Le persone spesso confondono i concetti di riscaldamento globale e cambiamenti climatici. Ciò è in qualche modo comprensibile poiché i due concetti si sovrappongono molto.  Tuttavia, ci sono differenze sostanziali tra il riscaldamento globale e il cambiamento climatico.

 

Con il concetto di “riscaldamento globale” ci si riferisce all’aumento medio della temperatura superficiale della Terra a lungo termine, mentre con il concetto di “cambiamenti climatici” si include il riscaldamento globale e gli “effetti collaterali” del riscaldamento, come i ghiacciai in fusione, i temporali più intensi o la siccità più frequente. Detto in altro modo, il riscaldamento globale è un sintomo del problema molto più grande del cambiamento climatico causato dall’uomo.

Un’altra distinzione da tenere a mente tra riscaldamento globale e cambiamento climatico è che quando in questi giorni sentiamo parlare da parte di scienziati o leader politici del riscaldamento globale, essi si riferiscono quasi sempre al riscaldamento globale causato dall’attività antropica. Cioè il riscaldamento medio globale causato dal rapido aumento della concentrazione atmosferica dell’anidride carbonica e di altri gas serra, dovuto alle emissioni della combustione di carbone, petrolio e gas.

Il cambiamento climatico, d’altra parte, può avere due significati; cambiamenti causati dall’uomo o naturali.

Versione video:

Oltre a bruciare combustibili fossili, gli esseri umani possono causare cambiamenti climatici emettendo inquinamento da aerosol (le minuscole particelle che riflettono la luce solare e raffreddano il clima) nell’atmosfera, o trasformando il paesaggio terrestre, ad esempio, deforestando o inquinando falde acquifere, laghi e mari.

Aumenta e diminuisce la temperatura globale durante le ere glaciali naturali degli ultimi 800.000 anni, terminando con l’inizio del ventesimo secolo. Grafico NOAA Climate.gov di Fiona Martin, basato sui dati del nucleo di ghiaccio EPICA Dome C forniti dal Programma Paleoclimatologia presso i Centri nazionali di informazione ambientale del NOAA.

Stiamo assistendo ad un cambiamento climatico diverso da qualsiasi altro

Il pianeta ha già sperimentato cambiamenti climatici in precedenza: la temperatura media della Terra ha oscillato nel corso dei 4,54 miliardi di anni della storia del pianeta. Il pianeta ha vissuto lunghi periodi freddi (“ere glaciali“) e periodi caldi (“interglaciali“) su cicli di 100.000 anni (almeno negli ultimi milioni di anni).

I precedenti episodi di riscaldamento naturale sono stati innescati da eventi naturali “estremi”: come piccoli aumenti della quantità di luce solare, inclinazione dell’asse terrestre, piccole variazioni nell’orbita terrestre intorno al Sole, impatti meteoritici e forte attività vulcanica.

Ma il riscaldamento globale di oggi è in gran parte dovuto all’aumento dei gas climalteranti che “intrappolano il calore” e che noi umani con le nostre attività stiamo aggiungendo all’atmosfera bruciando combustibili fossili.

In effetti, negli ultimi cinque decenni, i fattori naturali (forzatura solare e vulcani) avrebbero effettivamente portato a un leggero raffreddamento della temperatura superficiale della Terra.

Terra, oceano e aumento della temperatura globale dalla fine del 1800 utilizzando i dati della NASA GISTEMP v4. I valori sono tracciati rispetto a una linea di base 1880-1900. La barra rossa mostra l’intervallo molto probabile delle temperature globali del 2019 in base ai valori da inizio anno. Grafico di Carbon Brief.

Ritmo con il quale sta avvenendo

Ma la differenza dell’attuale riscaldamento con quelli avvenuti nel passato sta anche nel ritmo con il quale sta avvenendo. L’attuale aumento della temperatura media globale sembra verificarsi molto più rapidamente che in qualsiasi altro momento da quando la civiltà e l’agricoltura moderna si sono sviluppate negli ultimi 11.000 anni circa (e probabilmente più velocemente di qualsiasi periodo caldo interglaciale negli ultimi milioni di anni).

Temperature per la maggior parte degli ultimi 2000 anni rispetto alla media del 1961-1990, basate su dati proxy (anelli degli alberi, carote di ghiaccio, coralli) e dati moderni basati su termometri. Negli ultimi due millenni, il clima si è riscaldato e raffreddato, ma nessun episodio di riscaldamento precedente sembra essere stato così grande e improvviso come il recente riscaldamento globale. Grafico NOAA Climate.gov di Fiona Martin, adattato dalla Figura 34.5 del National Climate Assessment, basato sui dati di Mann et al., 2008.

La nuova comprensione richiedeva nuovi termini

Indipendentemente dal fatto che tu dica che i cambiamenti climatici sono tutti gli effetti collaterali del riscaldamento globale o che il riscaldamento globale è un sintomo del cambiamento climatico causato dall’uomo, stai essenzialmente parlando dello stesso fenomeno di base: l’accumulo di energia termica in eccesso nel sistema terrestre. Quindi perché abbiamo due modi per descrivere ciò che è sostanzialmente la stessa cosa?

Secondo lo storico Spencer Weart, l’uso di più di un termine per descrivere diversi aspetti dello stesso fenomeno traccia i progressi della comprensione del problema da parte degli scienziati.

