Quando pensiamo ad Halloween ci vengono in mente zucche, streghe, vampiri, zombie ecc. Ma conosciamo davvero le origini della festa più terrificante dell’anno? 

Sappiamo che Halloween cade il 31 ottobre e che viene celebrato sopratutto negli Stati Uniti e in Inghilterra. I bambini si mascherano da creature mostruose e vanno in giro di casa in casa per il famoso rituale “dolcetto o scherzetto”. 

Ma forse non tutti sanno che Halloween affonda le sue radici nella verde Irlanda. E allora come mai la festa giunse negli Stati Uniti? Alla base di tutto vi sono le migrazioni degli irlandesi, che spinti dalla terribile carestia che colpì l’Irlanda nel corso dell’800, migrarono verso il nuovo mondo portando con sé molte delle loro tradizioni, tra cui il Capodanno Celtico, ovvero Halloween. 

La storia di Halloween

La storia di Halloween parte dall’antico popolo dei Celti che erano soliti dividere l’anno in “Beltane” e in “Samhain” rispettivamente estate e inverno. In particolare quest’ultimo prendeva corpo la notte tra il 31 e il 1 novembre, il periodo corrispondente al Capodanno Celtico.

Il passaggio dalla stagione estiva a quella invernale e dal vecchio al nuovo anno, veniva celebrato con lunghi festeggiamenti: lo Samhain, pronunciato show-in, che deriverebbe dal gaelico “samhuinn” che significa “summer’s end” ovvero fine dell’estate.

La ricorrenza è fondata da antichi culti agrari e riti magici propiziatori per la fecondità dei campi, degli animali e degli uomini. La festa era caratterizzata dal colore arancio che ricordava la mietitura, e dal nero simboleggiante il buio dell’inverno.

Secondo la mitologia celtica Halloween era considerato magico perché i vivi potevano comunicare con i morti e questi ultimi ritornavano sulla terra liberi di vagare indisturbati. Inoltre i Celti credevano che esseri magici fossero visibili a gli occhi dei vivi durante il periodo di Halloween. Temevano quindi che tali creature fossero avversi agli uomini, proprio perché quest’ultimi gli avevano sottratto le proprie terre.

Durante le notti di Halloween si narra che gli spiriti attirassero gli umani per farli perdere, condotti verso altri mondi dove sarebbero rimasti intrappolati per sempre. 

Una festa che univa la paura degli spiriti all’allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno

Samhain era, dunque, una festa che univa la paura degli spiriti all’allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno.

Durante la notte del 31 ottobre si tenevano dei raduni nei boschi per la cerimonia dell’accensione del Fuoco Sacro e si effettuavano sacrifici di animali. Successivamente i Celti tornavano al villaggio, facendosi luce con lanterne fatte di cipolle intagliate al cui interno vi erano le braci del Fuoco Sacro. Dopo questi riti i popolo celta festeggiava per tre giorni, mascherandosi con le pelli degli animali sacrificati per spaventare i temuti spiriti.

In Irlanda si diffuse l’usanza di accendere torce e fiaccole fuori dalle case e di lasciare cibo e latte per le anime dei defunti che avrebbero fatto visita ai propri familiari, affinché potessero rifocillarsi e decidessero di non fare scherzi ai vivi. 

Conclusione

Dopo le conquiste romane, Celti e Cristiani vennero in contatto e l’evangelizzazione dell’Irlanda portò con sé un nuovo concetto della vita, piuttosto differente da quello celtico e che la Chiesa cercò di sradicare, non sempre riuscendoci.

Difatti Halloween non fu completamente cancellata, ma in qualche modo fu cristianizzata con l’istituzione del giorno di Ognissanti del 1 novembre e la commemorazione dei morti il 2 novembre. Come già detto, nel XIX secolo la festa fu esportata negli Stati Uniti e nel corso degli anni Halloween ha perso il suo significato religioso tramutandosi nella ricorrenza del consumismo: si stima che gli americani spendano ogni anno ben 2 milioni di dollari per il 31 ottobre. 

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo articolo. Iscrivetevi anche al canale Telegram per ricevere le nostre principali notizie direttamente sul tuo telefono. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here