Il problema ambientale dell’automobile tra innovazione e reticenza.

♦ DCarlo Ienna 

Negli ultimi dieci anni il panorama dell’automobile ha subito cambiamenti radicali spostando l’attenzione dei costruttori verso nuove tecnologie. In breve tempo i dispositivi meccanici a bordo sono stati sostituiti da quelli elettronici, modificando la relazione tra guidatore e vettura cedendo sempre di più all’elettronica il metodo di guida, sempre tenendo conto dell’importanza alla rete come strumento essenziale per rimanere connessi.

Sicurezza e dati sono aumentati per ogni automobile prodotta, motori più efficienti e performanti sono montati con dimensioni sempre più piccole, anche se il ridotto consumo di carburante non riesce a staccarsi dai repentini rincari del carburante alla pompa. Effettivamente le automobili di oggi che usano idrocarburi sono dipendenti da una tecnologia meccanica vecchia di oltre un secolo: quella del pistone e dello scoppio per creare energia e di conseguenza movimento.

Tutto è cambiato attorno alle automobili

Tutto è cambiato attorno alle automobili, anche le città che si sono adattate a costruire mastodontici progetti di strade, autostrade, ponti, parcheggi, spalmando catrame su ogni superficie le ruote avessero bisogno di viaggiare.

La comodità del mezzo non è in questione quanto ciò che spinge l’auto ogni giorno ovunque e per qualsiasi tratta.

Il problema sussiste nella continuazione dell’uso del petrolio per alimentare i motori, piuttosto che insistere sui risultati dell’onda tecnologica che questi dieci anni ha portato: le alternative esistono e sono già acclamate.

Anche se possiamo veder circolare un mezzo autonomo governato da un’intelligenza artificiale con più facilità, sembra invece più ardua l’impresa di sostituire l’utilizzo della benzina per uno risvolto totalmente ecologico, promuovendo l’uso del motore elettrico o per lo meno ibrido come primo passo.

Negli ultimi cinque anni le opzioni diesel per il marchio giapponese Lexus sono state rimosse in favore di un sistema ibrido, così si stanno muovendo le altre case asiatiche e sulla stessa scia anche i primi passi delle europee.

Suggeriamo la lettura di: Panorama delle auto elettriche nel 2018

Ogni giorno migliaia di città ospitano milioni di mezzi in una routine alimentata dal petrolio. [Wikimedia]

Gli ingenti interessi economici sono il centro della questione

Conosciamo bene come gli ingenti interessi economici siano al centro della questione del motore a scoppio, ma osservando il disinteresse all’ultimo autosalone di Francoforte (Fonte articolo) da parte di noti protagonisti, ci chiediamo cosa stia accadendo tra quello che i grandi marchi faticano a recepire.

Partendo da Sergio Marchionne quando disse che produrre la nuova Fiat 500 col motore elettrico sarebbe stato costoso se non addirittura la strada sbagliata l’elettrico per il futuro dell’auto (Fonte articolo), e quindi dal punto di vista industriale una difficoltà per l’eventuale budget di spesa; arriviamo ad oggi con la necessità di avere sul mercato – ed al più presto in strada – automobili elettriche pronte a far abbandonare l’uso del petrolio e a risollevare le sorti dell’ambiente.

La concentrazione nelle città di CO2, ed altre sostanze tossiche, prodotte dai motori di oggi si concentrano in quelle realtà urbane ad alto influsso di traffico pendolare e logistico. Città come Torino, Milano, Roma, dipendono dal forte spostamento di lavoratori residenti nelle provincie limitrofe, per ognuno di essi un’automobile è in circolazione e di conseguenza le relative emissioni nocive dai motori.

Per più di un secolo siamo stati abituati a vedere nel panorama naturale cattedrali di lamiere produrre idrocarburi senza fine. [Wiki Media]
Il problema è quindi a monte dove l’organizzazione degli spostamenti quotidiani è da ripensare; non solo, ma la comodità dell’auto è l’altro fattore che spinge il suo uso ed i suoi consumi. Non possiamo fare a meno del nostro mezzo perchè il suo sviluppo nel tempo ha condizionato altri ritmi, però è possibile chiedere di più dai costruttori come stanno già facendo in Svezia e Norvegia con l’intento dal 2030 di rimuovere le auto a combustione interna (Fonte articolo ).

Un punto di partenza per costruire il domani senza idrocarburi

Da qui abbiamo un punto di partenza da dove iniziare a ridefinire la concezione di città del futuro. Con l’elettrificazione dei mezzi si ha il vantaggio di avere per prima una migliore qualità dell’aria tra le vie urbane, meno malattie alle vie respiratorie, una migliore igiene mentale, ed anche meno inquinamento acustico.

Se nei prossimi dieci anni un piano del genere dovesse accadere, possiamo proiettare una diminuzione della spesa pubblica per le infrastrutture ed anche quella sanitaria, traducendo il tutto in una nuova prospettiva per quanto riguarda la salute e la circolazione urbana dei mezzi di qualsiasi taglia.

Le città possono essere attivamente partecipi al cambiamento diventando nuove oasi per i cittadini, modificando la viabilità del traffico a ruote per favorire quello pedonale e promuovere più aree verdi. In Europa i centri urbani si sono sviluppati prima dell’automobile e quindi su misura umana, rendendo le piante urbanistiche più organiche anziche squadrate come invece accade in nord America.

