Novembre 2019 si è dimostrato essere il secondo novembre più caldo nel record di dati sulla temperatura globale del NOAA.

Dopo ottobre 2019 che è risultato essere il secondo più caldo mai registrato, anche novembre 2019 è stato il secondo più caldo novembre nel record climatico globale di 140 anni.

Inoltre, le temperature di settembre-novembre 2019 e gennaio-novembre 2019 sono state anche esse le seconde più alte di tali periodi mai registrati, secondo gli scienziati dei Centri nazionali di informazione ambientale del NOAA.

Il caldo eccezionale è stato avvertito anche in entrambe le estremità della terra: la copertura del ghiaccio marino artico e antartico è scesa ai minimi quasi record per novembre.

Temperatura di novembre

La temperatura media globale della superficie terrestre e oceanica per novembre 2019 è stata di 0,92 gradi C al di sopra della media del 20 ° secolo e la seconda più alta temperatura di novembre mai registrata, appena prima del novembre 2015.

In effetti, i cinque novembre più caldi del mondo sono tutti avvenuti dal 2013.

Novembre 2019 ha segnato il 43° novembre consecutivo e il 419 ° mese consecutivo con temperature, almeno nominalmente, al di sopra della media del 20 ° secolo.

L’Europa ha registrato il suo settimo novembre più caldo.

Temperatura media globale della superficie del mare

La temperatura media globale della superficie del mare a novembre è stata di 0,77 gradi C sopra la media, la seconda temperatura più alta di novembre registrata, dopo novembre 2015.

Anno corrente e statistiche stagionali

La temperatura globale terrestre e oceanica da inizio anno era di 0,94 di grado C al di sopra della media del 20 ° secolo, che lo ha reso il secondo periodo più caldo da gennaio a novembre nel record di 140 anni – solo dietro lo stesso periodo nel 2016.

La stagione (autunno o primavera, a seconda dell’emisfero) ha visto una temperatura globale terrestre e oceanica 0,94 di un grado C sopra la media del 20 ° secolo che è di 14 gradi C. È stato il secondo periodo più caldo da settembre a novembre mai registrato (il primo posto spetta al 2015).

Eventi climatici più importanti di questo rapporto

  • La copertura del ghiaccio marino si è ridotta alla seconda dimensione più piccola registrata a novembre sia nell’Artico che nell’Antartico alle spalle di quanto osservato a novembre 2016. La copertura del ghiaccio marino artico era del 12,8 percento inferiore alla media 1981–2010, mentre la copertura antartica era inferiore del 6,35 percento media.
  • I continenti e le regioni insulari hanno spazzato via il vecchio record: è stato il novembre più caldo mai registrato per il Sud America, l’Africa e le Isole Hawaii. I Caraibi hanno avuto il secondo novembre più caldo, e l’Europa ha registrato il settimo più caldo in assoluto.
  • Il riscaldamento dell’oceano è proseguito: la temperatura media della superficie del mare al mondo è risultata la seconda più calda dell’anno fino ad oggi – solo di 0,03 di un grado C più fredda rispetto all’anno record del 2016.

Estensione ghiaccio e copertura nevosa

Estensione del ghiaccio marino artico

L’estensione del ghiaccio marino artico per novembre 2019 è stata la seconda più piccola mai registrata a 530.000 miglia quadrate, ovvero il 12,80%, inferiore alla media 1981–2010, secondo un’analisi del National Snow and Ice Data Center (NSIDC) utilizzando i dati di NOAA e NASA.

Le 10 più piccole estensioni di ghiaccio marino dell’Artico di novembre si sono verificate dal 2007. Secondo NSIDC, Il mare di Chukchi, la baia di Hudson e lo stretto di Davis hanno avuto un’estensione del ghiaccio marino ben al di sotto della media per il mese.

L’estensione del ghiaccio marino antartico

L’estensione del ghiaccio marino antartico per novembre 2019 era di 390.000 miglia quadrate, pari al 6,35%, al di sotto della media 1981–2010. Questa è stata anche la seconda estensione del ghiaccio marino più piccola per novembre nel record di 41 anni, trascinandosi dietro l’estensione del ghiaccio marino di novembre record del 2016 (10,6 per cento sotto la media).

L’estensione della copertura nevosa

Secondo i dati del NOAA e analizzati dal Rutgers Global Snow Lab, l’estensione della copertura nevosa dell’emisfero settentrionale nel mese di novembre è stata di 1,20 milioni di miglia quadrate al di sopra della media 1981–2010 e la quinta più alta estensione della copertura nevosa di novembre nel record di 54 anni. Anche le estensioni del manto nevoso nordamericano ed eurasiatico erano al di sopra della media, classificandosi rispettivamente come la terza e la quattordicesima estensione del manto nevoso.

Fonte: Rapporto globale sul clima – novembre 2019

Suggeriamo la visione di:

Qual è la differenza tra riscaldamento globale e cambiamento climatico?

Suggeriamo la lettura di:

Seguiteci su:

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here