In questo articolo vi spieghiamo cosa accadrà quando il nostro Sole morirà, tra miliardi di anni.

Il Sole dà energia alla vita sulla Terra e senza questa stella non saremmo qui. Ma come la maggior parte delle cose nello spazio, anche le stelle hanno vite limitate e un giorno il nostro sole morirà.

Tuttavia, non dovete preoccuparvi troppo presto di questa morte. All’interno del Sole, un motore a fusione alimenta la stella, ed è presente ancora molto carburante, una quantità che permetterà di alimentare il Sole per altri circa 5 miliardi di anni.

Formazione in breve del sole

Le stelle come il nostro Sole si formano quando un’enorme nuvola di gas (principalmente idrogeno ed elio) cresce così tanto che collassa sotto il suo stesso peso. La pressione è così alta al centro di quella massa di gas che collassa e il calore raggiunge livelli inimmaginabili, con temperature così calde che gli atomi di idrogeno perdono i loro elettroni. Quegli atomi di idrogeno si fondono nei nuclei di elio e quella reazione rilascia energia sufficiente per contrastare l’intensa pressione di gravità che fa collassare la nuvola di gas. La battaglia tra la gravità e l’energia delle reazioni di fusione alimenta il nostro Sole e miliardi di altre stelle nella nostra galassia e oltre.

Cosa succederà quando il sole morirà?

Ma tra circa 5 miliardi di anni, il Sole esaurirà l’idrogeno. La nostra stella è attualmente nella fase più stabile del suo ciclo di vita, iniziato dalla nascita del nostro sistema solare, circa 4,5 miliardi di anni fa. Una volta esaurito tutto l’idrogeno nel nucleo, il Sole crescerà. Le forze gravitazionali prenderanno il sopravvento, comprimendo il nucleo e permettendo l’espansione del resto del Sole. La nostra stella crescerà più di quanto possiamo immaginare, così grande che avvolgerà i pianeti interni, compresa la Terra. Questo è il momento in cui il nostro Sole diventerà una gigante rossa.

Per circa un miliardo di anni, il Sole brucerà come una gigante rossa. in questa fase il nostro Sole presenterà un nucleo degenere (caratterizzato da una densità estremamente elevata) di elio e nella quale la fusione dell’idrogeno avverrà in un guscio che circonda il nucleo.

Quindi, quando l’idrogeno in quel guscio esterno si esaurirà, lascerà un’abbondanza di elio. Tale elemento si fonderà quindi in elementi più pesanti, come ossigeno e carbonio, in reazioni che non emettono tanta energia. Una volta che tutto l’elio scomparirà, le forze di gravità prenderanno il sopravvento e il Sole si ridurrà in una nana bianca. Tutto il materiale esterno si dissiperà, lasciando dietro di sé una nebulosa planetaria.

Conclusioni

Ha dichiarato l’astronomo Albert Zijlstra, dell’Università di Manchester nel Regno Unito: “Quando una stella muore, espelle una massa di gas e polvere – nota come il suo involucro – nello spazio. L’involucro può essere fino a metà della massa della stella. Questo rivela il nucleo della stella, che a questo punto della vita della stella è a corto di carburante, prima di spegnersi e prima di morire.”

Gli astronomi stimano che al Sole rimangano dai 7 ai 8 miliardi di anni prima che espella gli strati esterni diventando una nebulosa planetaria (nana bianca al centro e strati espulsi attorno). L’umanità potrebbe essere ormai lontana, o forse avremo già colonizzato un altro pianeta.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here