Secondo un nuovo importante studio negli ultimi 150 anni, il riscaldamento globale ha più che annullato il raffreddamento globale verificatosi negli ultimi sei millenni.

Prima del 1850 (a cavallo tra il XIX e il XX secolo), la temperatura superficiale media globale (GMST) si andava raffreddandosi ad una velocità di circa -0,15 ° C per millennio.

Non era noto, tuttavia: quando fosse iniziato il raffreddamento e quando il recente riscaldamento globale, guidato dall’attività antropica, abbia superato il GMST massimo dell’Olocene (l’optimum climatico dell’Olocene).

L’optimum climatico dell’Olocene fu un periodo caldo protrattosi all’incirca tra 9 000 e 5 000 anni fa.

L’unica ricostruzione GMST per l’Olocene ha mostrato una massima temperatura media raggiunta intorno a 7000 ± 2000 anni fa, seguita da un raffreddamento globale pluriennale.

Ora secondo un importante studio “Holocene global mean surface temperature, a multi-method reconstruction approach” pubblicato il 30 giugno 2020 su Nature Research’s Scientific Data, negli ultimi 150 anni, il riscaldamento globale ha più che annullato il raffreddamento globale che si è verificato negli ultimi sei millenni.

Darrell Kaufman autore principale dello studio ha affermato: “”Prima del riscaldamento globale, c’era il raffreddamento globale. I lavori precedenti hanno dimostrato in modo convincente che il mondo si è raffreddato naturalmente e lentamente per almeno 1.000 anni prima della metà del 19 ° secolo, quando la temperatura media globale ha invertito il trend in contemporanea all’accumulo di gas serra in atmosfera. Questo studio, basato su un un’importante nuova raccolta di dati paleoclimatici precedentemente pubblicati, combinata con nuove analisi statistiche, mostra con più sicurezza che il raffreddamento globale su scala millenaria è iniziato circa 6.500 anni fa. “

Suggeriamo la visione di: L’influenza della CO2 sul clima

Lo studio

All’inizio di quest’anno, un gruppo internazionale di 93 scienziati paleoclimatici provenienti da 23 paesi ha pubblicato la serie più completa di dati paleoclimatici mai raccolti che copre gli ultimi 12.000 anni, comprimendo 1.319 record di dati basati su campioni prelevati da 679 siti in tutto il mondo. In ogni sito, i ricercatori hanno analizzato prove ecologiche, geochimiche e biofisiche da entrambi gli archivi marini e terrestri, come depositi lacustri, sedimenti marini, torba e ghiaccio del ghiacciaio, per inferire i passati cambiamenti di temperatura.

Michael Erb, scienziato che ha partecipato alla ricerca, ha affermato: “Il tasso di raffreddamento che seguiva il picco del calore dell’Olocene era lieve, solo di circa 0,1 ° C per 1.000 anni. Questo raffreddamento sembra essere guidato da cicli lenti nell’orbita terrestre, che hanno ridotto la quantità di luce solare estiva nell’emisfero settentrionale, culminando nella “Piccola era glaciale” degli ultimi secoli.

Suggeriamo per comprendere meglio la visione: Qual è la differenza tra riscaldamento globale e cambiamento climatico?

Temperatura media superiore a quella attuale

Dalla metà del XIX secolo, il riscaldamento globale è salito a circa 1 ° C, suggerendo che la temperatura media globale dell’ultimo decennio (2010-2019) era più calda che mai durante l’attuale periodo post-glaciale.

Nicholas McKay co-autore dello studio ha dichiarato: “…l’ultimo decennio sarà probabilmente più freddo di quello che saranno le temperature medie per il resto di questo secolo e oltre, che molto probabilmente continueranno ad aumentare “.

Ha detto Kaufman: “È possibile che l’ultima volta che la temperatura globale media era di 1 ° C al di sopra della temperatura media del 19 ° secolo sia stato prima dell’ultima era glaciale, all’incirca 125.000 anni fa quando il livello del mare era di circa 6 metri più alto di oggi”.

Conclusioni

Cody Routson terzo autore dello studio: “Indagare il modo in cui la temperatura è cambiata naturalmente nello spazio e nel tempo ci aiuta a capire e quantificare i processi che causano il cambiamento climatico, che è importante in quanto ci prepara per l’intera gamma di futuri cambiamenti climatici dovuti a cause sia umane che naturali”.

“Il nostro clima futuro dipenderà in gran parte dall’influenza dei fattori umani, in particolare dall’accumulo di gas serra. Tuttavia, anche il clima futuro sarà influenzato da fattori naturali e la variabilità naturale lo complicherà all’interno del sistema climatico. Le future proiezioni dei cambiamenti climatici saranno migliorate da una migliore spiegazione dei fattori sia antropogenici che naturali “, ha affermato.

Journal Reference:

Darrell Kaufman, Nicholas McKay, Cody Routson, Michael Erb, Christoph Dätwyler, Philipp S. Sommer, Oliver Heiri, Basil Davis. Holocene global mean surface temperature, a multi-method reconstruction approach. Scientific Data, 2020; 7 (1) DOI: 10.1038/s41597-020-0530-7

Seguiteci su:

Libri per farsi un’idea più chiara su riscaldamento globale, effetto serra e la crisi climatica in atto nel mondo

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here