La Groenlandia ha vissuto il 13 giugno una fusione del ghiaccio da record, una perdita di ghiaccio totale stimata in più di 2 miliardi di tonnellate.

Credit: Steffen M.Olsen

La Groenlandia sta sperimentando una fusione estrema del ghiaccio, con gli esperti che prevedono un altro anno record per quanto riguarda la perdita di ghiaccio.

Il Paese ha perso più di 2 miliardi di tonnellate di ghiaccio in un solo giorno la scorsa settimana (13 giugno 2019).

Per cercare di comprendere la quantità di ghiaccio persa, è il peso equivalente a 340 piramidi di Giza, 80.000 statue della libertà o 12 milioni di balene blu.

La stagione di scioglimento dell’Artico

La stagione di scioglimento dell’Artico è un evento naturale che si svolge ogni anno, parte a giugno e termina ad agosto, con picchi massimi di fusione che si verificano a luglio.

Tuttavia, la perdita di ghiaccio che si sta verificando in questo momento è straordinaria. Gli esperti hanno già fatto paragoni con il 2012. Nel 2012 per la prima volta nella storia (documentata) tutta la calotta glaciale della Groenlandia è stata esposta alla fusione.

Ha dichiarato Thomas Mote, ricercatore dell’Università della Georgia che studia il clima della Groenlandia: “L’improvviso picco nello scioglimento è insolito, ma non senza precedenti. È paragonabile ad alcuni picchi che abbiamo visto nel giugno del 2012.”

Però quest’anno, la fusione dei ghiacci è iniziata anche prima del 2012 e tre settimane prima della media. Inoltre, questa “prematura” perdita di ghiaccio potrebbe esacerbare ulteriori perdite nei prossimi mesi a causa dell’effetto albedo.

L’effetto albedo

L’effetto albedo si riferisce alla quantità di energia solare riflessa nello spazio da una superficie. La neve bianca e il ghiaccio riflettono la maggior parte dell’energia del Sole nello spazio, essenzialmente raffreddando la terra e impedendo il successivo scioglimento del ghiaccio. Al contrario, neve ridotta e copertura ghiacciata significano più energia che verrà assorbita, temperature in aumento e una maggiore fusione del ghiaccio (è un circolo vizioso).

Secondo Mote: “Questi eventi di fusione si traducono in un’albedo di superficie modificato, che porterà ad un maggiore assorbimento del calore del sole”.

2019 previsioni per una stagione da record

Mote afferma che “tutti i segni sembrano indicare una drammatica stagione di fusione” e non è l’unico scienziato a pensarlo.

Jason Box, un climatologo del ghiaccio presso il Geological Survey di Danimarca e Groenlandia, aveva previsto a fine maggio che il 2019 sarebbe stato un anno di grande scioglimento per la Groenlandia.

Box ha sottolineato che quest’anno già ad aprile si sono verificati insoliti primi giorni di fusione, confermando anche che la stagione di fusione è “avvenuta circa tre settimane prima della media, e prima dello scioglimento record del 2012.”

Copertura nevosa

Oltre alla prematura e straordinaria fusione, in Groenlandia occidentale la copertura nevosa è già inferiore alla media.

La combinazione di questi fattori fa sì che il 2019 sarà probabilmente un anno di fusione da record, e purtroppo ha anche il potenziale per superare l’anno di fusione da record del 2012.

Cosa sta causando questo improvviso scioglimento?

Secondo Mote, un modello meteorologico persistente ha preparato il terreno per l’attuale picco di fusione.

“Abbiamo avuto una cresta bloccante che è stata ancorata nella Groenlandia orientale per gran parte della primavera, che ha portato ad alcune attività di fusione in aprile – e questo schema è persistito”.

La stazione meteo sulla vetta della Groenlandia il 30 aprile ha registrato -1,2 ° C , la temperatura più calda mai registrata ad aprile. Maggio ha continuato una tendenza più calda del normale.

Quella cresta di alta pressione tira aria calda e umida dall’Atlantico centrale in porzioni della Groenlandia, che porta a temperature più calde sul ghiaccio. L’alta pressione impedisce anche la formazione di precipitazioni e porta a cielo sereno e soleggiato.

Nell’ultima settimana o due, quella cresta di alta pressione è diventata ancora più forte quando un altro fronte di alta pressione è arrivato dagli Stati Uniti orientali – quello che ha causato il prolungato periodo caldo e secco nel sud-est all’inizio di questo mese.

Conclusioni

I periodi di fusione come quello attuale non sono senza precedenti; Mote ha osservato periodi precedenti nel 2012, 2010 e 2007, che rappresentato tutti i maggiori anni di fusione. Ma ha sottolineato che fino a pochi decenni fa, tali eventi erano inauditi.

“Abbiamo assistito all’inizio della sequenza di queste grandi stagioni di fusione, a partire dal 2007. Non avevamo mai visto nulla di simile prima della fine degli anni ’90”.

Se queste stagioni estreme di scioglimento stanno diventando la nuova normalità, potrebbero avere conseguenze significative in tutto il mondo, specialmente per l’innalzamento del livello del mare.

“La Groenlandia ha contribuito in modo crescente all’innalzamento del livello del mare globale negli ultimi due decenni”, ha detto Mote, “e la fusione e il deflusso superficiale sono responsabili di una grande parte di questo innalzamento”.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here