Una nuova specie di dinosauro piumato, chiamata Hesperornithoides miessleri è stata scoperta da un team internazionale di paleontologi degli Stati Uniti e del Regno Unito.

Hesperornithoides miessleri . Credito d’immagine: Gabriel Ugueto.

Per molto tempo, i velociraptor sono stati visti come predatori squamosi (grazie, Jurassic Park), ma recenti ricerche hanno suggerito che molti (se non tutti) raptor (Dromaeosauridaeerano effettivamente piumati.

La nuova specie appena scoperta è destinata a scuotere alcuni spiriti nel mondo della paleontologia poiché sembra contraddire un’ipotesi di lunga data su come il volo si è evoluto.

La scoperta

Il fossile fu scoperto per la prima volta nel 2001, da una squadra di paleontologi che stava scavando un enorme sauropode lungo 34 metri. Sfortunatamente, prima che i ricercatori si rendessero conto che c’era un altro fossile lì, una pala scavò attraverso il suo muso, distruggendo parti di esso. Gran parte del fossile, tuttavia, è rimasto intatto.

Hesperornithoides miessleri, nome assegnato a questa nuova specie di dinosauro, nota da questo unico esemplare al quale gli è stato affibbiato il nome di Lori (Prende il nome da un volontario allo scavo quando il campione è stato scoperto).

Dopo lo scavo iniziale Lori è rimasto senza studio per molti anni. Ma quando Bill Wahl, responsabile del laboratorio di preparazione presso il centro dei dinosauri, mostrò il campione a Dean Lomax, un paleontologo dell’Università di Manchester, tutto cambiò.

Il cranio e lo scheletro di Hesperornithoides miessleri . Barra della scala – 1 cm. Credito d’immagine: Levi Shinkle.

Un troodontide parente dei velociraptor

Lomax era entusiasta di vedere il piccolo fossile e aveva la sensazione che ci fosse qualcosa di insolito.

Tuttavia, ha lottato per studiare correttamente il fossile.

Fu solo nel 2016, quando fu condotta un’intensa campagna di crowdfunding, che fu in grado di portare il piccolo fossi all’Università del Wisconsin-Madison per una settimana di intenso studio. Fu allora che il team confermò che il dinosauro è un Troodontidae, un parente dei velociraptor (che visse 75 milioni di anni fa). Erano creature delle dimensioni di un pollo, piumate, veloci e feroci.

Ha dichiarato il membro del team Dean Lomax: “Ricordo la prima volta che ho posato gli occhi su questo piccolo dinosauro. Già allora sapevo che si trattava di una scoperta significativa. Ma è stato chiaro solo dal 2015 quando il nostro team Dino si è formato e abbiamo iniziato a studiare Lori in modo molto più dettagliato.”

Una ricostruzione scheletrica mostra come sarebbe stato Hesperornithoides miessleri mentre si muoveva nell’attuale Wyoming. Gli scienziati che hanno descritto il fossile pensano che sarebbe stato coperto di piume, comprese lunghe piume sugli arti anteriori, formando efficacemente piccole ali.

Hesperornithoides miessleri

Hesperornithoides è un piccolo teropode (meno di 1 m di lunghezza) che visse circa 150 milioni di anni fa negli Stati Uniti occidentali. Ha un braccio trasversale ben sviluppato, alcuni denti a lama sorprendentemente grandi e un artiglio a falce sui suoi piedi posteriori come Velociraptor e Troodon.

I paleontologi sono sempre cauti nel ritenere che gli animali vivessero dove sono stati sepolti, ma in questo caso hanno trovato prove abbastanza solide. Il campione è stato trovato in una zona umida semi-arida (sembra una contraddizione, lo so), senza prove di acqua corrente. Inoltre, il campione è stato trovato raggomitolato, non diversamente dalla posizione di riposo trovata in altri troodontidi. Questo suggerisce che Hesperornithoides visse dove fu sepolto (almeno per una parte della sua vita!).

La struttura e le sostanze chimiche delle rocce in cui Lori è stato trovato suggeriscono che l’area era semi-arida, ma con una falda abbastanza alta. Quindi macchie di acqua bassa e stagnante dominata da equiseti, felci, cicadee e conifere erbacee (cioè non molti alberi). Non è noto, ma è anche ragionevole che Lori abbia cacciato piccole prede.

