Quando si pensa all’orso, vengono spesso in mente sconfinati territori selvaggi e lande lontane e remote. Eppure, questo simbolo vivente di natura selvatica, indomabile e poderosa lo abbiamo anche in casa nostra.

Foto di Giovanni Ares Lo re

♦ Di Davide Rufino

Sembra incredibile da credere, ma l’Italia ha la sua sottospecie endemica di orso bruno: si tratta dell’orso marsicano (Ursus arctos marsicanus), il vero “orso italiano”. Una sottospecie ben distinta dall’orso bruno europeo (U.a.arctos), che si è evoluta per conto proprio, isolata dalle popolazioni continentali di orso bruno, che presenta alcune caratteristiche uniche e che popola esclusivamente la nostra penisola.

Suggeriamo la lettura di: L’Orso bruno marsicano

Tuttavia, se una volta l’orso marsicano popolava con diverse centinaia di esemplari gran parte degli Appennini, da nord a sud, adesso è confinato solo ad alcune zone dell’Italia centrale: Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise, Parco Nazionale della Majella e alcune aree limitrofe.

Difficile stabilire quanti orsi siano rimasti, ma le stime più recenti parlano di appena una cinquantina di esemplari. Di cui pochissime femmine fertili, presumibilmente poche unità.

La IUCN valuta l’orso marsicano come “a rischio critico”.

Suggeriamo la lettura di: Proteggere le femmine in età riproduttiva dell’orso marsicano è fondamentale per la sua conservazione

La causa è ovviamente l’uomo: la mortalità di questi orsi è dovuta soprattutto a cause antropiche, in primis impatti coi veicoli e “incidenti” dovuti a disattenzioni, come gli orsi recentemente annegati in cisterne non a norma.

Foto di Giovanni Ares Lo re

Raddoppiare la popolazione dell’orso marsicano entro il 2050 è possibile

Anche se da anni gli zoologi e gli ambientalisti predicano nel deserto, il WWF rilancia affermando che raddoppiare la popolazione dell’orso marsicano entro il 2050 è possibile.

Fermo restando che di questo passo bisogna capire se e come arriveremo all’anno 2050, chi mastica un po’ di genetica di popolazioni sa bene che, con poche unità di sesso femminile in età fertile ancora esistenti, la situazione non è proprio rosea. Quando rimangono così pochi esemplari, inoltre, si va incontro al cosiddetto effetto “a collo di bottiglia”, un impoverimento genetico conseguente agli inevitabili incroci fra consanguinei che aumenta il rischio di malattie recessive e la probabilità che nascano esemplari deboli e con poche speranze di sopravvivenza.

Conclusioni

Per l’orso marsicano potrebbe essere già arrivato il punto di non ritorno, con questa sottospecie di orso bruno già virtualmente estinta.

L’orso italiano, vanto della biodiversità nostrana e fiore all’occhiello dei nostri endemismi, ridotto a uno zombie.

Ma non preoccupatevi: quando i nostri orsi non esisteranno più, tutti piangeremo lacrime di coccodrillo.

Perché una foresta con l’orso non è come una foresta senza l’orso. E come sempre, ce ne accorgeremo quando sarà troppo tardi.

Anzi, è già tardi da un pezzo.

Vi invitiamo a visitare la pagina facebook di Davide Rufino – Naturalista/Zoologo

Iscrivetevi alla pagina facebook @themarsicanbear cosi che vi arrivi la notifica quando uscirà il prossimo bollettino meteo. Iscrivetevi anche al canale Telegram per ricevere le nostre principali notizie direttamente sul tuo telefono. Se volete, seguite anche il profilo instagram @themarsicanbear.

Articoli correlati: 

L’Orso bruno marsicano

Proteggere le femmine in età riproduttiva dell’orso marsicano è fondamentale per la sua conservazione

L’Orso bruno marsicano in serissimo pericolo di estinzione

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here