale gas serra, fa da metro di misura per tutti gli altri) dalle centrali elettriche, dalle automobili e dall’industria.

Due nuovi studi pubblicati sui periodici AGU Geophysical Research Letters e Earth’s Future evidenziano che alcuni degli obiettivi stabiliti nell’accordo potrebbero essere difficili da raggiungere senza molti sacrifici.

Emissioni globali di CO2 dal 1980 (nero solido) e impegni nazionali ai sensi dell’accordo di Parigi (tratteggiati) rispetto a uno scenario di emissioni elevate (arancione) e uno scenario compatibile con il riscaldamento limitante a 2 ° C rispetto ai livelli preindustriali (blu). Fonte: dati da Le Quéré, C. et al. ( 2016 ) basato su Rogelj et al, ( 2016 );

Attualmente di gran lunga irraggiungibile

Nei nuovi studi pubblicati sulle riviste Earth’s Future e American Geophysical Union, i ricercatori sostengono, per dirlo con delicatezza, che l’obiettivo climatico di Parigi 2015 è attualmente di gran lunga irraggiungibile.

Le nuove ricerche mostrano che il futuro climatico dipende dalle decisioni politiche prese dai quattro principali emettitori (Stati Uniti, Cina, UE e India) e che, anche se essi dovessero rafforzare i loro impegni per ridurre le emissioni, il resto del mondo dovrebbe immediatamente ridurre i propri gas serra a zero per raggiungere l’accordo di Parigi 2015.

Se aggiungete anche che gli Stati Uniti hanno notificato alle Nazioni Unite, nell’agosto 2018, l’intenzione del paese di ritirarsi dall’accordo di Parigi, unendosi alla Siria come uno dei due soli paesi al mondo non aderenti al trattato, raggiungere l’obiettivo climatico è praticamente impossibile.

“In parole povere, queste carte evidenziano l’incredibile sfida che l’Accordo di Parigi 2015 ha presentato al mondo”, ha detto Dáithí Stone, scienziato del clima con l’Istituto Nazionale di Ricerca sull’Acqua e l’Atmosfera, una società di ricerca di proprietà della corona in Nuova Zelanda, che non era coinvolto in uno degli studi.

Modelli climatici

Sophie Lewis, docente presso l’Università del New South Wales e autrice principale del nuovo studio, e i suoi coautori hanno usato modelli che proiettavano i modelli climatici futuri in alcune parti del mondo per mostrare come il fallimento di questi paesi ad alte emissioni avrebbe portato conseguenze climatiche e problemi direttamente lì.

Lewis ha dichiarato che non tutti gli impatti futuri sono chiari, ma i dati per l’Europa centrale e il Nord America orientale mostrano con un’alta veridicità, come un aumento medio della temperatura mondiale avrebbe un impatto diretto su quelle regioni.

Ha detto Lewis: “Dai modelli nell’Europa centrale è evidente come ci sia tanto da guadagnare limitando l’aumento della temperatura a 1,5 o 2 gradi”.

Lewis ha affermato che in futuro l’onere di limitare le emissioni sarà di tutti i paesi, ma le regioni ad alto emissivo del mondo hanno un ruolo importante nel condurre riduzioni.

Importanza dei principali emettitori

Il primo studio, pubblicato su Geophysical Research Letters di AGU, ha evidenziato che nessuno dei principali emettitori di carbonio del mondo, compresi gli Stati Uniti, la Cina e l’Unione Europea, ha assunto impegni calcolati per cercare di limitare l’aumento di 2 gradi Celsius, rispetto alla temperatura media del periodo pre-industriale.

Secondo il nuovo studio, se questi importanti emettitori non riusciranno ad attuare forti cambiamenti politici riducendo le loro emissioni in modo più significativo, specifiche parti del mondo come l’America del Nord orientale e l’Europa centrale vivranno periodi di temperature estreme.