La sua vita si sviluppava completamente sul terreno e tuttavia, presenta molte caratteristiche che lo fa associare agli uccelli. Sebbene quasi certamente non potesse volare, potrebbe rappresentare uno dei primi precursori degli uccelli moderni.

©2017-2019 ShinRedDear

Hesperornithoides era piumato?

Senza dubbio. Sebbene non siano state conservate impressioni sulla pelle, le relazioni familiari dell’esemplare lo mostrano profondamente radicato nel gruppo di teropodi simili a uccelli (pennaraptorans) che non avevano solo piume, ma ali. Ha anche un polso ben conservato, incluso l’osso da polso semi-lunare allargato che i teropodi alati usano per piegare le braccia piumate.

Un proto-uccello

Hesperornithoides miessleri è un proto-uccello altamente terrestre, il che suggerisce che molte caratteristiche associate all’essere simili a uccelli si sono evolute nei dinosauri che hanno vissuto la loro vita sul terreno.

Ha affermato l’autore dello studio Scott Hartman, dottorando presso l’Università del Wisconsin-Madison: “Abbiamo scoperto che Lori è un membro primitivo di un gruppo di dinosauri che include Troodon, ma forse ancora più importante abbiamo scoperto che i dettagli più piccoli dell’albero genealogico dei dinosauri simili a uccelli non sono così risolti come sostengono alcuni ricercatori. Ad esempio, ci vogliono solo alcune modifiche nel set di dati per Hesperornithoides miessleri per essere accostato come un parente più vicino al Velociraptor che al Troodon. Una solida scoperta che abbiamo trovato è che, anche quando le interrelazioni sono cambiate, i membri primitivi di tutti questi gruppi erano dinosauri non volanti che abitavano a terra. Ciò significa che alcuni piccoli parenti di Velociraptor come Microraptor che sembra potessero planare, si sono evoluti separatamente dalla famiglia di uccelli moderna.”

La storia del volo

La storia del volo diventa un po’ confusa durante il periodo giurassico. È diventato sempre più chiaro che il volo non è emerso ordinatamente in una specie per poi essere trasmesso. Invece, diversi gruppi di creature hanno sviluppato funzionalità simili al volo. Alcuni planavano sugli alberi o utilizzavano caratteristiche simili a quelle delle ali per correre a velocità elevate. Altri, come Hesperornithoides, vivevano per terra. Naturalmente, emerge una semplice domanda: se Hesperornithoides non poteva volare e non planava… perché aveva piume e ali?

Non è esattamente chiaro, ma sono state suggerite diverse teorie. Le ali piumate, in particolare quelle di grandi dimensioni, possono aiutare a mantenere le condizioni termiche ideali per le uova, il che è importante per garantire il successo riproduttivo. Possono anche essere un mezzo per convincere un potenziale compagno o per spaventare i predatori. Le ali possono anche aiutare con lo sterzo durante la corsa veloce. È del tutto possibile che una o più di queste teorie giustifichino la formazione di piume anche senza volo.

Conclusioni

La scoperta è anche un promemoria che a volte la stessa vecchia formazione geologica può produrre nuovi risultati. La Morrison Formation, dove è stato trovato il fossile, copre una vasta fascia degli Stati Uniti occidentali incentrata sul Wyoming e sul Colorado – ed è stata studiata per oltre 100 anni. Tuttavia, i paleontologi erano principalmente alla ricerca di grandi sauropodi e solo di recente hanno iniziato a concentrarsi su piccoli dinosauri.

Journal reference:

Hartman S, Mortimer M, Wahl WR, Lomax DR, Lippincott J, Lovelace DM. 2019A new paravian dinosaur from the Late Jurassic of North America supports a late acquisition of avian flightPeerJ 7:e7247 https://doi.org/10.7717/peerj.7247

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Libri suggeriti:

Vi suggeriamo l’acquisto di questo libro le cui illustrazioni sono state realizzate anche dal nostro membro della staff Sante Mazzei:

YouTube: Presentazione canale The Marsican Bear

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here