La temperatura media degli ultimi dodici mesi, da luglio 2019 a giugno 2020, è stata la più alta nel record di dati del servizio europeo Copernicus Climate Change (c3s).

La media su periodi di dodici mesi attenua le variazioni a breve termine delle temperature medie regionali e globali.

Le temperature medie nel periodo di dodici mesi da luglio 2019 a giugno 2020 sono state:

  • ben al di sopra della media del 1981-2010 su gran parte della Siberia e dell’Oceano Artico a nord, a nord dell’Alaska e su parti dell’Antartide occidentale;
  • sopra la media praticamente in tutta Europa;
  • sopra la media sulla maggior parte delle altre aree di terra e oceano;
  • sotto la media su alcune aree terrestri, in particolare il Canada centrale e l’India settentrionale, e alcune aree oceaniche, prevalentemente nell’emisfero meridionale.

A livello globale, il periodo di dodici mesi da luglio 2019 a giugno 2020 è stato di 0,65 ° C più caldo rispetto alla media 1981-2010.

Il 2016 è l’anno solare più caldo mai registrato, con una temperatura globale di 0,63 ° C superiore a quella del periodo 1981-2010. Il 2019 è il secondo anno più caldo in questo record di dati, con una temperatura di 0,59 ° C sopra la media.

Mettendo in relazione la temperatura media degli ultimi 12 mesi rispetto alla temperatura media preindustriale, si è registrato un aumento di 1,3 ° C.

Suggeriamo la lettura di: Giugno 2020: il secondo più caldo mai registrato

Fonte dei dati: ERA5. 
Credito: Copernicus Climate Change Service / ECMWF

Conclusioni

Ricordiamo che esistono vari set di dati riguardo alle temperature globali che possono presentare piccole variazioni nelle temperature riportate.

Le temperature medie su dodici mesi, relative al periodo 1981-2010, qui presentate sono più elevate di quelle di altri cinque set di dati, tra 0,03 ° C e 0,14 ° C, con una mediana 0,06 ° C, per l’anno 2019.

Ciò è dovuto in parte alle differenze nella misura in cui i set di dati rappresentano le condizioni relativamente calde che hanno prevalso sull’Artico e sui mari attorno all’Antartide. Le differenze nelle stime sia della temperatura della superficie del mare altrove che delle temperature sulla terra al di fuori dell’Artico sono stati ulteriori fattori.

Suggeriamo la lettura di: Riscaldamento estremo del Polo Sud

Esiste tuttavia un accordo generale tra i set di dati riguardanti:

  • l’eccezionale calore del 2016 e il calore anche del 2015, 2017, 2018 e soprattutto 2019;
  • l’aumento generale della temperatura globale a un tasso medio vicino a 0,2 ° C per decennio dalla fine degli anni ’70;
  • il periodo prolungato di temperature superiori alla media dal 2002 in poi.

Fonte: Copernicus Climate Change Service

Seguiteci su:

Libri per farsi un’idea più chiara su riscaldamento globale, effetto serra e la crisi climatica in atto nel mondo

YouTube:

Dal momento che sei qui ... ... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Più persone stanno leggendo il The Marsican Bear, ma non abbiamo entrate. E a differenza di molti media, vogliamo mantenere il nostro servizio completamente gratuito. Quindi puoi capire perché dobbiamo chiedere il tuo aiuto. La divulgazione scientifica indipendente impegna molto tempo, denaro e duro lavoro. Ma lo facciamo perché crediamo che il nostro progetto sia importante. The Marsican Bear è indipendente dal punto di vista editoriale. La nostra divulgazione è libera da pregiudizi commerciali e non è influenzata da proprietari, politici o azionisti. Nessuno modifica il nostro editor. Nessuno dirige la nostra opinione. Questo è importante perché ci consente di divulgare in modo totalmente obiettivo. È ciò che ci rende diversi rispetto a tanti altri media, in un momento in cui i rapporti attendibili e onesti sono fondamentali. Se tutti quelli che leggono i nostri articoli, aiutano a sostenerlo, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Con un minimo di € 1, puoi supportare il The Marsican Bear - e richiede solo un minuto. Grazie. Link per donazione: Donazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here