Ocean Voyages Institute, un’organizzazione senza scopo di lucro, ha annunciato di aver rimosso con successo più di 40 tonnellate di reti da pesca e beni di consumo dall’area nota come Zona di convergenza subtropicale del Pacifico settentrionale, o più comunemente conosciuta come la Pacific Trash Vortex, l’isola di plastica.

Mentre Ocean Cleanup, il progetto di pulizia dell’oceano, ridisegna il suo sistema di pulizia per un secondo tentativo di affrontare il più grande accumulo di plastica oceanica nel mondo, altri progetti stanno ottenendo dei risultati positivi.

La nave mercantile Kwai ha attraccato a Honolulu il mese scorso dopo un viaggio di 25 giorni con 40 tonnellate di reti da pesca e beni di consumo a bordo, raccolti da quello che è diventato noto come il Great Pacific Garbage Patch.

L’ultimo viaggio annuale di pulizia da parte dell’ente no-profit Ocean Voyages Institute (OVI) ha utilizzato le immagini satellitari per colpire in modo specifico gli attrezzi da pesca abbandonati in mare.

Great Pacific Garbage Patch

Più di mezzo milione di tonnellate di reti di plastica – le cosiddette reti fantasma – vengono abbandonate ogni anno negli oceani di tutto il mondo, intrappolando e uccidendo fino a 380.000 mammiferi marini.

Nel Pacifico, tra la California e le Hawaii, quattro correnti oceaniche convergono per creare un vortice che raccoglie enormi quantità di plastica. Si vedono bottiglie di detersivo, casse di birra e bibite, candeggina e bottiglie per la pulizia, mobili di plastica, cinghie di imballaggio, secchi, giocattoli per bambini e una miriade di tipi di plastica che galleggiano nel mezzo dell’oceano.

Si ritiene che questo vortice, conosciuto come Il vortice subtropicale del Nord Pacifico, contenga 1,8 trilioni di oggetti di plastica del peso di oltre 80.000 tonnellate. Coprendo una distesa di oceano tre volte più grande della Francia.

Il più grande e il più riuscito finora

OVI ha già affrontato nove precedenti viaggi di pulizia nell’area, ma afferma che il suo ultimo viaggio è stato il più grande e il più riuscito finora.

Afferma Mary Crowley, fondatrice di OVI e marinaia da tutta la vita: “È molto inquietante poter navigare attraverso quella che solo una decina di anni fa era una natura incontaminata dell’oceano e trovarla piena della nostra spazzatura fin troppo familiare”.

Le reti fantasma

Un obiettivo primario per il viaggio 2019 dell’OV Institute era l’attrezzatura da pesca chiamata “reti fantasma”. Spesso pesano tonnellate, queste massicce reti di nylon o polipropilene vanno alla deriva per decenni, accumulando detriti di plastica e animali selvatici. Si stima che 600.000 tonnellate di questo equipaggiamento abbandonato finiscano negli oceani ogni anno. Secondo le Nazioni Unite, circa 380.000 mammiferi marini vengono uccisi ogni anno ingerendo o catturati.

Ha affermato Mary Crowley: “La tecnologia satellitare ha svolto un ruolo chiave nel nostro sforzo di recupero, offrendo una soluzione innovativa per la ricerca di aree di denso inquinamento plastico. Le reti e altri detriti sono segni di un proliferante inquinamento plastico che pone minacce alla vita marina, agli ambienti costieri, alla navigazione, alla pesca, alla fauna selvatica e alla nostra salute”.

Segnalatori GPS e Droni

Durante lo scorso anno, l’OV Institute ha reclutato yacht e navi con lo scopo di fargli rilasciare degli inseguitori GPS nelle reti fantasma incontrate. Questi inseguitori dalle dimensioni di una palla da bowling, una volta attivati, segnalano le posizioni delle reti in tempo reale. Questi dati consentono a OV Institute di trovare e recuperare i tracker e le reti fantasma. Poiché l’oceano tende a smistare i detriti, le reti etichettate ci hanno mostrato aree di distribuzione di detriti pesanti, in modo da poter raccogliere molte altre reti e altri oggetti.

OV Institute ha utilizzato a bordo esperti operatori di droni, volando su modelli di rilevamento e fuori dalla nave da ricerca per trovare ulteriori detriti.

L’efficacia della missione di quest’anno rafforza l’obiettivo di Crowley che sta pianificando una pulizia ancora più grande per il 2020, che utilizzerà 150 inseguitori riutilizzabili. Ognuno costa circa $ 1,600 ma si sta rivelando utile anche per capire come si accumula la spazzatura.

Conclusioni

Solo quarant’anni fa l’inquinamento plastico nell’oceano era sconosciuto. Oggi la plastica è stata documentata nelle parti più profonde dell’oceano, vicino alla Fossa delle Marianne e negli ecosistemi oceanici più remoti, come l’Antartide.

Crowley ha lanciato la sua prima spedizione di ricerca di 30 giorni nella Zona di Convergenza Subtropicale del Nord Pacifico nel 2009. Ulteriori spedizioni si sono verificate negli anni seguenti, comprese le missioni di risanamento su piccola scala.

Dichiara Crowley. “È necessaria un’azione urgente a tutti i livelli: ridurre la produzione di materie plastiche usa e getta, evitare che la spazzatura di plastica entri negli oceani e arruolare il pubblico, le società e l’industria marittima nel campo dell’istruzione, della prevenzione, dell’innovazione e di massicci sforzi di pulizia. La domanda è: siamo pronti a farne una priorità per proteggere il 72% del pianeta? ”

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here