Lithoredo abatanica è un organismo con un appetito insolito: questa creatura mangia la pietra. E quello che espelle è sabbia, avanzi di un processo di digestione ancora misterioso. Potenzialmente importane per lo sviluppo di nuovi antibiotici.

Immagine di credito: Dan Distel.

Nella nuova ricerca “A rock-boring and rock-ingesting freshwater bivalve (shipworm) from the Philippines” pubblica il 19 giugno scorso sul journal Biological Sciences, da un team di ricercatori coordinati dal J. Reuben Shipway, viene descritta una nuova specie di mollusco bivalve identificato nelle Filippine, Lithoredo abatanica. Un organismo con un appetito insolito: questa creatura mangia la pietra, e come avanzo del suo processo di digestione espelle sabbia.

Teredinidae

La nuova specie, Lithoredo abatanica, appartiene alla famiglia dei Terendini, molluschi marini xilofagi (organismi che si nutrono prevalentemente di legno).

Sono conosciuto in letteratura dal IV secolo aC, e a causa della loro alimentazione erano considerati dai marinai una piaga. Rosicchiavano le palificate degli antichi porti che costituivano il sostegno dei moli e delle bocche di porto. Stessa sorte toccava al fasciame delle imbarcazioni traforate in breve tempo dai molluschi.

Questi molluschi mangiano e digeriscono il legno polverizzato con l’aiuto di batteri simbionti che vivono nelle loro branchie.

Al contrario, la specie di recente scoperta, non ha adattamenti associati alla foratura del legno e alla digestione del legno.

Afferma J. Reuben Shipway: ” Lithoredo abatanica non è un “boscaiolo” e manca delle specializzazioni anatomiche e morfologiche tipicamente associate alla trivellazione del legno e alla digestione del legno presenti nelle altre specie di Terendini. Lui ingerisce calcare, che si accumula nelle sue viscere ed è poi espulso dai sifoni come particelle a grana fine. Questa strategia di scavare nella roccia per ingestione è, a nostra conoscenza, unica nel regno animale”.

Perché questa particolare alimentazione

Non è ancora chiaro quale sia il motivo per cui questi molluschi si cibino di pietra. I ricercatori ritengono che i granuli possano aiutarli a sminuzzare meglio il plancton e gli altri microrganismi presenti in acqua.

Ma non escludono che essi siano in grado di estrarre nutrienti dalla pietra in un modo non ancora compreso.

Due grandi tane scavate nella roccia da molluschi. Credito Marvin A. Altamia e Reuben Shipway

Il team sta ora lavorando sul sequenziamento dei genomi dei simbionti (i batteri presenti nelle branchie) di L. abatanica per identificarli e dare un’occhiata a come funziona il loro metabolismo.

“Sembra già molto, molto interessante”, ha detto il dottor Daniel Distel, co-autore. “Quello che possiamo dire è che i batteri che abbiamo trovato nelle loro branchie non sono collegati ai batteri che abbiamo trovato negli altri Teredinidae.”

Conclusioni

È il secondo nuovo genere e specie di Teredinidae recentemente scoperto nelle Filippine da questo team internazionale di ricercatori noto come il Mollusk Symbiont International Collaborative Biodiversity Group, finanziato dal National Institutes of Health. L’altro nuovo bivalve, il Tamilokus mabinia, mangia legno come la maggior parte dei Teredinidae.

Il nuovo bivalve potrebbe fornire anche nuove conoscenze per i paleontologi.

Shipway afferma che la collaborazione internazionale mira a comprendere e preservare la biodiversità, a potenziare le capacità di ricerca dei partner nelle Filippine e, soprattutto, a utilizzare la biodiversità che gli animali riflettono per la scoperta di nuovi farmaci.

Conclude, “Questo è uno dei progetti più nobili in cui sia mai stato coinvolto.”

Journal reference:

J. Reuben Shipway, Marvin A. Altamia, Gary Rosenberg, Gisela P. Concepcion, Margo G. Haygood, Daniel L. Distel. A rock-boring and rock-ingesting freshwater bivalve (shipworm) from the PhilippinesProceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, 2019; 286 (1905): 20190434 DOI: 10.1098/rspb.2019.0434

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here