La cementificazione della Lombardia ha tolto sempre più spazio al verde e fornito sempre più malinconia ai suoi cittadini. Il prezzo dell’industrializzazione post-bellica lo hanno pagato le generazioni nate in seguito, le stesse che non hanno potuto giovare di quel benessere che hanno provato i loro genitori.

♦ Di Carlo Ienna

Molto tempo è trascorso da quando il panorama industriale lombardo fu una delle punte di diamante dell’economia italiana. La trasformazione del territorio di questa regione avvenne partendo da quel vigoroso momento caratterizzato dal Boom Economico degli anni cinquanta, consumandosi pian piano attraverso i cambiamenti segnati dalla politica industriale ed economica del paese. La cementificazione della Lombardia ha tolto sempre più spazio al verde e fornito sempre più malinconia ai suoi cittadini. Il prezzo dell’industrializzazione post-bellica lo hanno pagato le generazioni nate in seguito, le stesse che non hanno potuto giovare di quel benessere che hanno provato i loro genitori.

Due terzi della Lombardia è sotto assedio dal cemento con il settore occidentale come il più colpito da questo fenomeno. [ISPRA]

Una volta c’era la nebbia

Una volta c’era la nebbia, fitta e grigia che scandiva le mattinate di migliaia di lavoratori lombardi; dalle campagne del Po fino ai tetti di Milano, ora non vi è più. La progressione del cemento usato con ‘disinvoltura’ sul territorio italiano ha sempre inizio in quella decade del Secondo Dopoguerra, nel tentativo di capovolgere il panorama economico disfatto dalle bombe cadute fino al 1945. A metà del 1900 iniziarono le politiche di ricostruzione ampliando su vasta scala la realizzazione di immobili di cemento, una pratica relativamente economica e rapida che trova spazio come soluzione per ricostruire il paese. Con in cantieri iniziano anche gli abusi attraverso il territorio come il caso della ‘rapallizzazione’ in Liguria; ovvero la cementificazione selvaggia della città di Rapallo che porta oggi tutte le conseguenze sbagliate del passato.

La sua topografia offre un terreno più vasto e consono all’edilizia

La pianura lombarda per la sua topografia offre un terreno più vasto e consono all’edilizia dove l’occhio non ha potuto vedere immediatamente la progressione della cementificazione nel tempo. Ecco perchè rispetto ad altre regioni la Lombardia è riuscita a continuare nel consumo del suolo principalmente in quei territori che circondano Milano, ed aspettando che gli effetti della Legge Regionale 28 novembre 2014 n. 31 abbiano i suoi effetti nel limitare e risanare i danni già avvenuti, intanto progetti come la Pedemontana accentuano l’alto tasso di consumo del suolo.

Dunque passando attraverso l’hinterland milanese (ed oltre) ci si accorge di come non esistano più spazi naturali tra i vari comuni a testimonianza di quanto accaduto; ad eccezione di quelle aree agricole ridotte sempre più in superficie. Il resto si è trasformato in una megalopoli dall’aeroporto di Malpensa a quello di Linate includendo tutti i comuni da Como fino a Rozzano per una superficie stimata di oltre 1851 km quadrati di territorio costruito, ed ampiamente caratterizzata da una triste alternanza di edifici architettonicamente blandi e capannoni industriali sfitti. Non si può non notare la decadenza paesaggistica di una regione che ha sempre vantato di essere la più proficua d’Italia.

Nei pressi di Montichiari (BS) la nuova superstrada assieme ad una nuova zona industriale su terreno agricolo. [Altraeconomia.it]

Terreni agricoli per costruire nuovi immobili anziché riqualificare il territorio costruito

Per troppo tempo si è preferito usare terreni agricoli per costruire nuovi immobili anziché riqualificare il territorio costruito. Il consumo del suolo lombardo non si arresta e solo nel 2017 si è arrivati ad edificare 2,4 ettari al giorno di suolo vergine, con la Brianza e la sua maglia nera detenendo il primato.

