Mustela nigripes esempio dell’importanza dei progetti di conservazione delle specie animali.

Fig.1 Esemplare di Mustela nigripes adulto, si possono notare le zampe nere e la tipica mascherina nera sul viso dalla quale prende il nome di “bandito della prateria” Furetti dai piedi neri (Mustela nigripes). Foto © Kimberly Fraser / USFWS

Come è facile intuire, nel XX secolo non vi era una certa sensibilità socioculturale nei confronti delle specie animali e ancor meno verso quelle vegetali. L’unico pensiero era rivolto allo sfruttamento delle risorse che il pianeta offriva, in particolar modo il suolo ed i suoi giacimenti petroliferi formatosi durante milioni di anni, grazie alla trasformazione di materia biologica insieme a sedimenti minerali.

L’interesse economico del suolo come mezzo di arricchimento e sostentamento della popolazione portò ad un sovra sfruttamento del suolo per mano di agricoltori e cacciatori, mettendo in serio pericolo l’esistenza di moltissime specie animali e vegetali.

Oggi parleremo di un animale, e tutto l’ecosistema collegato ad esso, che precipitò verso il tunnel dell’estinzione negli anni ’70 del secolo scorso e che ora, grazie ad un progetto di conservazione di altissimo livello, sta riuscendo ad appropriarsi del suo territorio sottratto anni fa da noi. Il suo nome scientifico è Mustela nigripes, in arte il furetto dai piedi neri.

Mustela nigripes

Si tratta di un piccolo carnivoro endemico del nord America, dal Canada al Messico, il quale vive in fosse nel terreno scavate da lui stesso e con abitudini predatorie notturne. La sua dieta si basa al 90% di cani della prateria, Cynomys sp.

Fig.2 Esemplare di cane della prateria, in questo caso si tratta di Cynomys ludovicianus

Cani della prateria

Durante gli anni ’60 e ’70 il governo statunitense approvò l’uccisione, tramite avvelenamento nelle tane, di questi piccoli mammiferi poiché accusati di essere portatori della peste selvatica trasmessa dal batterio Yersinia pestis. Oltre a questa pesante accusa, il povero cane della prateria si è dovuto far carico di altre forti accuse come il danneggiamento dei capi da bestiame a causa delle buche nel terreno e che rovinasse i raccolti dei contadini. Queste accuse, come potrete ben capire, basterebbero a far fuori qualsiasi animale al mondo. Fortunatamente la ricerca scientifica ha permesso, attraverso numerosi studi, di affermare l’esatto contrario di quello sostenuto dagli agricoltori e allevatori di bestiame.

Fig.3 Strage di cani della prateria autorizzata dal governo statunitense durante gli anni ’60, si poteva arrivare fino a 1600 individui uccisi al giorno.

Il cane della prateria svolge un ruolo chiave all’interno dell’ecosistema delle praterie, garantendo la buona aerazione del suolo e fertilizzazione tramite i prodotti fecali. Inoltre, è stato dimostrato che bisonti e animali da pascolo preferiscono mangiare l’erba in prossimità delle tane dei cani delle praterie poiché l’erba rimane sempre allo stadio giovanile, più nutriente, grazie alla continua azione di foraggiamento dei cani della prateria.

Progetto di conservazione del furetto dalle zampe nere

Tutta questa spiegazione sulla preda del furetto serve a far capire il ruolo chiave che può avere una preda per il suo predatore, infatti la popolazione di furetto dalle zampe nere in quegli anni subì un drastico declino demografico fino alla quasi estinzione. Nel 1981 un cane portò al suo padrone un furetto catturato nel suo ranch, il padrone rimase sbalordito poiché la specie si diede per estinta solo due anni prima, nel 1979. Da quel momento partì il progetto di conservazione del furetto dalle zampe nere attraverso il ripopolamento degli individui in cattività. Erano rimasti solo 18 esemplari in natura e da questi fondatori ora la popolazione conta circa 8000 individui in cattività e 700 in natura. Un risultato davvero impressionante, visto i pochi esemplari di partenza.

All’inizio ci furono molte difficoltà, negli anni ’80 i furetti morivano a causa del raffreddore e influenza trasmessa dall’uomo poiché venivano trattati senza le necessarie precauzioni sanitarie, ovvero senza mascherina e guanti in lattice per evitare la contaminazione. Altro aspetto importante fu quello genetico, una popolazione che può contare su solo 18 esemplari ha una variabilità genetica molto bassa e quindi nel caso in cui insorgesse una malattia risulterebbero molto vulnerabili.

