In questo articolo andremo a vedere perché le api sono così importanti, da cosa sono minacciate e se sono innocue o pericolose.

♦ Di Claudio Sbaraglia ♦

Negli ultimi anni ci siamo abituati a sentire notizie allarmanti sullo stato di salute delle popolazioni di Apis mellifera, la nostra cara amata ape da miele.

Purtroppo, gli effetti combinati di pesticidi e cambiamento climatico, stanno minacciando gravemente lo stato di salute di questi importantissimi insetti.

Ma perché sono così importanti?

Ci sono tantissimi motivi per i quali le api sono di fondamentale importanza ma uno in particolare ci riguarda da vicino, l’impollinazione delle angiosperme (alberi da frutto), grazie alla quale possiamo mangiare il miele e tutti i frutti che ne derivano.

Immaginiamo un mondo senza mele, carote, agrumi, pesche, ciliegie, pomodori, zucchine, cavoli, meloni e tanto altro. Bene, questo sarebbe lo scenario in cui dovremmo vivere senza le api a svolgere il ruolo di impollinatrici.

Sono d’accordo con voi che sarebbe una scena da far impallidire persino “The Day After Tomorrow” di Roland Emmerich.

Varroa destructor

Come se non bastassero pesticidi e cambiamenti ambientali, ci si mette pure un altro nemico giurato di queste instancabili lavoratrici: Varroa destructor.

Il nome suggerisce già quanto sia temuto questo acaro parassita che ogni anno miete una quantità incredibile di vittime nelle arnie degli apicoltori.

Il parassita si può riprodurre solamente all’interno di una colonia di Apis mellifera, rendendolo un parassita specie-specifico, e attaccandosi al corpo delle sfortunate vittime ne succhia l’emolinfa indebolendole notevolmente.

Ultimamente, per alleggerire il peso di tale peste, gli apicoltori espongono le celle dei fuchi (maschi delle api) poiché quest’ultimi sono più sacrificabili delle operaie, in quanto non partecipano alla raccolta del polline e alla produzione del miele. Il loro compito è tutt’altro, ovvero inseminare la nuova ape regina durante la “sciamatura” da un’arnia all’altra.

Gli apicoltori però hanno altri assi nella manica, i cosiddetti acaricidi, i quali intervengono direttamente sull’acaro eliminandolo dall’arnia. Si tratta di sostanze chimiche come l’acido ossalico, molto diffuso poiché rientra nei prodotti ad uso biologico. Vi è però un piccolo inconveniente: l’acido ossalico deve essere utilizzato in assenza di covata, dal momento che non riesce ad agire sulla Varroa protetta dall’opercolo di cera delle cellette di covata.

Il momento migliore per la “pulizia” dell’arnia risulta essere il periodo autunno-inverno quando l’ape regina interrompe l’ovodeposizione e Varroa destructor, che segue esattamente il ciclo riproduttivo della regina, si blocca diventando particolarmente suscettibile alle sostanze acaricide.

Le api importanti per la nostra alimentazione

Le api sono una risorsa davvero troppo importante per la nostra alimentazione e tanti Paesi del mondo stanno cercando di proteggerle sempre di più aggiornando costantemente le restrizioni sull’uso dei pesticidi, forse qualcuno davvero si è accorto della vastità del problema.

A differenza delle loro cugine vespe, le api tendono a non pungere con il pungiglione per due motivi: il primo è che non lo usano per cacciare, come invece fanno le vespe. Il secondo motivo è ben più importante, il pungiglione nelle api è collegato direttamente al loro intestino e quindi una volta punto il nemico l’ape muore subito dopo.

Viene usato solo come ultima risorsa in situazioni drastiche o per la protezione dell’alveare, anche se hanno adottato altre tattiche altrettanto funzionali per questo scopo!

Le api sono innocue oppure possono essere pericolose?

Vi chiederete a questo punto se le api siano davvero così innocue oppure possono essere pericolose. Bene, la risposta è: dipende dal soggetto.

Per noi esseri umani, a meno che una persona non sia allergica, non presentano un grave pericolo.

Se il soggetto dovesse essere un calabrone, che è circa 3/4 volte un’ape, il discorso cambia radicalmente poiché le api hanno escogitato un metodo molto efficace per abbattere i loro nemici giurati. Appena viene avvistato un calabrone nelle vicinanze dell’alveare, le api “sentinelle” avvisano le operaie all’interno e iniziano a circondare completamente il calabrone formando un involucro di api.

A questo punto inizia la fase mortale della presa, facendo vibrare i propri muscoli riscaldano lo spazio tra loro ed il calabrone fino a 46 gradi Celsius, temperatura mortale per questi insetti.

Questo metodo di cooperazione consente di non utilizzare il pungiglione ed ottenere lo stesso risultato: la protezione dell’alveare!

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here