Di obbrobri del suolo ne sa qualcosa la città di Sesto San Giovanni che preserva intatto lo scheletro delle acciaierie Falk come un macabro feticcio, un ricordo dei bei tempi dell’economia locale che metteva il pane in tavola e garantiva le pensioni di migliaia di lavoratori. Ora quella superficie – come tante altre simili nella regione – sono diventate metastasi in disuso e dimenticate senza un futuro caratterizzato da mille promesse elettorali che da decenni non sono mai state realizzate per mancanza di fondi, ma più precisamente per mancanza di lungimiranza verso il territorio della classe politica.

Il Villaggio Falk a ridosso di Milano, una mastodontica area con l’acciaieria abbandonata da decenni e mai riqualificata- [Google Maps]

Il cemento è stato impiegato ovunque

Il cemento è stato impiegato ovunque per creare progetti di sviluppo nell’epopea a cavallo tra il modernismo ed il postmodernismo culturale a metà del 1900, quello che sanciva l’architettura brutalista – quella del cemento per intenderci – come il futuro delle città.

Fu così che a colpi di malta sono state create intere zone urbane che hanno sfregiato la Lombardia con le sue città distruggendo il verde comprese le sue biodiversità; senza contare l’inquinamento degli specchi d’acqua che scaricano nel fiume Po gli scarti aziendali.

Ma anche una serie sconfinata di centri commerciali aventi parcheggi dalle dimensioni lagunari, gli stessi che oggi rischiano di chiudere per colpa del commercio online.

Insomma, non è un panorama felice quello che dipinge questa regione e tali fenomeni sono andati ad influenzare i suoi cittadini; proprio queste persone si ritrovano a dover sopperire al cambiamento urbano ed ambientale senza poter aver voce.

Labirinti sociali

Le problematiche che si sono venute a creare sono quelle di tipo urbano dove le anomalie architettoniche creano ‘labirinti sociali’. Esistono interi rioni senza traffico pedonale poiché privi di connessioni utili con il resto della città.

Interi ammassi edili sono stati creati con prepotenza credendo di ricreare la vita dei centri di città ma in periferia. Niente di più sbagliato.

Intanto dopo decenni di incessante attività tra ruspe e gru, il consumo del suolo è arrivato nel 2017 al 41% del territorio. Cattedrali nel deserto sono rappresentate da complessi di palazzi ai limiti dei territori comunali in mezzo a campi agricoli, dove solitamente una serie di rotatorie tocca discount alimentari e una serie di piccole-medie aziende: uno scenario che si ripete inesorabilmente per chilometri e chilometri.

Dal 1984 al 2018 la grande area urbana attorno Milano ha cementificato a ritmi incessanti il territorio. [Google Earth]
Opere faraoniche come l’intero polo fieristico di Rho in provincia di Milano hanno la loro utilità ma non senza costi verso l’ambiente. Qui non si tratta solo di cementificazione ma bisogna includere anche i mutamenti dell’aspetto psicologico: le mancanze di zone verdi sono dannose per l’uomo sia a livello emotivo che fisiologico, la rimozione del territorio naturale per l’edilizia ha rimosso l’abilità della regione di assorbire CO2 e produrre ossigeno. Rimuovere interi volumi di spazio verde si traduce come un radicale cambiamento dell’habitat umano e non solo, dove mutamenti climatici rendono le stagioni sempre più anomale ed imprevedibili.

Camera con vista A4 per le case a ridosso della Torino-Trieste, simbolo di un sistema urbanistico inadeguato senza più spazio per espandersi. [Google Streetview]

Degrado urbano

Passando attraverso i piccoli comuni che si trovano sfiorare le due arterie autostradali principali come la A4 e la A1 con le loro relative tangenziali, ci si chiede quante rotatorie siano abbastanza e quante altre possano essere fatte. I fondi per la riqualificazione territoriale sono deprecati tanto da ritrovarsi con condomini decadenti, spianate di asfalto, capannoni vuoti, il tutto contribuisce al degrado urbano specialmente quando i cittadini evitano certe zone del territorio le quali diventano terra di nessuno, ovvero terra per la criminalità di creare il proprio luogo e regole.