Con il passare degli anni, la ricerca scientifica permise di individuare gli errori commessi e le difficoltà che ne derivavano, portando ai risultati citati in precedenza.

Il processo di reintroduzione

Il furetto dalle zampe nere ha una aspettativa di vita intorno ai 3 anni che può raggiungere i 7-8 anni in cattività. Il processo di reintroduzione degli individui consta di numerosi passaggi: svezzamento dei cuccioli, vaccinazione e cure veterinarie, processo di pre-condizionamento e infine il rilascio in natura.

La fase cruciale per verificare se un individuo possa essere rilasciato è quella del pre-condizionamento, dove i furetti di circa 4 mesi d’età passano un mese circa in un ambiente semi-naturale. Si tratta di recinti forniti di buche e tubi i quali simulano l’ambiente naturale dell’animale ed in questa fase si testa il comportamento predatorio degli individui introducendo cani della prateria nel recinto. Una volta completata questa fase gli individui sono pronti ad affrontare la realtà ed il tasso di sopravvivenza è molto basso, anche a causa dei suoi predatori naturali come coyote, gufo della Virginia, tasso per citarne alcuni.

Fig.4 Recinti di pre-condizionamento dei furetti dalle zampe nere dove rimangono per circa un mese.

Il progetto di conservazione funziona molto bene negli USA con ben diversi centri in Colorado, Wyoming, Utah e South Dakota. Per quanto riguarda la situazione in Canada purtroppo il progetto fallì un paio di anni fa dopo aver ottenuto ottimi risultati, che portarono ai biologi coinvolti nel progetto a credere in un successo riproduttivo della specie in natura. Purtroppo, l’inverno, la peste e le predazioni furono le cause che estinsero localmente la popolazione di furetti.

Fig. 5 Range di distribuzione del furetto dalle zampe nere in Canada, USA e Messico in colore verde militare, mentre i pallini gialli rappresentano i siti di reintroduzione della specie. Come si può notare dall’immagine, gli USA ricoprono il ruolo dominante per la conservazione del furetto dalle zampe nere.

Conclusione

Questo progetto è un modo per sdebitarsi nei confronti del furetto e tutte le specie ad esso connesse, facendo in modo che l’uomo riacquisti un po’ di umanità perduta.

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo bollettino meteo. Iscrivetevi anche al canale Telegram per ricevere le nostre principali notizie direttamente sul tuo telefono. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

La mia attrezzatura

Acquistando dai link qui sotto supporterai indirettamente The Marsican Bear

Il mio portatile
Apple MacBook Air (13″, Processore Intel Core i5 dual-core a 1,6GHz, 256GB) – Grigio siderale.

Le mie fotocamere

Canon EOS 760D

Polaroid Snap, Fotocamera Digitale a scatto istantaneo con Tecnologia di Stampa a Zero Inchiostro ZINK, Rosso
I miei obiettivi

Canon Obiettivo EF-S 17-55 mm f/2.8 IS USM

Sigma 258101, Obiettivo 105 mm f/2.8 Macro (Ex DG OS HSM) para Canon, Nero

Canon Teleobiettivo Compatto, 55-250 mm F/4-5.6 IS STM, Nero

Canon Obiettivo Zoom Universale, EF-S 18-55 mm 1:3.5-5.6 IS, 58 mm, Stabilizzato
Il mio zaino

Canon 300EG Zaino Monospalla

Il mio treppiede

Manfrotto MKCOMPACTADVBH Fotocamere digitali/film Nero treppiede

Flash

YONGNUO YN685 E-TTL HSS 1 / 8000s GN60 2.4G Speedlite Speedlight per Canon DSLR Compatibile con il Sistema Wireless YONGNUO 622C / 603

YongNuo yn622 C-kit wireless E-TTL flash Trigger kit con schermo LED per Canon tra cui 1 x yn622 C-tx controller and 1 x YN622 C Transceiver

Accessori

CP-Tech Bilore – Sistema di trasporto a cintura per fotocamere

B-Grip BGL Tracolla a Scorrimento, Nero

Canon BG-E18 Impugnatura Nero/Antracite

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here