Un millepiedi fossile di 8,2 millimetri è stato scoperto nell’ambra birmana. Un gruppo di ricerca ha confermato che questo è il primo millepiedi fossile dell’ordine Callipodida. La nuova specie, nonostante abbia vissuto al fianco della megafauna del Cretaceo, è più piccola di qualsiasi altro membro del suo gruppo. A causa della sua straordinaria morfologia, è descritto come un nuovo sottordine.

Il millepiedi appena descritto (Burmanopetalum inexpectatum) visto nell’ambra. Credito: Leif Moritz

Anche se siamo portati a credere che durante il Cretaceo la Terra fosse una casa esclusiva per terribili giganti, tra cui velociraptor carnivori e artropodi più grandi di un moderno adulto umano, si scopre che c’era ancora spazio per innocui minuti invertebrati che misuravano solo diversi millimetri.

Il primo millepiedi fossile dell’ordine Callipodida

È il caso di un piccolo millepiedi di soli 8,2 mm di lunghezza, recentemente rinvenuto in ambra di 99 milioni di anni in Myanmar. Utilizzando le ultime tecnologie di ricerca, gli scienziati hanno concluso che non solo gestivano il primo millepiedi fossile dell’ordine (Callipodida) e anche il più piccolo tra i suoi parenti contemporanei, ma che la sua morfologia era così insolita da deviare drasticamente dai suoi parenti contemporanei.

Di conseguenza, il Prof. Pavel Stoev del Museo Nazionale di Storia Naturale (Bulgaria) insieme ai suoi colleghi Dr. Thomas Wesener e Leif Moritz del Museo Zoological Research Alexander Koenig (Germania) ha dovuto rivedere l’attuale classificazione dei millepiedi e introdurre un nuovo sottordine. Per dirla in prospettiva, ci sono stati solo una manciata di sottordini di millepiedi eretti negli ultimi 50 anni. I risultati sono pubblicati nella rivista ZooKeys ad accesso libero.

I millepiedi (classe Diplopoda)

I millepiedi sono un gruppo di artropodi estremamente variegato ma anche in gran parte sottostimato, con oltre 11.000 specie descritte. Il numero effettivo di specie è stimato tra le 15.000 e 80.000.

L’intera era mesozoica – un intervallo di tempo geologico che va da circa 252 a 66 milioni di anni fa – è povera di fossili di millepiedi, con meno di una dozzina di specie tassonomicamente descritte.

I primi reperti fossili di millepiedi provengono dal Medio Siluriano o dal Devoniano Inferiore ( circa 420 milioni di anni fa).

Soprannominato Burmanopetalum inexpectatum, le specie di millepiedi appena scoperte vissero circa 99 milioni di anni fa (periodo Cretaceo).

L’antica creatura, lunga circa 8,2 mm, è racchiusa nell’ambra della valle di Hukawng, nello stato di Kachin, nel nord del Myanmar.

La ricerca

Per analizzare la specie e confermare la sua novità, gli scienziati hanno utilizzato la microscopia a raggi X 3D per “tagliare” attraverso il campione del Cretaceo e esaminare i piccoli dettagli della sua anatomia, che normalmente non si sarebbero conservati nei fossili. L’identificazione del millepiedi presenta anche il primo indizio sull’età dell’ordine di Callipodida, suggerendo che questo gruppo di millepiedi si sia evoluto almeno 100 milioni di anni fa.

Curiosamente, l’artropode studiato era ben lungi dall’unico scoperto in questo particolare deposito di ambra. Al contrario, è stato trovato tra ben 529 esemplari di millepiedi, eppure era l’unico rappresentante del suo ordine. Questo è il motivo per cui gli scienziati lo chiamarono Burmanopetalum inexpectatum, dove “inexpectatum” significa “inaspettato” in latino, mentre l’epiteto generico (Burmanopetalum) si riferisce al paese di scoperta (Myanmar, ex Birmania).

Commenti

L’autore principale Prof. Pavel Stoev dice:

“Siamo stati così fortunati a trovare questo esemplare così ben conservato nell’ambra! Con la tomografia micro-computer di nuova generazione (micro-CT) e il software di rendering e elaborazione delle immagini associato, siamo ora in grado di ricostruire l’intero animale e osservare i più piccoli tratti morfologici che raramente si conservano nei fossili. Questo ci rende fiduciosi di aver confrontato con successo la sua morfologia con quelle dei millepiedi esistenti. È stata una grande sorpresa per noi che questo animale non possa essere inserito nell’attuale classificazione dei millepiedi. Anche se la loro apparizione generale è rimasta invariata negli ultimi 100 milioni di anni, poiché il nostro pianeta subì molte volte cambiamenti drammatici in questo periodo, alcuni tratti morfologici del lignaggio Callipodida si sono evoluti in modo significativo.”

Il co-autore Dr. Thomas Wesener aggiunge:

“Siamo grati a Patrick Müller, che ci ha permesso di studiare la sua collezione privata di animali trovati nell’ambra birmana e datati dall’età dei dinosauri: la sua è la più grande collezione europea del mondo e la terza al mondo. per esaminare più di 400 pietre d’ambra che contengono millepiedi, molti dei quali sono ora depositati presso il Museo Koenig di Bonn, in modo che gli scienziati di tutto il mondo possano studiarli, inoltre, nel nostro studio, forniamo una tomografia computerizzata ad alta risoluzione le immagini del nuovo millepiedi descritto sono rese pubbliche attraverso MorphBank, il che significa che chiunque può ora accedere liberamente e riutilizzare i nostri dati senza nemmeno lasciare la scrivania. ”

Esperto di spicco nello studio degli artropodi fossili Dr. Greg Edgecombe (Museo di storia naturale, Londra) commenta:

“L’intera era mesozoica è stata finora campionata solo per una dozzina di specie di millepiedi, ma le nuove scoperte dell’ambra birmana stanno cambiando rapidamente il quadro. Negli ultimi anni, quasi tutti i fossili ritrovati in questa ambra (di 99 milioni di anni) sono stati identificati e classificati in 16 ordini viventi di millepiedi, i dati anatomici presentati da Stoev et al. uniscono Callipodida al club”.

Conclusioni

Con questa descrizione dettagliata del primo Callipodida fossile del Mesozoico, sono state gettate le basi per ulteriori ricerche sulla classificazione e filogenesi del gruppo. Inoltre, l’età minima dell’ordine di Callipodida è ora nota per essere almeno 99 milioni di anni.

Journal Reference:

Pavel Stoev, Leif Moritz, Thomas Wesener. Dwarfs under dinosaur legs: a new millipede of the order Callipodida (Diplopoda) from Cretaceous amber of BurmaZooKeys, 2019; 841: 79 DOI: 10.3897/zookeys.841.34991

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here