Tra le strade che connettono questi centri si notano immediatamente le aritmie architettoniche che hanno sfidato il piano regolatore. Tra cui l’insistenza di certi comuni nell’usare cimeli arrugginiti industriali per decorare tali rotatorie. Non esiste una coerenza o una costanza paesaggistica per mantenere adeguate certi edifici. Non si sa più la differenza tra I palazzi periferici della Bratislava degli anni ottanta e quella di certe zone urbane di oggi. Eppure la glorificazione del Brutalismo architettonico della Torre Velasca di Milano nel 1956, ha sancito l’andazzo per tutta la regione: il grigio ed il cemento vanno bene perchè costano meno.

Entrando a Busto Arsizio si viene accolti da uno dei vari telai arrugginiti messi sulle rotatorie. Un malinconico ricordo dell’era industriale territoriale del tessile scomparsa da anni. [Google Streetview].

Ci si sposta da comune a comune senza intravedere più zone naturali

 Ci si sposta da comune a comune senza intravedere più zone naturali, come entrando in un’apnea dove si aspetta di trovare il verde per riprendere il fiato, ma c’è sempre più cemento che scompare all’orizzonte perdendosi a vista.

In queste panoramiche esistono innumerevoli realtà aziendali che impiegano lavoratori infelici a tempo determinato o a partita iva, gli stessi che creano realtà sociali con gruppi di persone che al bar nei weekend assopiscono i propri timori e dolori tra moltitudine di bianchini, pinte di birra, innumerevoli spinelli, e abbordabili grammi di cocaina.

Questi individui riversano le proprie frustrazioni i lunedì mattina buttando a vanvera venti Euro tra Gratta E Vinci e slot-machines. Il tutto mentre consumano il loro caffè corretto, cornetto, e sigaretta fumata sull’uscio del bar mentre si cimentano a discutere di come sono cambiati i tempi o di come ingiustamente sono stati fermati per guida in stato di ebbrezza due giorni prima, mentre tornavano da una discoteca – due regioni più in là – alle quattro del mattino in autostrada.

Vi è un nesso tra tutti questi elementi che partono dalla cementificazione del territorio fino a toccare le vite di queste persone le quali non trovano alcun elemento per risanare il proprio igiene mentale. Del resto navigando tra le zone dell’hinterland milanese si possono vedere scorci di vita degradata dagli abusi edilizi, senza alcuna immaginazione se non la realtà malinconica di un’esistenza urbana dettata dal precariato sociale e lavorativo: i bassi stipendi comportano basse scelte di vita che spesso e volentieri sfociano in pessimi risultati politici alle urne.

Conclusioni

Anche questo è parte delle conseguenze delle scelte di una regione perduta da quasi trent’anni di scandali politici come quelli di Tangentopoli, la trasformazione Berlusconiana da quella dei video a quella del Parlamento, le delusioni economiche di inizio 21esimo secolo, ed altro ancora.

Il tutto si mischia in una letale sintesi di opportunità perse nel creare una realtà migliore per una regione che traina il PIL italiano. Quello che resta da decidere, tra comuni e regione, è se fermare la cementificazione della Lombardia per ricostruire la dove è necessario risanare vite umane.

Spazi urbani dimenticati che promuovono tutto fuorché la felicità di essere parte del proprio contesto civico. Di conseguenza ci si dimentica di appartenere ad un contesto plurale dove le proprie scelte vanno ad impattare quelle degli altri.

La precarizzazione urbana dei comuni lombardi attraverso scelte di sviluppo sbagliate del territorio ha segnato la fine della speranza civile. Ovvero, con la scelta di costruire e mantenere obbrobri urbani si è preferito squalificare la possibilità di creare realtà cittadine che avrebbero potuto migliorare la vita di milioni di persone. Con il tacito consenso della politica verso il pubblico degrado, con la mancata lotta all’abusivismo, alla criminalità organizzata, la Lombardia ha creato una dimensione socioeconomica composta dalla speculazione edilizia assieme a quella lavorativa. È un ossimoro vedere il simbolo della regione Lombardia caratterizzato dalla Rosa Camuna e dal colore verde, simboli della natura in via di estinzione.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here