Perciò, ora come mai, abbiamo la necessità di costruire il domani senza idrocarburi, o per lo meno, limitando l’uso del petrolio con i suoi derivati a quei settori come l’aviazione che non ne possono farne a meno. Rivedere le città sotto l’ottica di un traffico non inquinante e silenzioso è la nuova frontiera.

Eppure servono degli slanci per poter spingere lo sviluppo, infatti l’avvento del marchio Tesla con i suoi modelli di auto assieme al recente scandalo delle emissioni truccate del Dieselgate, hanno contribuito a cambiare fortemente l’opinione pubblica verso la vettura elettrica come valida alternativa. Un fenomeno, o meglio uno strattone, che in inglese viene chiamato ‘disruption’, ovvero quell’elemento che interrompe un ciclo/sistema mettendolo in questione per proporre alternative migliori.

Il traffico e le conseguenze che ne derivano

Due film classici mettono in risalto il traffico e le conseguenze che ne derivano, Roma (episodio del traffico della capitale) di Federico Fellini del 1972 e L’Ingorgo di Luigi Comencini del 1979, dove si narrano le vicissitudini dei guidatori e del traffico in quell’Italia col fiatone, quella che aveva perso l’inerzia del Boom Economico del dopoguerra e che in qualche modo andava avanti come poteva.

Lì intravediamo la cultura automobilistica come l’essenza dell’individualismo umano alla scoperta di se stesso, perché questo mezzo raffigura l’estensione della capacità di ogni persona nel poter esplorare nuovi luoghi ed essere indipendenti da altri sistemi di trasporto, ma anche la massima comodità nello spostamento abbattendo i tempi per rimanere nelle tempistiche moderne.

Un mezzo compatto ed elettrico come simbolo della nuova mobilità urbana. [Wikimedia]
Da qui capiamo che fare a meno dell’automobile non è più possibile, anche per ragioni sentimentali; però è possibile plasmarla per ottenere risultati migliori conciliando l’ambiente costruito delle nostre città per dare spazio anche ad aree pedonali più estese. E qui nel concetto della polis di ieri possiamo aggiungere soluzioni per un domani, soluzioni tecnologiche con mezzi di trasporto più adeguati a determinate aree urbane ed extraurbane le quali hanno necessità e priorità diverse di trasporto. Le periferie consentono mezzi pubblici di trasporto più spaziosi piuttosto che i centri urbani dove le aree storiche presentano spazi limitati; quindi lo spostamento deve avvenire con soluzioni adatte alle strade non conformi al traffico automobilistico regolare.

La società svizzera Trapeze ha realizzato questo shuttle a guida autonoma per servire le proprie città. [Trapeze Group]

Esistono già soluzioni

Esistono già soluzioni a guida autonoma per volumi urbani limitati dove è possibile trasportare un numero limitato di persona, ma ad alta frequenza di scorrimento per mantenere il servizio attivo là dove vi è la necessità di installare un sistema per non soccombere all’uso esclusivo di automobili.

In Svizzera il progetto Trapezio (https://www.trapezegroup.eu/news/Self-driving-bus-integrated-for-the-first-time-ever-in-an-operations-control-system) ha riscontrato un enorme successo mettendo in circolo un mini bus urbano totalmente autonomo della compagnia Trapeze. Questa proposta è stata concepita per quelle città europee dove una regolare flotta di mezzi pubblici sarebbe risultata più ingestibile dal punto di vista delle dimensioni dei mezzi, ed anche per una questione economica che permette di risparmiare sui costi del carburante, personale, e soprattutto una grande riduzione delle emissioni di CO2 nei centri urbani.

Conclusioni

Con il cambiamento delle abitudini della società cambia anche il concetto di acquisto introducendo l’alternativa della Share Economy, ovvero la capacità degli individui di avere accesso a più beni a seconda delle loro necessità senza alcun acquisto, ma con un sistema di pagamento senza contanti che viaggia sulla rete a seconda di specifiche tariffe di noleggio.

Del resto è necessario un cambiamento che possa nascere da quei centri urbani mutando i comportamenti dei cittadini così da sviluppare nuove tendenze tecnologiche, fondamentali per poter stabilire il future della circolazione stradale su ruote e più livelli. Ecco perché è fondamentale riconoscere come il progresso sia avanzato a tal punto da ribaltare il significato dell’automobile come mezzo da innovare. Non più pistoni a creare cavalli ma silenziosi ronzii di elettriche vetture ecologiche conformi con il nostro ambiente. Da qui il nostro cambiamento sociale verso metodi di trasporto che non inquinano più come prima, ma che diventano protagonisti di una rivoluzione a spostamento personalizzata.

Ma a proposito di reticenza, quello che resta del dibattito ecologico è la mancanza di lungimiranza sul problema di come l’ausilio dell’automobile si svilupperà tra le forti pressioni delle lobby degli idrocarburi e tra le instabili alleanze politiche europee sulle questioni ambientali. Da qui si auspica la rotta verso mari sereni non vada a finire sugli scogli burocratici della UE e della disorganizzazione creata dalle mancate promesse di Brussel. Intanto abbiamo ancora bisogno di persone come Elon Musk per dare quelle spallate necessarie ad un sistema industriale ancorato alle dipendenze energetiche di inizio 1900.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso

I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato

Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here