Queste cifre mostrano i percorsi a livello nazionale necessari per rendere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi una realtà. Le figure mostrano le traiettorie di biossido di carbonio delle emissioni di Stati Uniti, Unione europea, Cina, India e Resto del mondo da combustibili fossili e processi industriali per i seguenti scenari: (a) Riscaldamento globale a 2 ° C con un 75 % di probabilità; (b) riscaldamento globale al di sotto dei 2 ° C con una probabilità del 66%; e (c) il riscaldamento globale sotto i 2 ° C con una probabilità del 75%. Credito: Jiang et al / AGU

Paesi in via di sviluppo

Nel secondo studio, pubblicato su Earth’s Future, i ricercatori hanno scoperto che l’approccio “tutti devono fare la propria parte” alla mitigazione dell’aumento di temperatura globale definito nell’accordo di Parigi, maschera una grande sfida da affrontare per i paesi in via di sviluppo.

Gli autori del recente studio hanno affermato che non sarebbe tecnicamente, politicamente o socialmente fattibile per molti dei paesi del mondo raggiungere questo obiettivo.

Glen Peters, direttore della ricerca del Center for International Climate Ricerca (CICERO) in Norvegia e coautore del secondo studio, ha dichiarato: “È molto facile parlare della media globale, ma non appena si tira indietro uno strato di cipolla, a livello di paese, queste regole non si applicano più”.

Ha detto che i paesi ad alto potenziale hanno già causato molti danni quando si tratta di emissioni, mentre il resto del mondo dovrebbe limitare la crescita industriale e lo sviluppo per raggiungere gli obiettivi di emissioni globali.

“La torta è così piccola che stai praticamente andando a far morire di fame i paesi in via di sviluppo a meno che non ci sia un enorme aumento (in termini di riduzione delle emissioni) da parte di paesi come gli Stati Uniti”.

Ha detto Michael Wehner, uno scienziato senior del Lawrence Berkeley National Laboratory gestito dall’Università della California, che non è stata coinvolta in nessuno dei recenti studi: “l’iniquità della responsabilità del riscaldamento globale tra le nazioni sviluppate e in via di sviluppo è rivelata da entrambi i nuovi studi. Indubbiamente, in assenza di nuove tecnologie energetiche, ci sarebbero implicazioni negative significative per la modernizzazione dei paesi in via di sviluppo e l’alleviamento della povertà se dovessero ridurre le emissioni”.

Evoluzione delle emissioni in diversi paesi dal 1990 al 2015. Le linee arancioni indicano la crescita, il blu indica le riduzioni. Fonte: Le Quéré, C. et al. ( 2016 )

Una via da seguire

Peters, il coautore del giornale di Earth’s Future, ha dichiarato che mentre i suoi risultati sono tristi, il mondo non dovrebbe rinunciare al raggiungimento degli obiettivi di emissione. Ha detto che paesi storicamente emettenti come gli Stati Uniti e parte dell’Europa dovrebbero impegnarsi a maggiori riduzioni rispetto ai paesi in via di sviluppo per compensare le emissioni passate.

Peters e i suoi coautori sostengono che, al fine di raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi, i paesi leader devono sviluppare tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio, a zero o addirittura negative che possano essere distribuite su vasta scala nei paesi in via di sviluppo.

Conclusioni

Tutto questo discorso sembra dannatamente pessimista. Ma Peters e Green stanno facendo il punto della situazione per raggiungere l’obiettivo. Se le nazioni globali vogliono veramente limitare il riscaldamento a 2 ° C, dovranno innalzare radicalmente le rinnovabili e altre tecnologie avanzate  Avranno la possibilità di iniziare a farlo nel 2020, quando le nazioni globali si riuniranno in un luogo ancora indeterminato per fare nuove e più profonde promesse sul clima. “Una domanda è come i principali emettitori arriveranno al tavolo entro il 2020”, ha detto Levin. “Chiaramente, abbiamo bisogno di una strada da seguire per ridurre le emissioni ben direzionata se vogliamo limitare a 1,5 o 2 gradi.”

Journal References:

  1. Sophie C. Lewis, Sarah E. Perkins‐Kirkpatrick, Glenn Althor, Andrew D. King, Luke Kemp. Assessing Contributions of Major Emitters’ Paris‐Era Decisions to Future Temperature ExtremesGeophysical Research Letters, 2019; DOI: 10.1029/2018GL081608
  2. Xuemei Jiang, Glen P. Peters, Christopher Green. Global Rules Mask the Mitigation Challenge Facing Developing CountriesEarth’s Future, 2019; DOI: 10.1029/2018EF001078

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

 

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here