Cambiamento climatico preventivato da più di un secolo

Già alla fine del 1800, gli scienziati stavano ipotizzando che l’industrializzazione, guidata dalla combustione di combustibili fossili per l’energia, avesse il potenziale per modificare il clima. Per molti decenni, tuttavia, non sono stati sicuri se il raffreddamento (a causa della riflessione della luce solare dall’inquinamento) o il riscaldamento (a causa dei gas serra) avrebbe dominato.

Entro la metà degli anni ’70, tuttavia, sempre più prove suggerivano che il riscaldamento avrebbe dominato e che sarebbe stato diverso da qualsiasi precedente episodio di riscaldamento naturalmente innescato. La frase “riscaldamento globale” è emersa per descrivere quel consenso scientifico.

Ma nei decenni successivi, gli scienziati sono diventati più consapevoli sul fatto che il riscaldamento medio globale non era l’unico impatto dovuto al calore in eccesso assorbito dai gas serra. Altri cambiamenti (innalzamento del livello del mare, intensificazione del ciclo dell’acqua, stress su piante e animali) erano probabilmente molto più importanti per la nostra vita e le nostre economie quotidiane. Negli anni ’90, gli scienziati hanno sempre più utilizzato i “cambiamenti climatici causati dall’uomo” per descrivere la sfida che il pianeta deve affrontare.

Finora, il 2018 è il quarto anno più caldo mai registrato. Le temperature più alte del normale sono visualizzate in rosso e le temperature più basse del normale sono visualizzate in blu. RALF GOEBEL / GEMA

Conclusioni

Il riscaldamento globale di oggi è un riscaldamento medio senza precedenti di cambiamento climatico e sta provocando una cascata di effetti collaterali nel nostro sistema climatico. Sono questi effetti collaterali, come i cambiamenti del livello del mare lungo le coste fortemente popolate e il ritiro mondiale dei ghiacciai montani da cui milioni di persone dipendono per l’acqua potabile e l’agricoltura, che probabilmente avranno un impatto molto maggiore sulla società rispetto al solo cambiamento di temperatura.

Articoli scientifici di riferimento:

Science, 189(4201), 460–463.  http://doi.org/10.1126/science.189.4201.460
Climate Data Primer. Climate.gov.
Gillett, N. P., V. K. Arora, G. M. Flato, J. F. Scinocca, and K. von Salzen, 2012: Improved constraints on 21st-century warming derived using 160 years of temperature observations. Geophysical Research Letters, 39, 5, doi:10.1029/2011GL050226. [Available online at http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1029/2011GL050226/pdf]
Global Warming FAQ. Climate.gov.
How do we know the world has warmed? by J. J. Kennedy, P. W. Thorne, T. C. Peterson, R. A. Ruedy, P. A. Stott, D. E. Parker, S. A. Good, H. A. Titchner, and K. M. Willett, 2010: [in “State of the Climate in 2009“]. Bull. Amer. Meteor. Soc., 91 (7), S79-106.
Huber, M., and R. Knutti, 2012: Anthropogenic and natural warming inferred from changes in Earth’s energy balance. Nature Geoscience, 5, 31-36, doi:10.1038/ngeo1327. [Available online at http://www.nature.com/ngeo/journal/v5/n1/pdf/ngeo1327.pdf]
Jouzel, J., et al.  2007. EPICA Dome C Ice Core 800KYr Deuterium Data and Temperature Estimates.  IGBP PAGES/World Data Center for Paleoclimatology  Data Contribution Series # 2007-091. NOAA/NCDC Paleoclimatology Program, Boulder CO, USA.
Mann, M. E., Zhang, Z., Hughes, M. K., Bradley, R. S., Miller, S. K., Rutherford, S., & Ni, F., 2008: Proxy-based reconstructions of hemispheric and global surface temperature variations over the past two millennia. Proceedings of the National Academy of Sciences, 105(36), 13252-13257. doi: 10.1073/pnas.0805721105.
Melillo, Jerry M., Terese (T.C.) Richmond, and Gary W. Yohe, Eds., 2014: Climate Change Impacts in the United States: The Third National Climate Assessment. U.S. Global Change Research Program, 841 pp. doi:10.7930/J0Z31WJ2. Online at: nca2014.globalchange.gov
National Academy of Sciences, Climate Research Board, Carbon Dioxide and Climate: A Scientific Assessment (Jules Charney, Chair). (1979). Washington, DC: National Academy of Sciences. [Online (pdf)] http://web.atmos.ucla.edu/~brianpm/download/charney_report.pdf
Walsh, J., D. Wuebbles, K. Hayhoe, J. Kossin, K. Kunkel, G. Stephens, P. Thorne, R. Vose, M. Wehner, J. Willis, D. Anderson, V. Kharin, T. Knutson, F. Landerer, T. Lenton, J. Kennedy, and R. Somerville, 2014: Appendix 4: Frequently Asked Questions. Climate Change Impacts in the United States: The Third National Climate Assessment, J. M. Melillo, Terese (T.C.) Richmond, and G. W. Yohe, Eds., U.S. Global Change Research Program, 790-820. doi:10.7930/J0G15XS3
Weart, S. (2008). Timeline (Milestones). In The Discovery of Global Warming. [Online] American Institute of Physics website.
What’s in a Name? Global Warming vs. Climate Change. NASA.

Seguiteci su:

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here