Questa è la storia dei tre liquidatori che 33 anni fa si offrirono volontari per svuotare manualmente le piscine contaminate della centrale di Chernobyl. Un gesto eroico, tuttavia dimenticato, che salvò la vita a milioni di persone.

Il 26 aprile 1986 alle ore 1:23 il reattore n. 4 della centrale nucleare di Chernobyl esplose durante un delicato controllo di sicurezza a causa di una serie di assurde operazioni e più di 200 violazioni del Regolamento di Sicurezza Nucleare dell’Unione Sovietica.

L’esplosione rilasciò nell’atmosfera una quantità elevatissima di radiazioni, almeno 100 volte maggiore a quelle delle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki. Le emissioni si depositarono immediatamente nelle cittadine di Chernobyl e Prypiat. Gran parte dell’Ucraina, della Bielorussia e la Russia furono colpite dalle radiazioni.

Falsità e mistificazioni

Molte furono le falsità e mistificazioni che circolarono negli ambienti politici e in quelli dell’industria nucleare occidentale: una di queste, forse la più ingiusta, riguardava i cosiddetti “liquidatori”, cioè militari e civili il cui compito era quello di decontaminare l’edificio e il sito del reattore, le strade, di costruire il sarcofago per contenere il reattore e altre mansioni collegate.

Furono considerati degli ignoranti e inesperti, ma la maggior parte erano dei vigili del fuoco, militari, geologi, tecnici esperti nella manipolazione dell’uranio ed erano consci del pericolo a cui sarebbero andati incontro.

Circa 600.000 persone intervennero con grande valore e spirito di sacrificio portando a termine quel maledetto lavoro che fu svolto non per fama e per denaro (che ricevettero ben poco), ma per responsabilità ed umanità.

Protagonisti di un gesto epico

Tre di loro furono protagonisti di un gesto epico che purtroppo è stato dimenticato o che in molti non conoscono.

Per raccontare la vicenda dei tre eroi liquidatori occorre riportare le dinamiche dell’evento dal loro inizio: i responsabili dell’impianto fecero erroneamente credere al personale e ai loro superiori che era scoppiato l’impianto di raffreddamento e non il reattore, una delle tante bugie ed omissioni per minimizzare l’accaduto.

Quindi furono gettati milioni di litri d’acqua e nitrogeno liquido per raffreddare il reattore creduto integro. Questo peggiorò la situazione, poiché l’acqua che entrò a contatto con il nucleo fuso a più di 2000° evaporò all’instante salendo nell’atmosfera sotto forma di nubi. Il vento fece il resto.

In ogni caso l’incendio andava spento, quindi si pensò di gettare della sabbia e l’operazione ebbe successo.

Ma i problemi non erano finiti: la contaminazione colpì anche le piscine di sicurezza poste sotto il reattore, che si riempirono di acqua uscita dal circuito primario e di quella usata dai vigili del fuoco per domare l’incendio.

Al di sopra si trovava il reattore in fusione sotto forma di lava di “corio” a 1666°C che da un momento all’altro rischiava di cadere a pezzi nell’acqua, provocando una serie di grandi esplosioni di vapore proiettando nell’aria ulteriori quantità di radiazioni.

Come se non bastasse c’era un’alta probabilità che l’acqua contaminata e la miscela di corio si infiltrassero nel sottosuolo inquinando le falde acquifere.

L’intera Europa rischiava un disastro ambientale senza precedenti

L’intera Europa rischiava un disastro ambientale senza precedenti. L’unica soluzione fu quella di svuotare le piscine in mondo controllato, e per fare ciò occorrevano degli esperti dell’impianto il cui compito era quello di svitare manualmente le valvole. Queste ultime si trovavano sott’acqua, vicino alle macerie radioattive e sotto al reattore che si stava fondendo.

Qualcuno doveva camminare in una zona talmente radioattiva che si poteva avvertire un sapore metallico in bocca, bruciore e confusione, mentre la pelle si abbronzava velocemente. Successivamente doveva immergersi nell’acqua contaminata, con il reattore sulla testa. Un’operazione da suicidio.

La scelta, in puro stile cinematografico, avvenne con una frase che spesso abbiamo sentito pronunciare nei film: “Vado io!”. I primi ad offrirsi furono Valeriy Bezpalov, un ingegnere che lavorava nella centrale, sposato con tre bambini piccoli, e Alexei Ananenko un importante tecnologo dell’industria nucleare sovietica che aveva partecipato alla costruzione della centrale di Chernobyl e sapeva bene dove si trovavano le valvole. Anch’egli sposato con una figlio. Il terzo volontario fu il giovane Boris Baranov che a sua volta si offrì spontaneamente per sorreggere una lampada subacquea per permettere ai due compagni di poter lavorare sulle valvole.

Chissà quali furono i pensieri dei tre eroi mentre percorsero 1200 metri fino al livello -0.5… Alcuni sostengono che chiacchierarono normalmente. Si immersero nelle piscine e svolsero l’operazione con successo, le saracinesche si aprirono e l’acqua radioattiva defluì verso un invaso costruito appositamente.

Il loro epilogo

Sul loro epilogo esistono tesi contrastanti: alcuni sostengono che siano morti a causa della radiazioni poco dopo negli ospedali di Kiev e Mosca.

Invece i tre sono incredibilmente sopravvissuti.

Ananenko e Bezpalov sono ancora vivi, mentre Baranov ha vissuto fino al 2005 perendo per infarto.

Conclusioni

Questa è la storia dei tre liquidatori che scelsero deliberatamente e consciamente di andare a rischiare la propria vita per salvare l’Europa. Il loro gesto è tuttavia ignoto a molti, ma che sarebbe giusto far sapere a chiunque calpesti il suolo europeo per fargli capire quanto sia fortunato oggi nel vivere in una terra che 33 anni fa ha rischiato di morire, ma che è viva grazie a delle persone comuni che si sono sacrificate in una circostanza drammatica dove non tutti probabilmente avrebbero avuto lo stesso coraggio.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here