Si ripete la Grindadrap la tradizionale caccia delle Isole Faroe, che ha visto questa volta la morte di 200 balene pilota e 40 delfini, che sono stati macellati per la loro carne, ricca di mercurio e PCB.

SON PRESENTI IMMAGINI CHE POTREBBERO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITÀ

Il 29 maggio 2019 gli abitanti di Torshavn, la capitale della remota isola atlantica Streymoy nelle Isole Faroe, hanno inondato il mare con il sangue di circa 250 cetacei intercettati mentre migravano verso nord.

Il branco composto tra le 150 e 200 balene pilota è stato massacrato a riva con macabre lance da caccia, il tutto incorniciato da un mare orribilmente colorato di rosso.

Il gruppo di conservazione Blue Planet Society, che sta anche conducendo una campagna per fermare l’uccisione di balene in Giappone, ha descritto il massacro come “brutale” e “crudele”.

Non solo pescatori ma anche semplici osservatori

I comuni cittadini dell’isola hanno aiutato i pescatori a tirare a terra le balene pilota, mentre altri da semplici osservatori stavano lì radunati davanti al mare rosso per osservare la mattanza.

Si ritiene che anche un gruppo tra i 20-40 delfini, Lagenorhynchus acutus (Lagenorinco dai fianchi bianchi), sia astato vittima della mattanza.

Una mattanza che si ripete ogni anno

La caccia alla balena pilota è soggetta alla legislazione delle isole Færøer, che definisce il quadro per i metodi di cattura, uccisione e attrezzature consentite.

Ogni estate, circa 800 balene e delfini vengono uccisi per la loro carne nelle Isole Faroe, un arcipelago danese situato a centinaia di miglia dalla costa scozzese tra Norvegia e Islanda.

Un portavoce di Blue Planet Society, ha chiesto l’adozione di provvedimenti da parte dell’UE e ha affermato che 500 balene e delfini sono stati uccisi dall’inizio di quest’anno.

Dichiarano: “Le Isole Faroe fanno parte del Regno di Danimarca (un paese dell’UE). Sia le balene pilota che i delfini dai fianchi bianchi sono protetti nell’UE “.

Una tradizione orribile e non salutare

La caccia alle balene nelle Isole Faroe risale alla fine del XVI secolo e coinvolge i residenti che radunano branchi di balene in acque poco profonde.

Quando gli animali sono abbastanza vicini alla riva, un gancio viene inserito nello sfiatatoio per trascinarli ulteriormente sulla riva. Un pescatore userà quindi una lancia spinale, uno strumento ‘obbligatorio’ utilizzato nella caccia alla balena delle Færøer, per pugnalare il collo e tagliare il midollo spinale, interrompendo l’afflusso di sangue al cervello della balena.

I locali, che mangiano carne e grasso e altre parti del corpo, eseguono il macello all’aperto.

Il governo locale afferma che la caccia non è solo sostenibile, ma garantisce che le 18 isole, che hanno opportunità limitate per l’agricoltura, siano il più autosufficienti possibile.

Ogni balena fornisce diverse centinaia di chili di carne e di grasso, cibo che altrimenti dovrebbe essere importato dall’estero nelle isole a un costo per i locali e l’ambiente.

Il governo però non dichiara, come hanno fatto invece ricercatori delle stesse Færøer, che a fianco delle proteine, del ferro e delle vitamine, gli abitanti delle isole Faroer si alimentano anche con alti livelli di mercurio e PCB.

Conclusioni

Serve commentare ulteriormente questa situazione?

Vi ripetiamo quello scritto la scorsa volta sempre in tale occasione

Dietro a questa “esigenza” di carne, sembra esserci invece un barbaro “divertimento” anche perché spesso le immagini mostrano questi animali morti, abbandonati semplicemente in acqua. Inoltre cibandosi di carne di delfino e balena (purtroppo anche di altri animali) si va incontro ad una contaminazione da mercurio, essendone essi contaminati (magnificazione biologica).

Quindi le motivazioni che cercano di giustificare questa mattanza non possono essere assolutamente avvallate, anzi.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here